Giusalet o Ciusalet (Monte) o Signal du Clery da Bar Cenisio e il versante SE

difficoltà: OS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud-Est
quota partenza (m): 1550
quota vetta/quota massima (m): 3312
dislivello totale (m): 1762

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: mountain
ultima revisione: 15/09/10

località partenza: Bar Cenisio (Venaus , TO )

punti appoggio: Rifugio Avanzà

cartografia: IGC, 1/50.000 n° 2 (Valli di Lanzo e Moncenisio)

bibliografia: M.Grilli. Dalle alpi Liguri alla V.di Susa. N°759

note tecniche:
Da Bar Cenisio, oltre Casa Alpina Santena, q. 1.550, all'ultimo tornante delle case, imboccare a sx la stradina per le Grange di Fondo di Bar, a 1/2 strada deviare a sx su una sterrata e raggiungere le due casette più alte all'inizio del lariceto (q. 1.550 c.a); ampia piazzola per parcheggio.

descrizione itinerario:
Dalla casette, a piedi, seguire una pista forestale che procede a sx in leggera salita fino a raggiungere il Rio Berta; salire sulla sponda sx idr. del predetto Rio e verso q.ta 1.700 c.a quando il lariceto si dirada, si possono calzare gli sci salendo agevolmente il pendio inframmezzato da spazi aperti, massi e cespugli (di solito si trova neve sempre ben trasformata).
A quota 2.050 c.a entrare nel canale del Rio Berta.
A questo punto è possibile giungere anche con un secondo percorso, qualora vi siano buone condizioni di neve e cioè: sulla sterrata iniziale superare il Rio Bertà, dopo un centinaio di metri salire sci ai piedi nel lariceto (un po’ fitto) oltre il quale si raggiungono dei pendii abbastanza ripidi oltre i quali si giunge alla stazione alta della funivia dell'Enel (q. 1.960); spostandosi gradualmente a dx si raggiunge il corso del canale del Rio Berta a q. 2.000 c.a; questo percorso è più faticoso del precedente.
Seguire per un breve tratto il canale del Rio Berta e quando questo si raddrizza in una strettoia, deviare a sx su pendii alquanto ripidi (con neve dura: ramponi) e valicare una spalla per immettersi di nuovo nel canale del Rio Berta.
Seguire il canale sui pendii di dx idr. fino a sboccare il un falsopiano a q. 2.450 dal quale con percorso non obbligato si giunge al Lago della Vecchia q. 2.650 c.a (dal falsopiano spostandosi a sx si raggiunge il Rifugio dell'Avanzà; locale invernale n° 6 posti, stufa, legna); superare il lago a dx, quindi spostarsi a sx salendo un valloncello; spostarsi gradualmente a dx per attaccare il ripido pendio finale del Giusalet (con neve buona si può salire fino all'intaglio della cresta sud-est, diversamente ricorrere ai ramponi).
Proseguire per i restanti 40 mt. fino in vetta (spesso in neve dura o senza, a causa del vento che in quel tratto lavora bene).
Discesa: seguire l'itinerario di salita percorrendo integralmente il canale del Rio Berta fino a q.ta 2.000 quindi spostarsi a dx verso la stazione della funivia Enel e seguire a ritroso il secondo percorso in basso.
E' inoltre possibile effettuare la traversata del Giusalet salendo dall'itinerario normale (partenza dal Lago Arpone) e scendendo dal Rio Berta (2 auto e minor dislivello in salita; possibilità di pernottare al Rifugio Vacca).
Altro itinerario da Bar Cenisio; un centinaio di mt. a valle della ex dogana di Bar Cenisio imboccare la strada degli alpeggi e salire in auto fin dove è possibile (di solito a q.ta 1.700 c.a), quindi seguire il vallone delle Grange della Vecchia e raggiungere il Rifugio Avanzà dal quale si prosegue verso il Lago della Vecchia, superandolo a sx raggiungendo quindi il pendio finale.
E' un itinerario magnifico da intraprendere con buone condizioni del manto nevoso, con buon allenamento.