Perla azzurra (Cascata)

La gita

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle

condizioni ghiaccio :: buone, a volte delicato

tipo ghiaccio :: plastico, raramente spaccoso, a volte delicato

note su accesso stradale :: pulito

quota neve m :: 1600
Cascata discontinua, difficoltà non eccessive, ma ambiente superlativo.

Delego alla relazione i dettagli, scrivo solo per integrare e per quello che abbiamo fatto noi.

Parcheggio piste da fondo (pagare o vi trovate la multa!), in cammino alle 5, dedalo delle piste (ghiacciate), radura e poi sentiero verso l'attacco seguendo le tracce di chi ci ha preceduto. Ultimo tratto un fiume di ghiaccio e alle 7e30 siamo all'attacco. Preparazione e alle 8 si parte.

L1: 70m, WI 3, SR. Saltino sulla sinistra (muro di destra con sopra delle croste), pianoro, saltino a destra (muro di sinistra gocciolante e candelette), mini goulotte e poi dritto verso la sosta. Corde da 60m, quindi qualche metro salito in conserva.
L2: 55m, WI 4, SR. Breve traverso verso sinistra (un'occhiata a Tunnel, troppo esile), poi su dritti con breve salto e cengetta alla base del muro chiave, 15/20m verticali e delicati, e bagnati. Poi facile fino alla sosta (utili friend piccoli per rinforzare)
L3: 55m, WI 3, SG. Breve traverso a destra per prendere il muretto, poi il ghiaccio si incassa nelle pareti di roccia, facile fino alla base di un muro di ghiaccio.
L4: 65m, WI 3+, SG. Vincere il muretto, poi facile fino all'ultimo muro (poco prima cordone sulla destra), stretto e trovato delicato (magro a dx e colonnette a sx). Corde da 60m, quindi qualche metro salito in conserva.

(11e30. Per non pestare chi sale, visto che Tunnel non si sale, c'è poca neve, per riempire la giornata e vedere panorami, non scendiamo in doppia)
L5: 65m, WI 2-, SG. Si prosegue nell'impluvio (dopo 10m, sosta sulla sx), fino alla base di un altro salto visibile solo da metà tiro.
L6: conserva, WI 2, recupero a spalla. Si vince il divertente ed estetico muretto, e poi si prosegue nel canale nevoso, finchè non si sbarra leggermente con delle rocce. Si esce a sx e si recupera il secondo.

12e30. Si risale il pendio prima verso sx, poi verso dx (dove c'è meno accumulo) sino a giungere sull'altopiano, poi verso sx verso la Forcella de Ciampei (13e00). Sosta (30min) e discesa per il 14A, dalla forcella verso l'attacco: pendio a 40°, in caso di molta neve..
14e15 di nuovo all'attacco, alle 16 all auto.

NB: i tiri possono spezzarsi diversamente con soste già in loco.

Andrea e Riccardo

Qui racconto:
andreaintrip.blogspot.it/2016/01/nelle-azzurrite-viscere-delle-dolomiti.html
Qui foto:
goo.gl/photos/QibWenXF1S38WX5j6
Qui relazione:
drive.google.com/file/d/0B6vHIQPR_GZ-N1lUaUF6TWlsTVE/view?usp=sharing

Le foto

Descrizione completa dell'itinerario