Frate (Bric del) Francesca

difficoltà: 6a+ / 6a obbl
esposizione arrampicata: Est
sviluppo arrampicata (m): 80

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Castel
ultima revisione: 03/12/18

località partenza: Feglino (Orco Feglino , SV )

vedi anche: www.vielunghefinale.com

accesso:
Dall’uscita autostradale di Feglino scendere in direzione di Finale e posteggiare nei pressi di una fabbrica abbandonata sulla dx. Attraversare il ponte e seguire interamente la strada sterrata fino alla base della parete del Bric del Frate. Costeggiare quindi la suddetta verso sinistra (faccia a monte) sino all’attacco della via, individuabile grazie a una fessura esattamente a piombo del tetto forato che si vede in alto. Visibile grosso chiodo/fittone artigianale con anello a pochi metri da terra.

note tecniche:
Gli spit presenti alle soste sono datati, come pure le annesse placchette, pertanto fare le adeguate valutazioni in merito. Analogamente valutare una volta sul posto tenuta/condizione dei chiodi. Sulla via oltre ai chiodi sono presenti anche alcuni vecchi tendicavo.
Portare una serie di friend, nonché cordini per collegare le soste.
Riporto pari pari i gradi originali in scala UIAA, a livello indicativo.

descrizione itinerario:
L1: salire la fessura (dopo un primo tratto si fa meno faticosa) fino alla sosta nei pressi di un alberello (un fittone artigianale con anello e uno spit, da collegare). (L1 circa 30 metri; V, IV+). Volendo esiste anche una vecchia sosta a due chiodi circa a metà tiro.
L2: proseguire in verticale sopra la sosta, spostarsi un po’ a destra, raggiungere un bombamento, superarlo per mezzo di una fessurina (tratto chiave) dopodiché proseguire fino alla sosta (due vecchi spit; alla loro sinistra due vecchi chiodi). (circa 25 metri; V+ A1 da relazione; attualmente 6a/6a+).
L3: traversare a destra, salire il pilastrino, ristabilirsi a destra, superare un gradino verticale ma ben ammanigliato e proseguire facilmente fino a sostare su un albero. (circa 20 metri; VI-, V, attualmente 6a).

DISCESA
All’uscita della via spostarsi su labile sentiero poche decine di metri alla propria sinistra (faccia a monte) fino a raggiungere la cima del Bric del Frate con palo metallico e antenna (sic!). Da lì seguire il sentiero ora evidente in direzione di Pian Marino che dopo un breve tratto giunge a un bivio: prendere a dx, sempre su sentiero evidente, scendendo in direzione della vecchia cava sopra a Pian Marino (visibile dopo poco). Dalla cava abbandonare il sentiero che scende a sx verso Pian Marino e proseguire a dx sul sentiero che costeggia la cava, il quale in pochi minuti riporta sul versante della via e sulla strada che riconduce all’auto.

altre annotazioni:
Via aperta da A. Grillo e V. Simonetti nel 1973.