Observatoire (Pointe de l') giro della Vanoise da Pont de Chatelard (4 gg)

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1347
quota vetta/quota massima (m): 3015
dislivello salita totale (m): 4800

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: ghiglio
ultima revisione: 26/08/14

località partenza: Pont de Chatelard (Termignon , 73 )

punti appoggio: Refugi d'Arpont, Col de la Vanoise,Vallette, Fond d'Aussois, de la Fournache, etc.

accesso:
Moncenisio, Termignon

note tecniche:
Sentieri sempre evidenti e ben segnati da cartelli con tempistiche escursionistiche, a volte su pietre e sfasciumi ma prevalentemente su ottimo fondo compatto. Un solo breve tratto attrezzato per salire al col Grand Marchet.

descrizione itinerario:
Partenza da Pont Chatelard vicino a Termignon. Si sale seguendo le indicazioni per il Rifugio D'Arpont, arrivati alle vecchie baite di Montafia inizia il giro ad anello. Il quarto giorno si ripasserà di qui. Al rifugio Arpont il grosso del dislivello si è già fatto per cui sempre su una quota variabile dai 2300 ai 2600 si prosegue passando sotto il Dome de Chasseforet, al Monte Pelme con il suo lago omonimo, si superano i laghi Lozieres e aggirando la Pointe de la Rechasse ci si porta al cospetto della Pointe Mathews. Tra il lago Rond e il lac Long si trova il rifugio del Col de la Vanoise dove finisce la prima tappa ( quella con maggiore dislivello positivo ) con la vicina e maestosa presenza della Gran Casse e del suo couloir.
La seconda tappa prevede l'arrivo al rifugio de la Vallette passando dal col du Grand Marchet che prevede solo un brevissimo tratto attrezzato. Dopo il colle si attraversano un paio di torrenti su sfasciumi creati da due verticali cascate (in base alle condizioni potrebbero creare qualche difficoltà ).
Il terzo giorno si arriverà al rifugio Fond d'Aussois passando dal col d'Aussois e facendo una puntatina alla Pointe de l'Observatoire. La quarta ed ultima tappa è lunga anche se prevalentemente in discesa. Si passa vicino al rifugio de la Fournache nel vallone omonimo con bella veduta della Dente Parrachée ma poi ci si porta sopra la diga del Plan d'Amont e al rifugio Plan Sec. Si rimane in alto su Aussois e si arriva alle rovine de la Turra, quindi la Loza infine a Montafia e al ponte Chatelard.