Bos (Col dei) Ferrata degli Alpini

L'itinerario

difficoltà: D
esposizione prevalente: Sud
quota base ferrata (m): 2150
sviluppo ferrata (m): 420
dislivello avvicinamento (m): 100

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: giob
ultima revisione: 29/08/12

località partenza: Bar Strobel (Cortina D'ampezzo , BL )

bibliografia: http://www.planetmountain.com/trekking/ferrate/itinerari/scheda.php?id_itinerario=877&lang=ita&id_tipologia=35

descrizione itinerario:
Da Cortina d'Ampezzo si sale verso il passo Falzarego. Circa 1500 m prima del Passo, si parcheggia l'auto presso il bar ristorante "da Strobel" posto di fronte agli impianti sciistici nei pressi del Rifugio Col Gallin (2.050mt).
Dal bar "da Strobel" si sale lungo l’evidente sentiero che parte dal lato Nord-Est del parcheggio, con indicazioni per il Col dei Bos, si raggiunge la strada militare che porta ai ruderi degli ospedaletti Italiani della I Guerra mondiale posti sotto le Torri di Falzarego. Sulla sinistra (Nord), in alto, si nota il sentiero che risale il canalone; è l’itinerario di discesa.
Proseguire per piani erbosi a Est dei ruderi verso la Piramide del Col dei Bos. Da qui parte un sentierino che si mantiene in quota e successivamente si inerpica fino all’attacco. (30 min) I cavi metallici della ferrata sono evidenti già dai ruderi.
La ferrata è costituita da cavo di acciaio, da innovativi coni anticaduta che ottimizzano il posizionamento dei moschettoni in caso di caduta, e da particolari staffe angolari di rinforzo della tenuta dei fittoni nei tratti in cui il cavo compie angoli significativi.
Il percorso si sviluppa in modo logico sulla parete e nel tratto iniziale, sono state concentrate le maggiori difficoltà. Superato il tratto più ripido, dopo circa 80 m si raggiunge un’ampia e facile cengia detritica e successivamente una rampa che ci porta ad una paretina di alcuni di metri per poi uscire con un passaggio esposto su facili pendii rocciosi. Da qui si prosegue senza difficoltà, si giunge ad un’altra parete verticale piuttosto impegnativa al termine della quale un esposto traverso sulla destra conduce ad un articolato diedro che porta ad un tratto prativo.
Attraversato il prato per circa 20 metri inizia la seconda parte della via, costituita da facili tratti di itinerario intervallati da punti un po’ più tecnici. Si raggiunge in breve la Piramide del Col dei Bos,a quota 2400.
Dopo una facile salita segnata da ometti su terrazzamenti erbosi si raggiunge l’inizio dell’ultimo tratto di ferrata, lungo circa 100 m, a tratti esposto e verticale, ma sempre ricco di appigli che permettono un’arrampicata facile e divertente. Dalla fine della ferrata con un breve sentiero, si può raggiungere la croce di vetta del Col dei Bos (2559 mt). Ottimo panorama sulle Dolomiti Ampezzane, le
torri di Falzarego e la Tofana di Rozes.
La discesa più rapida passa dal sentiero che scende nel Vallone posto tra il Col dei Bos e le Torri del Falzarego e con tratti a volte malmessi, riporta velocemente ai resti dell’Ospedale militare nei pressi delle quali si trova l'attacco della ferrata. Seguendo poi lo stesso percorso dell'andata si ritorna al parcheggio del Bar da Strobel.