Resegone (Monte) Canalone Bobbio

difficoltà: F+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord-Ovest
quota partenza (m): 600
quota vetta (m): 1875
dislivello complessivo (m): 1400

copertura rete mobile
vodafone : 60% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: gianbo
ultima revisione: 13/01/14

località partenza: Funivia Piani d'Erna (Lecco , LC )

punti appoggio: rifugio Azzoni

cartografia: Kompass Lecco e Val Brembana

accesso:
Dalla SS36 in direzione di Lecco si segue per la Valsassina, entrando nel tunnel. Uscire per Piani D'Erna - Funivia e parcheggiare nell'ampio piazzale.

note tecniche:
Frequentato itinerario invernale percorribile con picozza, ramponi e caschetto. Informarsi sulle condizioni del canale presso il Rifugio Azzoni.
Attenzione all'ultimo tratto del sentiero di avvicinamento, che può essere pericoloso in presenza di ghiaccio.

descrizione itinerario:
Classico canalone molto frequentato durante la stagione invernale. Offre una salita semplice e, abbinato alla traversata in cresta verso la vetta, regala un paesaggio entusiasmante e un bellissimo giro ad anello intorno ad una delle montagne più belle del lecchese.

Dal parcheggio seguire il sentiero che scende nel bosco in direzione sud. Dopo poco il sentiero si collega ad una strada asfaltata che, dopo circa 500 metri, termina in una mulattiera.
Si segue il sentiero numero 1 che porta alla vetta del Resegone. Poco dopo aver superato il rifugio Stoppani, si percorre un breve tratto in salita seguito da un tratto in piano (fontana). Poco dopo si prende il sentiero sulla sinistra che sale più ripido verso i Piani d'Erna (indicazione).
Giunti alla Bocchetta d'Erna (1.45 circa), si segue il segnavia n° 10 che passa in prossimità di alcune villette sul versante ovest del Resegone. In alternativa, nei giorni di apertura, è possibile giungere ai Piani d'Erna con la funivia.
Da qui si segue un sentiero che traversa i pendii occidentali (attenzione in caso di neve o ghiaccio, tratti esposti). E' facile sbagliare l'attacco del canale: per non confondersi bisogna arrivare a percorrere uno speroncino in salita di una quindicina di metri attrezzato con passamani e paletti di ferro, a cui segue una piccola piazzola ricavata con tubi innocenti e un ultimo traversino.
Il canale è lungo circa 300 metri ed è su pendenze di 40° circa, con due saltini di 45° attrezzati con catene. Se molto innevato i salti di roccia sono parzialmente coperti.
Terminato il canale si esce alla bocchetta di Bobbio (3.30 / 4.00 dal piazzale della funivia)per poi seguire la cresta che si sviluppa sulla destra. La cresta va seguita, eventualmente aggirando i tratti più ripidi, fino alla croce sommitale della punta Cermenati(mt. 1875), da cui si scende per il rifugio Azzoni.
Dal rifugio, si rientra al piazzale seguendo il sentiero numero 1 che, se le condizioni lo permettono, può essere accorciato utilizzando uno dei canali che solcano il versante ovest di discesa.