Bertrand (Monte) Anello Passo Tanarello, Colle dei Signori, per la cresta di confine

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 2045
quota vetta/quota massima (m): 2482
dislivello salita totale (m): 1450

copertura rete mobile
tim : 60% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: Giada
ultima revisione: 21/10/08

località partenza: Passo Tanarello (Mendatica , IM )

punti appoggio: Rifugio Don Barbera al Colle dei Signori (del parco)

cartografia: IGC 1:50.000 Alpi Marittime e Liguri

note tecniche:
Percorso di crinale altamente panoramico che si svolge sullo spartiacque Italo-Francese lungo la Strada Marenga o Via del Sale, il versante Francese precipita con ripidi pendii erbosi mentre quello Italiano per buona parte degrada dolcemente nello splendido e magico bosco delle Navette attraversato da una sterrata. Le deviazioni di crinale alle vette sono sconsigliate in caso di nebbia, solo alcune di queste, la lunghezza del percorso e il dislivello lo rendono EE.
Panorama molto ampio dalle Alpi alla Corsica.
Da Monesi seguire la sterrata con fondo buono fino al Passo Tanarello, l'ultimo pezzo dal bivio Navette - Redentore al Passo è da percorrere con un pò più di prudenza e attenzione ma fattibile anche da macchine non 4x4.
L’itinerario passa per Cima Ventosa m.2137 - Punta Farenga m.2209 - Missun m.2356 - Bertrand m.2482 - Cima Vellega m.2386 - Cima del Vescovo m.2241 - Pertegà m.2404

descrizione itinerario:
Dal Passo Tanarello m.2045 (pal 277) caserma e caserma/malga lasciare la strada e seguire il crinale verso nord fino alla prima cima la C. Ventosa lasciando il sentiero a sinistra sul lato Francia. Dalla cima ridiscendere dall'altro versante a ricongiungersi col sentiero, segnavia gialli e molto ampio. Proseguire toccando alla nostra destra la Punta Farenga, ridiscendere sul sentiero e proseguire fin prima della Cima Missun, qui abbandonare il sentiero per prendere alla nostra sinistra per erba e tracce fino in vetta, Croce di MR. Panorama sempre molto bello. Ridiscendere sul sentiero dall'altro lato per tracce e rododendri e abbassarsi fino alla colla Rossa m.2175 (pal 293). Qui davanti a noi verso sinistra c'è il mt Bertrand che si risale per crinale per tracce e ripidi pendii erbosi e detriti evitando le roccette fino alla grande croce di vetta. E' da qui che si ha il panorama più grandioso.
Si prosegue lungo il suo crinale verso nord su sentiero verso la Cima di Pertegà toccando la cima Vellega e la Cima del Vescovo con breve deviazione. Si scende al Colle delle Selle Vecchie sopra a Upega m.2099 (pal 327a). Da qui si lascia la mulattiera che va al Colle dei Signori a sinistra e la strada sterrata Monesi - Limone a destra e si sale il ripido versante di erba e detriti del Pertegà fino sulla cima dove si conclude la nostra lunga cavalcata. Imponente visuale sul Marguareis e sulla Conca delle Carsene.
Volendo proseguire si può andare al rifugio del parco Don Barbera se aperto, si scende dall'altro versante verso nord-ovest, sempre ripido fino a riprendere il sentiero lasciato al colle delle Selle Vecchie e con questo arrivare al Colle dei Signori e da lì al rifugio in breve.
Se non si va al rifugio si ridiscende al colle e si ritorna lungo tutta la mulattiera con risalite e discese evitando le cime che contorneremo dal lato Italiano o Francese sempre su ampia mulattiera fino al Passo Tanarello.