Santo (Col) e Col Santino anello da Giazzera

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: MR   [scala difficoltà]
esposizione: Varie
quota partenza (m): 1092
quota vetta/quota massima (m): 2112
dislivello totale (m): 1150

copertura rete mobile
tim : 0% di copertura

contributors: giuliano
ultima revisione: 05/02/12

località partenza: Giazzera (Trambileno , TN )

punti appoggio: Rifugio Lancia

note tecniche:
La salita al Col Santo è una grande classica per i trentini per la sua facilità e per l'indubbia bellezza dei luoghi in cui si svolge. Ho anche indicato come possibile "extra" la salita al Col Santino, che nonostante il nome, viene quotato a 2123 metri, cioè una decina di più del Col Santo.

descrizione itinerario:
Da Giazzera, frazione di Trambileno, si seguono le indicazioni del sentiero 101 che ben presto convergono su una strada forestale. La si segue lungamente, trascurando alcuni bivi, fino al Rifugio Lancia, che si raggiunge in un paio d'ore. Si prosegue brevemente in direzione di Malga Pozze, per poi salire a sinistra seguendo le indicazioni del sentiero 131.
Con un ultimo tratto un po' ripido si raggiunge la Sella dei Col Santi 1995m s.l.m. A questo punto, avendo tempo, si può salire a destra in direzione del Col Santino la cui sommità si raggiunge seguendo le evidenti tracce del sentiero estivo, che dopo aver guadagnato un po' di quota, traversa sul versante di Malga Pozze. Poco prima di passare sotto un imponente parete di roccia, si riprende a salire passando nei pressi di un manufatto con cavi d'acciaio e in pochi minuti si raggiunge la cima.
Ridiscesi al Colle, si sale in direzione del Col Santo di cui si raggiunge la vetta in circa un quarto d'ora. Si scende ora sull'opposto versante fino ad incrocare delle paline segnaletiche, Si va a sinistra passando sotto la cima del Dos dell'Anziana e si segue la dorsale che alterna tratti aperti ad altri nel bosco.
Superato un gruppo di baite e trascurate le deviazioni per la Malga Valli, si prosegue in un tratto il cui il sentiero è incassato in una specie di canale all'interno nel bosco, per confluire infine sulla forestale percorsa all'andata, poco sopra l'abitato di Giazzera.