Madonna della Valle (Chiesa)

Madonna della Valle (Chiesa)

Dettagli
Dislivello (m)
500
Quota partenza (m)
600
Quota vetta/quota (m)
1000
Lunghezza (km)
25
Esposizione
Varie
Difficoltà salita
MC+
Difficoltà discesa
MC+
Difficoltà single trail
S1

Località di partenza Punti d'appoggio

Descrizione

Da S. Benedetto in Perillis (826 m.) seguire la strada asfaltata in direzione Acciano.Superare il valico della Forcella a m. 1000 circa e scendere sull’altro versante fino alla quota di m. 950 circa.Sulla dx inizia una sterrata che risale a moderata pendenza tra il M. Pietre Fitte a sx ed il M. La Cornacchia a dx.Si raggiunge una piana,la si attraversa e si perviene al Colle della Difensa (1100 m.) Poco dopo c’è un bivio:proseguire a sx in leggera discesa fino a raggiungere la Madonna della Valle a 967 m. (continuando in discesa si raggiunge Roccapreturo di Acciano).
Dalla Madonna della Valle si torna invece indietro fino al bivio in prossimità del Colle della Difensa.
Si gira a sx (direzione Nord) per una sterrata che supera la dorsale montuosa in regione Settevie a quota 1125.Si scende sull’altro versante in direzione Piana di Navelli.Dopo breve si incontra un bivio.Si gira a dx per una strada bianca.A quota 950 m. nuovo bivio.Diritto si scenderebbe a Navelli. Si gira invece decisamente a dx per una sterrata che decorre più o meno alla stessa quota sul versante Nord-Orientale del M. Motola.La sterrata scende infine in prossimità del Cimitero di S. Benedetto in Perillis.Con la strada asfaltata si torna rapidamente al centro del paese,punto di partenza dell’escursione.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Il giorno di Pentecoste una processione si mette in cammino per andare alla chiesa intitolata alla Madonna della Valle. Il corteo con alla testa due stendardi si inerpica per la montagna. Raggiunto un tratto di pianura che i rocchigiani chiamano l’impianète la processione sosta ed il Parroco procede con una prima benedizione. Il cammino poi riprende sino alla sportigliuccia dove si compie una seconda sosta rituale. Queste soste risultano legate alle diverse apparizioni della Madonna. Dopo circa un’ora di cammino la processione giunge finalmente al Santuario in montagna accolto dal suono delle campane e qui il Parroco celebra la messa.La leggenda racconta che la chiesa fu edificata sul luogo di apparizioni miracolose della Madonna: gli episodi sono ricordati in un affresco all’interno dell'edificio sacro nel quale la Vergine è rappresentata con in braccio il Bambino, stante sulla roccia delle apparizioni. Ancora oggi molte donne ripetono il rito di toccare e baciare la roccia "sacra".


Cartografia:
IGM
annibale
28.07.2013
7 anni fa
Link copiato