Verta (Cima) Via del ferro - da Val Morobbia (CH) a Valle di Albano (I)

difficoltà: TC / TC   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 924
dislivello salita totale (m): 1838
lunghezza (km): 32

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: sergio meroni
ultima revisione: 29/01/10

località partenza: Carena (Sant'Antonio , Bellinzona )

punti appoggio: Giubiasco

cartografia: Strade di Pietra 1: 30.000 foglio n. 3

note tecniche:
Accesso.
Como – Svizzera - Autostrada direzione nord fino all’uscita svincolo di Bellinzona Sud – a Camorino Giubiasco, a destra indicazioni Val Morobbia e si sale in alta valle fino al paese di Carena 958.
Punto di partenza e arrivo di questo giro ad anello.

descrizione itinerario:
Da Carena lungo una strada all’inizio sterrata poi asfaltata si sale all’Alpe Giumello 1595, poi si ritorna su sterrato e si sale al Piano delle Pecore e Laghetti quota 1787. Da qui in poi, si prosegue alternando brevissimi tratti ciclabili ad altri dove si deve spingere o spallare la bike fino al Passo e Cima Verta 2078. (stupendo punto panoramico sulla Val Cavargna, Valle di Albano e Val Morobbia).Ora si scende verso il Rif. Sommafiume e con un lungo traverso si arriva poi al Rif. Giovo. Si riprende nuovamente a salire poi fino ad arrivare al Rif. S. Jorio e relativo passo quota 2012. (possibilità di ristoro al rifugio normalmente aperto nel periodo estivo anche durante la settimana. Ora, in questo caso, viene proposta la discesa a valle a Carena lungo il panoramico traverso che passa lungo la Capanna Gesero e all’Alpe Gesero e da qui si scende al paese lungo un bosco abbastanza praticabile ma che richiede molta buona tecnica in discesa.
Note su questo traverso.
All’apparenza sembra molto facile e ciclabile, osservandolo dalla vallata opposta e dal Passo Verta. In realtà non è quasi mai possibile salire in sella fino alla grande costruzione di telecomunicazioni.
Non seguire però la traccia gps una volta giunto in prossimità della grossa costruzione di telecomunicazioni.
Io ho voluto provare a seguire il sentiero di cresta che però ad un certo punto sparisce nella fitta vegetazione, ma consiglio di prendere la carrareccia che molto evidente scende alla Capanna Gesero e da qui rientrare a Carena lungo l’Alpe Gesero. Per il sentiero molto ben marcato.
Se non si vuole fare questa variante.
Dal Rif. S.Jorio, scendere in direzione dell’Alpe Giumello, facendo attenzione alla deviazione sottostante, (prendere senza indugio il sentiero alla sinistra) e una volta arrivati all’alpeggio passarci davanti e prendere il sentiero che scende lungo il prato sbucando poi nuovamente sulla strada asfaltata di salita. Scendere brevemente lungo la strada asfaltata per poi riprendere il sentiero evidenziato dalla presenza di una palina e con piacevole divertimento rientrare a Carena lungo un bel tratto di bosco piacevole e divertente da scendere in bike.
Mi sembra evidente sottolineare che tutto il tracciato non è banale con tratti insidiosi e dove si deve fare a tratti anche molta attenzione e soprattutto è indispensabile una buona preparazione fisica .