Castello (Parete del) Muro di silenzio

L'itinerario

difficoltà: 3 / 3 obbl / A3
esposizione arrampicata: Sud-Est
quota base arrampicata (m): 600
sviluppo arrampicata (m): 160
dislivello avvicinamento (m): 80

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: ilcontevlad
ultima revisione: 13/01/13

località partenza: San Giacomo filippo (San Giacomo Filippo , SO )

accesso:
da chiavenna in direzione madesimo, poco prima della fine della prima galleria si esce sulla sx da una stradina e si posteggia nel prato davanti alla centrale enel. In 15 minuti si raggiunge facilmente x tracce la base della parete.

La via attacca 4 metri a dx di nirvana verticale, poco a dx di una sosta con 2 chiodi. Un chiodo a lama a 4 m da terra.

note tecniche:
160 m, 5 tiri, A3.
la guida versante sud la paragona a nirvana verticale, la via poco a sx, sia come difficoltà che come materiale da usare. Purtroppo non è così, nuro di silenzio è nettamente più impegnativa e necessita di materiale più specifico. Risulta molto poco percorsa. Ma molto bella.

Materiale utilizzato:
serie BD C4 fino al 3
serie basic, anche offset
serie TCU
micronut
15 nut piccoli
Serie nut medio grossi
5 KB
4 LA anche lunghi e spessi
2 angle
1 baby angle
2 livanos
2 chiodi a stiletto x calcare
7 pecker, i tomahawk rossi svergolati a sx sono spettacolari!
8 rivet hanger
1 cliff gigante tipo pika
5 cliff assortiti, dai piccoli ai grossi
Almeno 4 copperhead (ora sono tutti presenti e sembran buoni, averne x sostituirli in caso..)
15 rinvii e 20 singolini, tanti cordini anche lunghi.




descrizione itinerario:
L1: si parte con un movimento su cliff pika e si prende con fatica il kb visibile da terra. Si sale la fessurina con Kb e cliff medi. Un C4 n2 fa prendere uno spit, seguono 2 rivetti, un altro spit, micronut , un copper porta in sosta (3 spit con maillon). 25m, A2.

L2: si parte con un altro copper, segue fessurina verticale poi più larga traversa verso sx (friend medi e nut grossi, 1 LA). Dopo 1 spit, quando la fessura finisce sotto un tettino, non proseguire dritto x l’evidente fessurina da micronut ma traversare a sx e risalire il lungo diedrino con una serie di pecker. Da un ultimo alien si tira un cordino su un alberello, ci si ribalta su una cengetta comoda che si segue in orizzontale 10 m a dx fino a sosta comoda, 2 spit. 30 m, A2+. Io all’inizio ho seguito la fessurina dritta e ho dovuto pendolare da un KB che ho poi abbandonato.

L3: si parte sopra la sosta con una fessurina difficile da nut piccoli (ne servono una decina), attenzione alla cengia sotto i piedi! Si traversa verso sx sotto un arco bianco ad un chiodo fisso, da cui segue un tratto difficile da chiodare. Ho lasciato chiodo salvalavita ma invisibile… cercate! Si arriva su una placca nera a due spit, poi 1 copperhead, 3 rivetti lontani, fessurina dritta con chiodo, 2 rivetti, spit nuovo e fessurine dritte un po’ sporche portano in sosta. Sosta con due spit, 45 m, A3. Non lasciarsi ingannare da un’altra sosta con anello 10 m sotto e tutta a dx, è un’altra via.

L4: verso sinistra per evidenti fessurine (alcune un po’ muschiose) proseguendo oltre un alberello (da questo non andare dritti!). Si arriva ad un rivetto (se avete piastrina 8 mm diventa uno spit) da cui segue il tratto chiave della via. Si sale il muro soprastante con due pecker, due rivetti, un pecker, un copper ed un ultimo un rivetto. Da qui un movimento su cliff porta ad un beneamato spit. La sosta è 8 m a dx. Si traversa la placchetta in libera o con un barbatrucco sui cliff. Ricordarsi di proteggere il traverso al secondo di cordata (Alien, C3 rosso e chiodo a lama)… Sosta con 3 spit, tiro impegnativo e molto bello. 45 m, A3.

L5: si sale la fessurina di roccia un po’ rotta sulla dx della sosta e si rientra a sx su cliff grandi a prendere un chiodo. Si traversa ancora delicatamente a sx su roccia più rotta e si sale ad un altro chiodo e a uno spit. Da qui altra sezione impegnativa con 2 pecker, 2 copperhead, altri 2 pecker, uno spit, un rivetto e si esce in sosta per una fessurina sporca, salendo oltre un visibile alberello. Sosta con 3 spit, 25m, A3.

Discesa: in doppia veloce sulla via. Da S2 con 50m si è a terra. Attenzione ai vari alberi su cui si incastrano le doppie nella parte bassa.

altre annotazioni:
via aperta da Moosberger e Giorgietta nel 1996.