Ofen Leiterlispiel

Ofen Leiterlispiel

Dettagli
Altitudine (m)
1940
Dislivello avvicinamento (m)
1000
Sviluppo arrampicata (m)
260
Esposizione
Sud
Grado massimo
6c
Difficoltà obbligatoria
6b
Difficoltà artificiale (se pertinente)
a0

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Arrampicata di placca nella parte inferiore di riscaldamento, verticale e strapiombante nelle ultime tre lunghezze dove si concentrano le difficoltà.
Richiodata a fix e addolcita rispetto all'originale. Via un tempo temuta, ora alla portata di molti.
Roccia con pochi eguali nella parte alta.
Avvicinamento
Milano-Como-Chiasso poi A2 Svizzera fin quasi a Lucerna. 10 km prima prendere la superstrada per Interlaken e uscire a Sarnen nord, proseguire per Kerns, Sankt Niklausen e Melchtal. 1.7 km dopo il paese, località Turrenbach, svoltare a sinistra su stradina in salita e 300 m a monte parcheggiare (da qui divieto di transito). Proseguire a piedi sulla strada fino a Unter Boden 1455 m, poi per ripido sentiero fin quasi alla Wolflisalp. Giunti sotto la parete risalire al meglio per i ripidi ghiaioni fino alla base delle rocce. La via attacca all'estremo sinistro del settore centrale a sinistra dello spigolo del pilastro percorso dalla classica Indianer Pfeiler. Ore 2 da Turrenbach.
Descrizione

L’attacco si individua per una breve rampa erbosa obliqua a destra (circa 7-8 metri), alla sommità della quale si trova il primo spit di via (e anche il primo passo duro).
L1, 40 m, 6b: placca verticale a prese poco nette, alla fine si evita a sinistra il tettino.
L2, 30 m, 5c+/6a: diedro aperto a sinistra della sosta, poi bellissimo muro a buche da lettera.
L3, 40 m, 5c: spostamento poco a destra, pilastro a strati (facile) quindi si supera un salto verticale per un breve diedrino polveroso.
L4, 40 m, 6a+/6b: attacco a sinistra della sosta su strapiombo a blocchi per niente facile, poi bellissima lunghezza in placca verticale tendendo sempre un poco a destra.
L5, 40 m, 6a: muretto da capire sopra la sosta, poi placca inclinata più semplice che si sale tendendo decisamente a destra verso il filo del pilastro.
L6, 20 m, 6b+ boulder oppure A0: a destra della sosta si affronta lo strapiombo, passo morfologico molto duro oppure A0 con due fix vicinissimi, poi si torna a sinistra i sosta subito sopra lo strapiombone.
L7, 20 m, 6c: direttamente sopra la sosta si supera una placca di roccia grigio-gialla strapiombante, roccia a goccette piccole e molto dolorose.
L8, 40 m, 6c: a sinistra si entra in una concavità di roccia gialla che sembra una grattugia, si esce a sinistra e si attraversa a sinistra più facilmente su placca grigia meravigliosa, prendendo gradualmente quota fino ad uscire sul plateau di vetta. Tiro fantastico.

Discesa: dall’uscita si risale poche decine di metri sulla destra. Appena oltre la vetta del pilastro su un masso c’è una sosta da calata. Con 20 metri lungo un canale erboso (attenzione alle pietre) si arriva all’ultima sosta della Indianer Pfeiler. Qui ci si può calare direttamente incontrando varie soste di calata, poco a destra (linea di Schwarz Peter) oppure a sinistra (Indianer). In funzione della lunghezza delle corde, con 5 o 6 doppie si raggiunge la base.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Primi salitori Peter Schoch e Kurt Winkler nel 1989, richiodata a fix nel 2001.
quelo64
20/10/2014
6 anni fa
Link copiato