Ciastella (Monte) e Lausa Bruna (Cima) Anello da Tetti Trocello per il Vallone Stretto ed il Vallone del Binec

sentiero tipo,n°,segnavia: Nessun sentiero
difficoltà: EEA   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord-Ovest
quota partenza (m): 1112
quota vetta/quota massima (m): 2417
dislivello salita totale (m): 1350

copertura rete mobile
vodafone : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: Praciulin
ultima revisione: 18/06/12

località partenza: Tetti Trocello (Vinadio , CN )

note tecniche:
Itinerario riservato a chi ama la solitudine ed i percorsi fuori sentiero, su terreno sempre molto ripido. A parte un breve tratto iniziale e finale non esiste infatti alcun sentiero. Si tratta di due cime poco frequentate per la difficoltà di accesso, ma molto panoramiche e ben visibili da Vinadio quali separatrici tra il Vallone di S. Anna e quello dei Bagni.
Itinerario ad anello che sale nel Vallone Stretto fino al Monte Ciastella e poi per cresta rocciosa raggiunge la Cima Lausa Bruna per poi scendere lungo il ripido versante Nord-Ovest fin sul fondo del Vallone del Binec e quindi con un breve tratto finale su pista forestale si torna all'auto.
Indispensabile avere buona visibilità per trovare l'itinerario e sono vivamente sconsigliati i pantaloncini corti. Consigliato a fine primavera/inizio estate quando la vegetazione non è ancora troppo invadente.

descrizione itinerario:
Appena oltre Tetti Trocello si imbocca la pista forestale che si stacca a sinistra (partenza per le gite scialpinistiche nel Vallone del Binec)e subito al primo tornante la si abbandona a sinistra dove, pochi passi in discesa, portano ad un sentiero che sale in diagonale verso destra. Pochi minuti di cammino e questi termina appena entrato nel Vallone Stretto.
Ora si sale senza percorso obbligato preferibilmente sul fondo ai lati del piccolo rio evitando le zone con vegetazione più fitta, fino a dove una barra rocciosa chiude il vallone. Si sale il dosso roccioso centrale (a sinistra di una cascatella) con alcuni passi di facile arrampicata e si perviene nella parte mediana del vallone.
Qui appena possibile conviene abbandonare il fondo (sempre più invaso di vegetazione)salendo il ripido lato sinistro (senso di marcia)e continuando sotto la zona boschiva fino al suo termine (circa 1800 m.) dovesi arriva nella parte superiore del vallone che si apre e con pendenza più moderata permette di procedere tra pietraie, rododendri e praterie fino al colletto sullo spartiacque col Vallone di S. Anna.
Di qui a sinistra in pochi minuti per la dolce cresta si arriva alla croce in legno del Monte Ciastella. Tornati al colletto si attacca subito la cresta della Lausa Bruna, che si presenta come un ripido alternarsi di tratti rocciosi e rampe erbose che, in prevalenza sul lato del vallone S. Anna, sfruttando le tracce degli ungulati, con facile arrampicata conducono all'ometto della cima.
Ora bisogna praticamente scendere lungo il versante opposto, quindi dalla cima si continua per pochi metri lungo la cresta, per poi lasciarla appena possibile a destra, cominciando a scendere il ripido versante Nord-Ovest. Sempre senza percorso obbligato si scende con cautela per praterie e zone destritiche puntando verso destra ad un torrione rosso-giallastro sul limite destro della prateria. Si passa alla sua base per divallare sul lato opposto, raggiungendo così il lungo pendio erboso che con percorso faticoso permette di raggiungere il fondo del Vallone del Binec.
Ora lo si scende ancora senza sentiero tenendosi sempre tendenzialmente a destra (senso di marcia) al limite inferiore di una serie di pietraie. Quando finalmente si raggiunge nuovamente il bosco di faggi, si incontra una presa per l'acqua, alla cui destra si rintraccia un sentiero che si collega alla sottostante pista forestale, lungo la quale si torna al punto di partenza.


Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Ciastella (Monte) e Lausa Bruna (Cima) Anello da Tetti Trocello per il Vallone Stretto ed il Vallone del Binec - (0 km)
Bravaria (Rocca) da Bagni di Vinadio - (2.3 km)
Seita (Monte) e Costabella del Piz anello da Besmorello, Sentiero Balcone, Passo di Rostagno - (2.4 km)
Ischiator (Passo d') da Besmorello - (2.5 km)
Seita (Monte) da Besmorello per il Sentiero Balcone - (2.5 km)
Vaccia (Monte) da Besmorello - (2.5 km)
Migliorero Guglielmo (Rifugio) da Besmorello - (2.5 km)
Tesina, Bravaria (Passi di) da Strepeis anello per S.Anna di Vinadio - (2.8 km)
Laroussa (Passo di) anello da Strepeis per Besmorello, San Bernolfo, Callieri - (2.9 km)
Le Steliere (Monte), Rocca Bravaria, Cima Tesina, Rognosa de da Strepeis, anello - (2.9 km)
Schiatau (Monte) dal Ponte del Medico - (3.6 km)
Saletta (Monte) da Besmorello - (3.7 km)
Bue (Passo del) anello da Callieri per Colle Lausfer, S.Anna, Colle Seboulè - (3.7 km)
Ischiator (Cima Sud d') da Besmorello - (3.9 km)
Ischiator (Becco Alto d') da Besmorello per il versante francese, discesa dal Passo Laris - (3.9 km)
Ischiator (Becco Alto d') da Besmorello per il Passo Laris - (3.9 km)
Costabella del Piz (Testa della) sentiero balcone passo di Rostagno-colletta Bernarda - (3.9 km)
Laroussa (Monte) da Besmorello per il Passo di Laroussa - (4.1 km)
Ciarnier (Punta) da Baraccone per il vallone della Maladecia - (4.3 km)
Ciastella (Monte) da Baraccone - (4.3 km)
Cairiliera (Testa) da Baraccone per il Vallone della Maladecia - (4.4 km)
Ciarnier (Punta) da Baraccone al Vallone di Riofreddo per il Passo di Testa Combè - (4.4 km)
Salè (Monte) anello da Neirassa - (4.7 km)
Savi (Monte) da Neraissa Superiore - (4.7 km)
Autes (Monte) e Monte Nebius, Monte Savi da Neirassa, anello - (4.7 km)