Moro (Monte) da Frabosa Soprana, giro per Avenida

difficoltà: MC / MC+ / S2   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 905
quota vetta/quota massima (m): 1676
dislivello salita totale (m): 771
lunghezza (km): 23

copertura rete mobile
vodafone : 60% di copertura

contributors: Puma
ultima revisione: 16/06/17

località partenza: Frabosa Soprana (Frabosa Sottana , CN )

punti appoggio: Frabosa Soprana

cartografia: Carta dei sentieri e stradale 1:25000 N° 22 - Fraternali editore

accesso:
Da Mondovì (CN) si seguono le indicazioni per Frabosa Sottana. Qui giunti, alla rotonda si svolta a sinistra su strada asfaltata che, in pochi chilometri e con numerosi tornanti, conduce a Frabosa Soprana. Alla rotonda svoltare a sinistra seguendo la circonvallazione, e lasciare l'auto in uno spiazzo, nei pressi di un impianto sportivo e della stazione di partenza della seggiovia che conduce a Monte Moro.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio si raggiunge il centro di Frabosa Soprana , da dove si prosegue in salita passando davanti alla caserma dei Carabinieri. Subito dopo ci si mantiene sulla destra, trascurando il ramo di sinistra (che conduce all’hotel Skylift), e si prosegue in salita arrivando ad un corto e stretto tunnel. Conviene aggirare il tunnel passando sullo sterrato a monte, per evitare di incrociare delle automobili (il tunnel è stretto, e i manubri delle MTB sono larghi...); sulla destra si nota l’inizio della strada che conduce a Monte Moro (palina indicatrice); ma non è questa la via che si deve seguire. Si prosegue in decisa salita sull’asfalto, toccando le località Lanza Villa, Tomenotti (m.1003) e quindi Croce (m. 1043; km 2.04). Poco dopo finisce l’asfalto, la salita diminuisce di pendenza e la carrareccia prosegue, alternando tratti nel bosco a tratti privi di copertura arborea.
Il fondo stradale è sempre buono e permette di procedere senza intoppi. Si continua arrivando al punto in cui una strada, proveniente dalla cappella di S. Bartolomeo, confluisce nella nostra. Occorre proseguire sempre avanti, con pendenza non molto sostenuta. Più avanti, in un tratto in mezzo al bosco, si nota sulla sinistra l’inizio di un sentiero single track in discesa, che sarà percorso al ritorno, e che altro non è, se non l’ultimo tratto dell’Avenida. Proseguendo ancora, si trascura la deviazione sulla destra che conduce in località Burrino, e si cominciano ad intravedere le case del Prel. Qui il fondo peggiora un po’, sia per la presenza di pietrisco smosso, sia perché la pendenza torna leggermente ad aumentare.
Comunque, passato questo tratto, si perviene all’ultima parte del percorso, mentre in lontananza si vede sulla sinistra la strada asfaltata che scende a Corsaglia; un ultimo strappo sullo sterrato e ci si immette sull’asfalto, che dopo poche decine di metri conduce al Colle del Prel, dove si trova anche una provvidenziale fontana.
Dal Prel si prosegue su asfalto in leggera salita, fino al secondo tornante dove si lascia la strada principale e si imbocca una via a sinistra (via Monte Moro), che diviene tosto sterrata e che conduce, con alternanza di tratti pianeggianti ad altri in salita, a Monte Moro e alla Baita delle Stelle, punto di arrivo della seggiovia che parte da Frabosa Soprana, nei cui pressi si è lasciata l’automobile. Da questo punto si ha un'ottima vista sulla vallata sottostante e su Frabosa Soprana.
In condizioni normali bisognerebbe ora ritornare indietro di circa 200 metri, in prossimità di un bivio, dove il tracciato si biforca: il ramo di destra ritorna al Colle del Prel, quello di sinistra, invece, scende a Frabosa. Da quest'ultimo tracciato, percorsi circa 800 metri in discesa, si stacca sulla sinistra un bike track chiamato Avenida (palina indicatrice). Purtroppo in questo periodo è sbarrato, forse per frane o altro accidente che si spera temporaneo. Così, non resta che riprendere mestamente l'itinerario di discesa. Per fortuna, passata la località Burrino (indicata da una palina), e percorso ancora circa un Km, ci si immette sull'ultimo tratto del track "Avenida", lungo 1.25 km di puro godimento ciclistico. Si tratta di un sentiero abbastanza facile, con numerosi tornanti e il fondo talora ricco di pietre smosse, con un piccolo drop e due corte passerelle di legno, tutto in mezzo ai boschi, che sbuca nei pressi della cappella di San Bartolomeo. Di qui, girando a sinistra, su sterrata prima e su asfalto poi, si arriva nei pressi dell'hotel Skylift; abbandonando la strada asfaltata si gira a destra su un sentierino a mezza costa, che confluisce nell'ultimo tratto in discesa di una delle tante piste MTB che scendono da Monte Moro a Frabosa Soprana.