Duca degli Abruzzi all'Oriondè (Rifugio) e Laghi di Cime Bia da Cervinia, giro per le morene del Furggen

L'itinerario

difficoltà: BC / OC / S3   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 2000
quota vetta/quota massima (m): 2931
dislivello salita totale (m): 1200
lunghezza (km): 24

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: alfonsom
ultima revisione: 01/08/14

località partenza: Cervinia (Valtournenche , AO )

punti appoggio: Rifugio Duca degli Abruzzi all'Oriondè

cartografia: IGC 1:25000 Cervino e Monte Rosa n. 108

note tecniche:
Anello di gran soddisfazione in alta montagna, panorami e passaggi tecnici

descrizione itinerario:
da Cervinia salire sulla ripida e faticosa sterrata che porta al Rif. Duca degli Abruzzi proprio alle pendici della Gran Becca; 800 metri di dislivello in 10 km circa! Consiglio di salire a piedi (100 mt. circa)alla Croce dedicata a Jean Antoine Carrel e punto di partenza per la salita al Cervino.
Dal Rifugio dirigersi verso NE e seguire le tracce di sentiero su pietraie e morene sfasciumose dell'Altavia 3.
Il percorso tra sali, scendi e traversi è abbastanza ciclabile con brevissimi tratti di portage.
Prestare attenzione ad alcuni guadi che possono diventare pericolosi a seconda dell'ora di attraversamento e/o della stagione; Molto spettacolare un tratto di discesa su una morena laterale del Gh. di Furggen ormai ritiratosi completamente! una crestina suggestiva e tecnica a picco sul Breuil.
Perdendo via via quota si giunge sulle piste e cercando di non giungere a Plain Maison imboccare la strada di servizio che risale proprio a fianco della seggiovia Plain Maison; iniziano qui delle rampe al limite della pedalabilità; i più bravi e allenati (anche alla quota) possono provare a pedalarle tutte fino ai 2900 metri della staz. Superiore da cui parte in piano una sterrata molto panoramica sui ghiacciai soprastanti e sulle altre vette della Valle d'Aosta.
Si Giunge ad un colletto da cui in ripida discesa di plana sui bellissimi e azzurri laghi di Cime Bianche proprio accanto alla nuova Funivia di Plateau Rosà. A seconda della stagione può essere difficile guadare l'emissario del lago più basso. E' un passaggio breve, in piano, ma con l'acqua profonda e gelida, non pedalabile!
talvolta si trovano delle assi per il passaggio; in caso negativo consiglio di guadare a piedi nudi per non bagnare le calze e le scarpe (a 3000 metri può essere un problema rimanere con i piedi bagnati!).
Ormai ci aspetta solo più discesa o dalla pista Ventina ( bella anche in estate) oppure percorrendo tratti della pista DH e del sentiero 16 che piomba in breve su Cervinia a patto di avere le pastiglie dei freni nuove!


Stazione Nivologica (Altre)

Maen - 1310m (7.4 km)