Adamello (Monte) da Malga Bedole per la Vedretta del Mandrone e il Pian di Neve

Adamello (Monte) da Malga Bedole per la Vedretta del Mandrone e il Pian di Neve
La gita
fabix_81
4 27.08.2016

Arrivati a Malga Bedole con la navetta, che risale la Val Genova (bellissima) abbiamo raggiunto il rifugio Mandrone in circa 2.30 ore sul sentiero 212 sempre ben evidente e affollato.
Poco prima di arrivare al rifugio suggerisco di fare visita al centro glaciologico “Payer” .
Al Mandrone ci siamo trovati benissimo, i rifugi Trentini non si smentiscono mai, ottimo sia il menù che il pernottamento in stanze da 4 persone. Il mattino seguente partenza alle 6 (molto tardi) ci siamo diretti verso il ghiacciaio dell’Adamello. Attualmente a causa di una frana l’ultima parte di sentiero che si conclude a quota 2800 circa è inagibile. Più in basso, a quota 2500 circa sul sentiero è presente un’ evidente freccia bianca verniciata su un masso che piega verso sinistra, seguendo tacche bianche e ometti si arriva alla base del ghiacciaio.
Ghiacciaio oltre ad essere infinito come sviluppo trovato in condizioni pessime purtroppo, ma data la stagione avanzata c’era da immaginarselo. Crepi tutti aperti da aggirare o da saltare, per fortuna che si concludono ai pian di Neve. Per raggiungere la vetta abbiamo impiegato 7 ore, bellissima la crestina rocciosa da risalire, I e II grado comunque sia sono presenti delle catene per facilitare la progressione. Discesa eterna sulla stessa via e arrivo alle 20 al Mandrone. Tecnicamente tutto facile, ma solo per allenati. Gita sociale CAI sezione Ligure 7 partecipanti di cui 5 arrivati in vetta.

Link copiato