Frate (Bric del) Francesca

Frate (Bric del) Francesca

Dettagli
Sviluppo arrampicata (m)
80
Esposizione
Est
Grado massimo
6a+
Difficoltà obbligatoria
6a

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Dall’uscita autostradale di Feglino scendere in direzione di Finale e posteggiare nei pressi di una fabbrica abbandonata sulla dx. Attraversare il ponte e seguire interamente la strada sterrata fino alla base della parete del Bric del Frate. Costeggiare quindi la suddetta verso sinistra (faccia a monte) sino all’attacco della via, individuabile grazie a una fessura esattamente a piombo del tetto forato che si vede in alto. Visibile grosso chiodo/fittone artigianale con anello a pochi metri da terra.
Note
Gli spit presenti alle soste sono datati, come pure le annesse placchette, pertanto fare le adeguate valutazioni in merito. Analogamente valutare una volta sul posto tenuta/condizione dei chiodi. Sulla via oltre ai chiodi sono presenti anche alcuni vecchi tendicavo.
Portare una serie di friend, nonché cordini per collegare le soste.
Riporto pari pari i gradi originali in scala UIAA, a livello indicativo.
Descrizione

L1: salire la fessura (dopo un primo tratto si fa meno faticosa) fino alla sosta nei pressi di un alberello (un fittone artigianale con anello e uno spit, da collegare). (L1 circa 30 metri; V, IV+). Volendo esiste anche una vecchia sosta a due chiodi circa a metà tiro.
L2: proseguire in verticale sopra la sosta, spostarsi un po’ a destra, raggiungere un bombamento, superarlo per mezzo di una fessurina (tratto chiave) dopodiché proseguire fino alla sosta (due vecchi spit; alla loro sinistra due vecchi chiodi). (circa 25 metri; V+ A1 da relazione; attualmente 6a/6a+).
L3: traversare a destra, salire il pilastrino, ristabilirsi a destra, superare un gradino verticale ma ben ammanigliato e proseguire facilmente fino a sostare su un albero. (circa 20 metri; VI-, V, attualmente 6a).

DISCESA
All’uscita della via spostarsi su labile sentiero poche decine di metri alla propria sinistra (faccia a monte) fino a raggiungere la cima del Bric del Frate con palo metallico e antenna (sic!). Da lì seguire il sentiero ora evidente in direzione di Pian Marino che dopo un breve tratto giunge a un bivio: prendere a dx, sempre su sentiero evidente, scendendo in direzione della vecchia cava sopra a Pian Marino (visibile dopo poco). Dalla cava abbandonare il sentiero che scende a sx verso Pian Marino e proseguire a dx sul sentiero che costeggia la cava, il quale in pochi minuti riporta sul versante della via e sulla strada che riconduce all’auto.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Via aperta da A. Grillo e V. Simonetti nel 1973.
Link:
www.vielunghefinale.com
castel
18.08.2019
Link copiato