Jof di Montasio Traversata Amalia-Leva-Merlone

Jof di Montasio Traversata Amalia-Leva-Merlone

Dettagli
Altitudine (m)
1900
Dislivello avvicinamento (m)
300
Sviluppo arrampicata (m)
500
Esposizione
Varie
Grado
PD

Località di partenza Punti d'appoggio
bivacchi Stuparich, Suringar e Vuerich, rifugio Corsi

Avvicinamento
Da Malga Saisera o dalla Val Dogna raggiungere il bivacco Stuparich (circa 1,30ore). Da qui seguire le flebili tracce e ometti in direzione della Torre Palizza per poi deviare lungamente sulla destra fino a trovare l'attacco (circa 1 ora).
Note
Percorrere la traversata in un unico giorno implica un giro di almeno 10 ore e circa 1600-1700mt di dislivello.
Meglio pernottare al biv Stuparich (ben attrezzato e con 18 posti letto) per ridurre lo sviluppo.
Descrizione

Raggiunto l’attacco della ferrata, si comincia a salire utilizzando vari cavi e pioli guadagnando quota velocemente. Raggiunto il crinale a picco sulla Val Dogna, si scende brevemente per poi risalire e raggiungere il bivacco Suringar. Da qui si continua brevemente in orizzontale fino ad incrociare il canalone Findenegg (passi di I-II) che porta in vetta al Montasio. Discesa per la via normale e per la scala Pipan fino ad intercettare il sentiero Leva sulla sinistra. Lo si percorre fino alla Forca del Palone per poi salire brevemente fin poco sotto la Cima di Terra Rossa. Il sentiero attrezzato prende ora il nome di Ceria – Merlone e con una salita di circa 250mt si raggiunge il Foronòn del Buinz dove sorge il bivacco Vuerich. Ancora una serie di saliscendi passando per la Punta Plagnis e discesa ripida fino al Lavinal dell’Orso. Ora, per comodo sentiero, si raggiunge il rif. Corsi

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
bomber
12.08.2015
5 anni fa
Link copiato