Ardèche (Gorges de l') da Vogüé a Sauze

difficoltà: I
lunghezza (km): 60

copertura rete mobile
wind : 60% di copertura

contributors: Lia96
ultima revisione: 16/08/19

località partenza: Vallon-Pont-d'Arc (Vogüé , Ardèche )

punti appoggio: Campeggio Le Carpenty, Bivacco Gaud e Bivacco Gournier

accesso:
Arrivati a Vallon-Pont-d'Arc si ha l'imbarazzo della scelta per quanto riguarda i negozi per affittare le canoe. Una volta affittata la canoa (da 1, 2 o 3 posti) e riempiti i grandi bidoni a disposizione, con un bus si viene portati alla località di partenza vera e propria: Vogüé. Da qui, dopo aver scaricato le canoe, si accede direttamente al fiume e si comincia la discesa.

note tecniche:
L'itinerario come difficoltà è davvero adatto a tutti, bisogna solo essere un po' allenati per goderselo appieno visto che fisicamente è molto impegnativa come discesa. Quando si affittano le canoe vengono forniti dei bidoni in plastica impermeabili in cui è possibile riporre tutto l'occorrente per il viaggio. Non dimenticate di portarvi il cibo che non viene venduto nei bivacchi della riserva naturale. Non portare assolutamente alcolici nella riserva perchè se scoperti vengono sequestrati dalla Gendarmerie (controlli molto severi). E' molto importante prenotare il campeggio per la prima notte e il bivacco per la seconda in precedenza in quanto i posti sono limitati, è possibile farlo sul sito www.gorgesdelardeche.fr
E' consigliabile svolgere la discesa quando il livello dell'acqua non è troppo basso, altrimenti nelle rapide più piccole bisogna scendere ogni volta e trascinarle un pezzo a mano.

descrizione itinerario:
La discesa consiste in 3 giorni in cui vengono suddivisi i 60 km. Il primo giorno è il più stancante, da Vogüé si deve pagaiare per circa 22 km prima di arrivare al campeggio che si trova all'altezza di Ruoms, ci sono moltissimi bei panorami lungo il percorso e per i più coraggiosi ci sono anche tuffi molto alti (fino a 15,5 m) ai lati del fiume. Durante il primo giorno ci sono anche da attraversare due dighe tramite appositi scivoli: cosa molto divertente. Il secondo giorno ci sono nuovamente 22 km da percorrere, ma questa volta il fiume sembra scorrere un po' di più, bisogna attraversare diverse rapide molto facili e di nuovo qualche diga. La cosa più affascinante del secondo giorno è senza dubbio il bellissimo Pont d'Arc sotto il quale si passa, i più intrepidi potranno anche decidere di arrampicarsi in un imperdibile deep water solo. Nei pressi del ponte naturale ci sono anche dei negozi in cui è possibile rifornirsi di cibo prima di arrivare al campeggio in cui invece non sono presenti rivendite di alimentari. Entro le ore 18 del secondo giorno bisogna entrare nella riserva naturale delle Gorges de l'Ardèche, qui il paesaggio cambia e ci si trova immersi in mezzo a gole profondissime e pareti di roccia impressionanti. Entro le 20 bisogna invece arrivare al bivacco (Gaud o Gournier), qui dopo essere stati perquisiti dalla gendarmerie si può entrare e montare la propria tenda, oppure dormire in una delle tende messe a disposizione dal campeggio. Entrambi i bivacchi sono provvisti di docce, acqua potabile e barbecue. Il terzo giorno è il più tranquillo, restano da fare solo più 17 km circa, le pareti si fanno via via più basse e il fiume comincia ad appiattirsi fino a quando le piccole rapide non spariscono del tutto e si deve pagaiare per circa 1 ora in piano, prima di arrivare al ritrovo al villaggio molto caratteristico di Sauze. L'orario di ritrovo previsto è alle 14, ma si può anche scegliere quello delle 16 se si ritiene di non farcela per quell'ora. A questo punto un pulmino ci recupera e ci riporta a Vallon-Pont-d'Arc per recuperare le macchine.