Torrent (Vallone) Colle 2657 m anello nel Vallone di Youlaz

sentiero tipo,n°,segnavia: Andata sentieri n. 3-6, poi 3; ritorno 3B, 3C
difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1302
quota vetta/quota massima (m): 2657
dislivello salita totale (m): 1355

copertura rete mobile
vodafone : 80% di copertura

contributors: Brunello 56
ultima revisione: 18/05/14

località partenza: Elevaz (La Thuile , AO )

punti appoggio: Pre Saint Didier

cartografia: Carta L’Escursionista, Fg. 2, La Thuile, Scala 1:25000

bibliografia: L. Zavatta – Le Valli del Monte Bianco – L’Escursionista Editore

accesso:
Da Pre Saint Didier si risale la valle di La Thuile fino ad Elevaz, ove si parcheggia

note tecniche:
Salendo da Elevaz, all’arrivo all’Alpeggio di Plan Praz si offrono più alternative: il sentiero-autostrada per il Mont Crammont, il sentierino per il Meyen di Youlaz, le tracce di bestiame che entrano nel vallone di Torrent.
Seguendo queste ultime e puntando alla testa del vallone si arriva al colle 2657 m che divide il Vallone di Torrent da quello dell’Arp: vista bellissima sulla catena dl Bianco, in un ambiente contraddistinto dalla wilderness assoluta.
Per il ritorno è poi possibile variare il percorso, traversando nel Vallone di Youlaz da dove si torna ad Elevaz, chiudendo così il giro ad anello.

descrizione itinerario:
Da Elevaz (1302 m) seguire la strada asfaltata fino al villaggio di Torrent (1344 m); attraversare il villaggio (indicazioni con palina segnavia) poi, fatti pochi metri, dalla pista si stacca a sinistra il sentiero 3-6 (freccia in legno sull’albero) che sale sempre visibile e ben marcato nella rada macchia.
Arrivato ai ruderi di Queidroz si trova il bivio dove i due sentieri si separano: il 6 scende a Pre Saint Didier, il 3 continua per il Crammont (indicazioni). Continuando lungo il sentiero, che sale nel bosco tagliando i tornanti della strada sterrata, si arriva all’Alpeggio di Chanton (1817 m). Continuare lungo la sterrata, si costeggiano gli alpeggi di Mialay (1868 m) e si arriva in breve alla croce, e appena oltre questa, a Plan Praz (2099 m).
Seguire ora le tracce che, attraversando i pascoli, entrano nel vallone di Torrent. Man mano ci si innalza si vede la testata con la depressione del colle.
Continuare rimanendo sulla parte bassa del vallone e portarsi alla base del colle; se si traversa sul versante sinistro del vallone (destra salendo) e ci si porta contro la parete rocciosa si trova una traccia (sentiero dei camosci) che agevola la progressione e porta al ripido pendio erboso, risalendo il quale si arriva al colle.
Per il ritorno (attenzione in discesa) seguire il percorso dell’andata fino al tramaglio, poi imboccare il sentiero 3B che traversa a mezzacosta e porta nel Vallone di Youla.
Il sentiero non è ben visibile al tramaglio; occorre attraversare il pianoro erboso di fronte all’alpeggio fino alla stazione di rilevamento, ben visibile; qui si intravede il sentiero che, sempre ben marcato e segnalato, aggira il costone e si immette nel vallone di Youla, scendendo poi al Meyen quota 2035 m.
Qui si scende sempre seguendo la strada sterrata fino a passare gli alpeggi di Peson, che si lasciano sulla destra, al primo bivio voltare a sinistra per gli alpeggi di Tza (1896 m), di fronte ai quali si imbocca il sentiero 3C (palina segnavia) che, scendendo nel bosco, ritorna ad Elevaz.