Ceresole (Punta di) traversata da Pont Valsavarenche a Valnontey

Ceresole (Punta di) traversata da Pont Valsavarenche a Valnontey

Dettagli
Dislivello (m)
2000
Quota partenza (m)
1960
Quota vetta/quota (m)
3777
Esposizione
Varie
Grado
PD+

Località di partenza Punti d'appoggio
rifugio Vittorio Emanuele - Bivacchi Pol e Grappein

Note
Sarebbe teoricamente la via normale dal lato Piemontese. Qualche volta percorsa dal bivacco Ivrea; quasi mai dal rifugio Vittorio Emanuele.
La vetta è costituita da due cime: la cima ovest (m 3771), facilmente raggiungibile, e la cima est (m 3777) che si raggiunge con itinerario roccioso abbastanza aereo e non banale (passaggi di II/II+). Corda da 30 m indispensabile.
Descrizione

Dal rifugio Vittorio Emanuele seguire il comodo sentiero che sul filo della morena porta verso il colle del Gran Paradiso 3345m. Arrivati alla base del colle, cercare il punto più alto del nevaio per evitare il pericoloso e ripido pendio di sassi e ghiaia.
Giunti al colle, scendere di qualche decina di metri fino a toccare il ghiacciaio di Noaschetta, qui privo di crepacci.
Con un lungo traverso su neve il più possibile a ridosso della Cresta Gastaldi, andare a toccare la bastionata rocciosa a sud della Punta di Ceresole. Salirla nel punto in cui forma una balconata rocciosa sovrastante il ghiacciaio, quotata 3290.
A questo punto si può arrivare anche dal bivacco Ivrea con più o meno lo stesso dislivello e lo stesso sviluppo che dalla Valsavarenche.
Senza percorso obbligato salire spostandosi leggermente verso est. Dopo pochi metri una cengia detritica porta ancora più a est, fino a trovarsi di fronta alla Becca di Noaschetta.
Salire ancora per massi instabili fino a raggiungere il nevaietto che cinge a sud la pala rocciosa della Punta di Ceresole. Salire sul nevaio tenendo il bordo sinistro (ovest, alcuni ometti in loco).
Alla fine del nevaietto prendere lo spigolo roccioso che porta verso il Colle di Chamonin 3699m. Salire il suddetto spigolo con rocce non propriamente stabili, fino all’altezza del colle. A questo punto, puntare decisamente verso la vetta, con bei passaggi di II ed in un paio di casi di III.
La roccia man mano si sale tende sempre di più al rosso e migliora in qualità. Arrivati alla selletta tra le due cime gemelle, è possibile vedere la parete nord innevata sul lato opposto. La vetta vera è il torrione rosso ad oriente, ma difficilmente scalabile da questa punto. Comunemente viene salita la cima occidentale di poco più bassa.
Per salire la cima orientale, dal colletto fra le due cime scendere di qualche metro e traversare verso est lungo il versante sud, costeggiando la cima est. Appena possibile risalire e raggiungere la cresta est, quindi tornare indietro verso ovest sul filo di cresta. Uno stretto intaglio poco prima della cima costringe a fare una doppia (cordone sul posto) di 5-6 m e a risalire. Sulla vetta si trova il classico triangolino del CAI di Rivarolo.

Discesa: dalla cima orientale con una doppia di 10-12 m circa (cordone sul posto), nel vuoto gli ultimi metri, si scende direttamente verso ovest all’intaglio fra le due cime, da dove si ritrova il percorso dell’andata, quindi seguire lo stesso itinerario, tenendo presente che non sono presenti ulteriori ancoraggi per doppie in loco.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
andreamilano
28.08.2014
6 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 1951m 250m

Valsavarenche – Pont

Webcam 1961m 250m

Valsavaranche – Pont

Webcam
Panoramica 2512m 2.4Km

Alp Meyes Dessus

Panoramica 2732m 3.5Km

Rifugio Vittorio Emanuele II

Webcam 2750m 4.5Km

Rifugio Chabod

Webcam
Stazione Meteo 1651m 4.7Km

Valsavarenche – Eaux-Rousses

Panoramica 3438m 6Km

Mont Taou Blanc

Panoramica 3643m 6.1Km

Ciarforon

Stazione Meteo 2170m 6.2Km

Valsavarenche – Orvieille

Panoramica 3780m 7.1Km

Paradiso Glacier

Link copiato