Albaron di Savoia Cresta SE dal Monte Collerin

difficoltà: PD+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1900
quota vetta (m): 3637
dislivello complessivo (m): 1740

copertura rete mobile
vodafone : 40% di copertura

contributors: pastore
ultima revisione: 30/08/13

località partenza: Vincendieres (Bessans , 73 )

punti appoggio: Refuge d'Averole

cartografia: igm n2 val di lanzo e moncenisio

accesso:
In auto fino a Bessans o al parcheggio a Vincendieres a q.1900 circa in estate navetta fino alla fine della sterrata a costo 2 euro. passagi ogni ora e mezza circa

note tecniche:
Bel giro molto panoramico che in salita al buio può avere qualche problema di orientamento per le scarse tracce nel tratto tra Entre des eaux (bivio a q. 2350 circa) e il pianoro sotto le morene. Molto più interessante dei vecchi percorsi indicati sulla guida TCI Monti d'Italia che salgono alla sella o alla vetta direttamente per rocce marce e friabili ormai fattibili solo con neve a inizio stagione.
Cresta facile con passaggi di II ma in alcuni punti molto affilati e potenzialmente più impegnativa con neve e cornici.

descrizione itinerario:
Dal Rif. d'Averole risalire circa 150 m poi con lunghissimo traverso verso sinistra in piano raggiungere il torrente che scende dall'Albaron e da li per tracce senza attraversare il torrente risalire sulla sponda sx idrografica per grossi massi e trace di sentiero e radi ometti fino a circa 2700 dove c'è un piccolo pianoro ingombro di enormi massi.
Risalire poi fino alla piana che precede le morene dove le tracce si perdono ma spesso ci sono i primi nevai (q. 2950 circa). Risalire sulla destra per ripidi nevai puntando alla spalla a destra del crestone che scende dal Monte Collerin dove si superano alcune lisce e friabili placche (II) per raggiungere il suddetto crestone e per sfasciumi e nevai fino in cima M. Collerin. La cresta ha alcuni punti affilati dove un cordino può essere utile e alcuni brevi risalti di II.
Dalla cima prima in discesa facile e poi per larga cresta fino alla Sella dell'Albaron. Questa si può qui raggiungere anche dalle morene per nevai e ripidi salti di roccia (più pericoloso e con passaggi su roccia che non sembra molto solida, percorso ormai consigliabile, dato il ritiro del ghiacciaio, solo a inizio stagione con neve che copre i salti di roccia e basse temperature, in caso contrario meglio seguire la cresta più sicura e più panoramica).
Dalla sella per cresta più affilata aggirando un risalto a destra su rocce ripide e friabili (I e II delicato con neve) raggiungere la vetta dell'Albaron con ripido ma facile risalto finale su roccia più solida.
In discesa seguire lo stesso itinerario fino allo spallone sotto la cima del M. Collerin. Da li a sinistra per sfasciumi e nevai in breve al Passo del Collerin sulla sinistra ben visibile dall'alto. Poi seguire la traccia evidente verso il vallone che passa sotto la Bessanese e per filo di morena e prati chiudere l'anello tornando al Rif. d'Averole.
Circa 9 ore per il giro completo.