Asnas (Cima dell’)dal Bocchetto Sessera

Asnas (Cima dell’)dal Bocchetto Sessera
La gita
andrea81
4 15/12/2019
Accesso stradale
strada pulita e ampio parcheggio al Bocchetto Sessera
Osservazioni
Nessuno
Neve (parte superiore gita)
Crosta da rigelo portante
Neve (parte inferiore gita)
Primaverile/trasformata
Quota neve m
1100

Gita che inizia subito con la discesa verso la Casa del Pescatore, terreno subito innevato ma ben battuto, racchette opzionali mentre io consiglio, data la presenza di tratti ormai marmorizzati, di usare i ramponcini per scendere in relax. Raggiunto il ponte, poco dopo si inizia a salire, sempre seguendo la strada (impraticabili tagli nel bosco) fino a due tornanti sopra l’Alpe Briolo, dove si abbandona la strada a favore della dorsale (inizialmente boscosa). Qui calzo le racchette ai piedi, neve perfetta, crosta portante grazie al buon rigelo nonostante le temperature tutt’altro che rigide. Era presente una traccia di sci ma si sale bene ovunque. Molto piacevole e sinuosa la dorsalona fino verso la Colma del Balmello, dove è presente l’unico tratto che si può definire BR, il ripido seppur breve pendio da superare, ma volendo è possibile bypassarlo traversando 30 m sotto (un po’ scomodo oggi a causa di neve riportata che tendeva a far scivolare). Dopo il percorso torna più dolce e si vede la cima. Si incontra un tratto di cresta pianeggiante ma un po’ più esile, dove occorre prestare attenzione agli accumuli su entrambi i versanti (meglio comunque stare sul lato sinistro). Dopodichè ultimo strappo su dorsalona-pendio moderatamente ripido ma semplice, fino al panettone della cima. Innevamento sopra i 1700 m davvero abbondante, occorre restare cauti in queste zone considerate le tante valanghe di fondo sui pendii sud, e gli evidenti accumuli-lastroni sulle esposizioni nord.
Discesa dal percorso di salita, volendo era possibile scendere direttamente il pendio sud verso l’Alpe Campo delle Quare, ma la neve primaverile stava mollando un po’, perciò sono ridisceso dalla traccia di andata, per poi optatare per una dorsale parallela a quella di salita sul versante dell’Alpe Campo delle Quare, che ho raggiunto, per poi proseguire su stradina ricollegandomi al percorso di salita all’Alpe Briolo. Risalita dalla Casa del Pescatore non faticosa perchè dolce, ma monotona (mezz’ora circa).

Giornata di sole e senza vento fino al primo pomeriggio, poi come da previsioni nubi in arrivo da est. Panorama meraviglioso. Incontrato alcuni scialpinisti in cima (e visti altri mentre scendevo) e un simpatico runner salito a piedi senza racchette e senza ramponi solo con scarpette leggere…. Bella gita, adatta alle giornate invernali.

Link copiato