Tressa (Monte la), monte da Ruata Prato, discesa per borgata Ghio

sentiero tipo,n°,segnavia: Strade asfaltate e sterrate poi sentiero segnalato
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 796
quota vetta/quota massima (m): 1431
dislivello salita totale (m): 635

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Klaus58
ultima revisione: 05/01/15

località partenza: Ruata Prato (Dronero , CN )

punti appoggio: Rifugio Margherita

cartografia: IGC 1:50000 valli Stura-Grana-Maira

bibliografia: valle Maira, Piera e Giorgio Boggia, ed.l'Arciere

accesso:
Cuneo > Dronero > Tetti di Dronero > Ruata Prato

note tecniche:
Gita da farsi in tardo autunno o in inverni scarsi di neve. Alcuni tratti con esposizione Nord possono essere ghiacciati.

descrizione itinerario:
Da Ruata Prato si segue per circa 500 m. la strada per il colle di santa Margherita, presso le case Molini (palina) si segue a sinistra la diramazione anche questa asfaltata per circa 1,5 km che si addentra nel boscoso valloncello Diano. Lasciate le diramazioni per borgata Eremita e borgata Diano si prosegue sul fondo fino a che la strada (diventata sterrata) comincia una lunga serie di tornanti e termina alla borgata Mestre, composta di poche case ben ristrutturate.
Attraversata la borgata (palina) inizia un bel sentiero che con un lungo giro prima verso Est, tocca una selletta da dove, volendo, si può toccare in pochi minuti (tacche blu) la vicina punta Allardo sulla cui cima c'è una piccola croce e una dedica ad un defunto.
Dalla selletta (palina) si continua sul sentiero che dopo alcune svolte doppia un costone e piega verso Ovest tornando in quota sopra la borgata Mestre ed in breve al colle La Tressa (m.1355, Palina).
Svoltando a destra (Nord) si sale nel fitto e ripido bosco seguendo la dorsale fin sulla cima del monte La Tressa, piccolo ometto tra la vegetazione.
Tornati al colle si può continuare sul sentiero segnalato che scende dalla parte opposta e sbuca su una strada sterrata nei pressi della grande e bellissima borgata Ghio (chiesetta ristrutturata). Seguendo la strada in discesa si va a sfociare in circa 40 minuti sulla strada del colle santa Margherita circa 1 km a monte di dove si era lasciata chiudendo così l'anello.