Balaitous (o Pico de los Moros) per la Gran Diagonal

L'itinerario

difficoltà: PD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 1440
quota vetta (m): 3144
dislivello complessivo (m): 1700

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: annibale
ultima revisione: 21/09/09

località partenza: Embalse de la Sarra (Sallent de Gállego , Huesca )

punti appoggio: Refugio Respumoso

cartografia: Ed. Alpina : Valle de Tena

bibliografia: David Atela :100 Cumbres del Pirineo Aragones

accesso:
da Sallent de Gallego si sale con la macchina fino all'Embalse de la Sarra.

note tecniche:
Il Balaitous è uno dei 3-4 colossi pirenaici più importanti.Si tratta di un massiccio granitico che si eleva al centro di un marasma di guglie e creste di accesso per nulla facile.

descrizione itinerario:
1) Un buon sentiero segue la dx orografica del torrente Aguas limpias. Attraversato u ampio piano (1500) si comincia a salire. All'uscita dal bosco,si supera ilbarranco di Soba e si lascia alla sx il sentiero per il colletto di Soba (1650)
Si transita per il passo dell'Onso (pericoloso con molta neve) e si entra nel Llano Cheto (1770), alla confluenza dei Barrancos de Arriel e Aguas Limpias.Si continua per il sentiero a mezza costafino alla presa del Ibòn (lago) de Respomuso.
Si sale ancora un pò e poi si scende dolcemente al piccolo pianoro dove è situato il Refugio Respumoso (2130),
aperto tutto l'anno.

2) Si torna alla presa del Ibòn de Respumoso e si segue a dx un sentiero in lieve salita a mezza costa che raggiunge l'embalse inferior de Arriel a q.2170.
Si raggiungono poi los Ibones superiori de Arriel (Embalse alto de Arriel) e da lì per un canaletto sulla dx (Est) si sale faticosamente al Lago Helado (gelato) de Arriel (2405).
Lo si evita per il lato Nord tendendo al fondo del circo della Brecha Latour, inaccessibile da questo lato.
Si sale per una spalla pietrosa che divide la conca principale della Brecha latour da una valletta che scende dal Col Noir. Si arriva ad una grande roccia sotto la quale è posizionato l'Abrigo Michaud (ricovero in precarie condizioni) q.2700.
A sx inizia il primo tratto della Diagonale fino ad una breccia poco marcata (2875) Una leggera discesa in obliquo (tratto esposto, sul Circo de Batcrabère) ci porta all'inizio del 2° tratto della Gran Diagonal, quello più impegnativo.
Si risale questo tratto della Gran Diagonal fino ad un altro piccolo valico dove si ripiana un pò sopra una piccola terrazza.
Dopo breve si lascia la Gran Diagonal circa 50 metri prima del suo terminre al Col des Isards. Appare una parete concava alla nostra dx da superare arrampicando su passaggi di II° grado. Si continua con difficoltà simili per un canaletto inclinato diretto sopra il contrafforte nord del Balaitous.
Si raggiunge così un colletto sommitale che facilmente dà accesso all'altopiano sommitale del Balaitous (3144 , Tripode metallico).
Discesa per lo stesso itinerario