Moscio (Pizzo il) da Ceppo per la Dorsale Est

Moscio (Pizzo il) da Ceppo per la Dorsale Est

Dettagli
Dislivello (m)
1051
Quota partenza (m)
1360
Quota vetta/quota (m)
2411
Esposizione
Est
Grado
E
Sentiero tipo, n°, segnavia
sentiero segnato, poi assenza di sentiero

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Se si parte da Teramo prendere la SP 48 (sconnessa e tortuosa ma molto panoramica) fino a Ceppo. Se si parte da Roma prendere la SS 4 (Salaria) fino a S.Maria di Acquasanta, poi dirigersi per S.Martino, poi Morrice e infine raggiungere Ceppo. Da Ceppo prendere la stradina che parte dal piazzale di fronte all'hotel Julia, superare un campeggio e parcheggiare nel piazzale dopo il campeggio (1360 m).
Descrizione

Montagna dalla forma conica con bella vista sui Monti della Laga, sul gruppo del Gran Sasso, sul Terminillo, sulle colline del Teramano. L’escursione non presenta difficoltà tecniche, è molto panoramica ma piuttosto lunga (10 + 10 Km).
Dal piazzale dopo il campeggio di Ceppo si dipartono due stradine sterrate. Prendere quella di sinistra. Dopo un centinaio di metri si diparte a destra un sentiero che sale nella faggeta con segnavia bianco-rossi. Usciti dal bosco proseguire sulla cresta erbosa fino alla sella del Lago dell’Orso, dove arriva anche la strada sterrata imboccata all’inizio (1806 m, circa 1.5 ore). Dal colle si vede il Pizzo di Moscio in lontananza. Percorrere la dorsale erbosa fino alla base del cono sommitale (2130 m, 1 ora dal colle). Non c’è sentiero segnato, ma un’evidente traccia di uomini e animali che le erosioni delle piogge hanno fatto diventare un largo fossato. Per salire alla cima conviene fare un traverso verso sud (sinistra) lungo la base del cono e raggiungere la spalla sud est. Si sale comodamente sull’erba fino in cima, dove c’è una piccola cappella della Madonna (circa 45 minuti dalla base del cono).
Per la discesa percorrere la stessa strada della salita.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Bibliografia:
I 2000 dell'Appenino, di Alberto Osti Guerrazzi, Editore Il Lupo
aivlis
07/06/2015
6 anni fa
Link copiato