Ofen Halma

difficoltà: 6b+ / 6a+ obbl / A0
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 1940
sviluppo arrampicata (m): 280
dislivello avvicinamento (m): 1000

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: quelo64
ultima revisione: 25/10/13

località partenza: Turrenbach, Melchtal (Kerns , OW )

bibliografia: M. Della Bordella Arrampicare in Svizzera Ed. Versante Sud 2012

accesso:
Autostrada A2 svizzera, dopo il traforo del Gottardo superare Altdorf e poco prima di Lucerna prendere la superstrada per Sarnen-Interlaken. Uscita Sarnen Nord, direzione Kerns, Sankt Niklausen e Melchtal (17 km). 1,7 km dopo Melchtal svoltare a sinistra per stretta stradina asfaltata (cartello Wanderweg) e parcheggiare 200 metri sopra (da qui divieto di transito). Proseguire a destra per la strada seguendo le indicazioni per Unter Boden.

Raggiunto l'alpeggio dove la strada ha termine, proseguire ancora per un ripido sentiero (indicazione Wolfisalp, segnavia bianco-rosso) per altri 40 minuti.
Giunti sotto la parete risalire il ghiaione da destra a sinistra e portarsi alla base dell'evidente placca triangolare dove attacca la via (vedi foto). Ore 2 dal parcheggio.

note tecniche:
Bellissima arrampicata prevalentemente atletica su muri e pance strapiombanti, roccia perfetta, estremamente appigliata, ruvida e abrasiva; chiodatura rivista nel 2006, molto ravvicinata. Probabilmente la più bella della parete nel suo ordine di difficoltà.
Tiri di corda in genere corti. I gradi riportati sotto sono tratti da una relazione sul sito di Cristoph Moser, sono più alti di circa mezzo grado di quelli indicati sulla guida Versante Sud.
Attenzione: in zona vige il divieto di arrampicata dal 15/11 al 15/5 per motivi di protezione della fauna selvatica nel periodo invernale.

descrizione itinerario:
L1 originale: linea di spit-fix di sinistra, placca e tettino in alto, 6c+/7a, 35 m, 11 fix.
L1 variante denominata "Halma light": linea di destra, fessure parallele, tettino e traversata a sinistra su placca alla prima sosta. 40 m, 6b, 13 fix.
L2:Speroncino facile a destra della sosta, tettino rognoso poi più facile fino in sosta. 40 m, 6b (passo di blocco), 10 fix.
L3: parete a strati e appena a sinistra diedrino fessurato di bella roccia. 20 m, 5c+, 7 fix.
L4: a destra muro giallastro strapiombante, alla sua fine traversata a destra alla sosta su buona lista per i piedi. 30 m, 6b+, 9 fix.
L5: sopra la sosta, leggermente a sinistra, muro grigio a buche da lettera,uscita ancora a destra in sosta. Tiro bellissimo, 25 m, 6b+, 7 fix.
L6: dritti sopra la sosta per un muro grigio entusiasmante (variante aperta nel corso della richiodatura: la via originale passa per il camino a destra). 30 m, 6a+, 7 fix.
L7: a sinistra su roccia a strati e quindi fessura-lama obliqua con passaggio sbilanciante, poi direttamente per risalti di roccia grigia. 40 m, 6a+/6b, 11 fix.
L8: si aggira a sinistra un risalto, poi a destra ad una svasatura con passo difficile per giungere in sosta. 25 m, 6a+/6b, 7 fix.
L9: breve strapiombo giallo con tre fix vicini e spostamento obliquo a destra alla sosta sullo spigolo. 15 m, 6b, 5 fix.
L10: a destra dello spigolo per una bella rampa di roccia grigia che esce in vetta. 30 m, 5c+/6a, 8 fix.

Discesa: in corda doppia sulla via. Partenza della prima calata sul bordo della parete circa 15 metri a sinistra (faccia a monte) del punto di uscita. terz'ultimo ancoraggio di calata spostato circa 15 metri a destra (faccia a monte) della sosta di via. Necessarie 6 calate, non lunghissime (max. 45 metri)

altre annotazioni:
Via aperta da Peter Schoch e Kurt Winkler nel 1987, richiodata a fix-inox da Peter Schoch nel 2006