Scoglio del Lup Hello Denise

Scoglio del Lup Hello Denise

Dettagli
Sviluppo arrampicata (m)
250
Esposizione
Sud
Grado massimo
6b
Difficoltà obbligatoria
6a

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Gianluca Bergese, Gianfranco Ghibaudo e Valter Dellerba nell’estate 2002.
Sviluppo: 250 m + 20 m di facili spostamenti a piedi.
Difficoltà: TD (6 b max., 6 a obbl.)
Avvicinamento: da Tetti Lup si segue la traccia (tacche di vernice rossa e ometti di pietra) che oltrepassate le baite sale il bosco a sinistra di una pietraia fino ad una piccola cascata; di qui si attraversa a sinistra e si prosegue nel bosco fiancheggiando alcune rocce. Si perviene così alla base della struttura; la via attacca poco a sinistra di Ricordo di Mello (circa 3 m) su di una placca compatta. Nome alla base (spit visibili, 45 minuti).
Descrizione

L1) si sale la placca obliquando a sinistra in direzione di un piccolo strapiombo, si prosegue e si supera un muro verticale; poi per la placca a dx. fino ad uscire sulla cengia, la si attraversa a sx. presso un ripiano e si sosta frontalmente in placca (5a, 6a , 4b, 6 spit + 2 di sosta, 45 m).
L2) si sale a destra della sosta direttamente una placca fino ad uno strapiombo, poi si traversa a destra seguendo la fessura alla radice dello strapiombo, per poi uscire direttamente su una placca delicata e compatta che si sale fino alla sosta (5b, 5c, 6a +, 9 spit + 2 di sosta, 40 m).
L3) si sale direttamente la placca, poi uno strapiombo a sx. e un’altra breve placca a sx. fino alla sosta posta sui muri neri finali in comune con la via Bin Bin…Lader (5b, 4c, 5b, 5 spit + 2 di sosta, 45 m).
L4) si sale a destra il pendio erboso fino a delle piante (sosta facoltativa e consigliata 10 m).
L5) si sale direttamente lo spigolo dello sperone destro del nero muro finale poi, dopo una breve placca, riprendere lo sperone sempre molto esposto (presenza di lichene nella seconda parte del tiro) fino ad uscire sulla cengia alberata dove si sosta (5c, 6b, 6a+, 5c, 8 spit + 2 di sosta, 40 m).
L6) si sale per 10 m circa tra gli alberi fino alla base della parete superiore (cordone su albero).
L7) si sale il muro iniziale seguendo una piccola fessura e poi una placca compatta fino ad un ripiano; di qui una larga fessura per poi uscire a sinistra proseguendo per una placca fino alla sosta (5c/6a, 5b, 9 spit + 2 di sosta, 40 m).
L8) si traversa 3m a sinistra seguendo una fessura orizzontale, poi un diedro e una placca fino ad uscire su una cengia di rocce rotte; si prosegue direttamente superando un muro inciso da una fessura fino alla sosta presso una betulla (4b, 5a, 3 spit + cordone di sosta, 40 m).

Discesa:
Le soste della via non sono attrezzate per le calate in doppia.Quindi: si prosegue sulla cresta per facili risalti (II +, 50 m circa), fino ad una selletta, poi si scendono i pendii erbosi e la pietraia a sinistra della struttura fino ad un colletto (ometto) dal quale si ritorna nel bosco alla base della parete superiore (10-15 minuti, ometti di segnalazione); di qui si traversa per traccia pianeggiante fino alla sommità dello Scoglio dove sono posti gli ancoraggi (consigliabili le calate su Luna Calante).

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
gulliver
04.05.2008
12 anni fa

Condizioni

Link copiato