Balzi del sirente da Rovere per la fonte Anatella

Balzi del sirente da Rovere per la fonte Anatella

Dettagli
Dislivello (m)
778
Quota partenza (m)
1350
Quota vetta/quota (m)
2128
Esposizione
Nord-Ovest
Grado
E

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio della Vecchia (aperto,non custodito)

Note
Itinerario parzialmente segnato (fino a F.te Anatella).
La F.te Anatella è raggiungibile anche dalla strada che collega Rocca di Mezzo con Secinaro per la carrareccia segnata che inizia a poca distanza del Vado della Forcella.
La conca dell'Anatella ospita un grosso recinto saltuariamente occupato da daini e caprioli in attesa di essere liberati nei boschi circostanti.
Il piccolo Rifugio della Vecchia,parzialmente interrato, sempre aperto e non gestito,è raggiungibile dalla valletta di Q.1926,girando a dx (direzione Ovest) e seguendo la cresta fin oltre il Colle di Mandra Murata;si scende allora su di un ripiano situato a nord del Colle di Mandra Murata,donve il Rifugio è ubicato in prossimità del bosco,vicino ad una croce.
Descrizione

Dal Cimitero di Rovere si segue la carrareccia (segnavia CAI 14 A) che traversa la piccola gola che separa il paese dai pendii del Sirente,e poi continua al margine meridionale dell’ampio pianoro del Campo di Rovere.Dove la sterrata finisce si prosegue per l’evidente sentiero che costeggia la faggeta e porta ad un’altra carrareccia.La si segue in salita,si percorre un breve valloncello erboso circondato dalla faggeta,e si sbuca al margine occidentale del pianoro dell’Anatella,accanto all’omonima fonte (Q.1404).
Si continua verso Sud in salita per la pista dietro la fonte fino ai margini del bosco.Si prosegue nel bosco diritti,trascurando la forestale che in direzione Ovest-Est va a lambire il recinto di ripopolamento.A q.1460 circa, in corrispondenza di un segnale (grossa croce rossa su di un albero), si lascia la forestale e si prosegue a dx per una mulattiera che sale più decisamente nel bosco.Si segue la mulattiera che poi diviene sentiero,attraversando i Balzi dell’Anatella.Arrivati alla base dei Balzi del Sirente si piega a dx e per via intuitiva si raggiunge un largo canale ghiaioso,interposto tra le diritte pareti rocciose del Colle di Mandra Murata a dx ed i Balzi del Sirente a sx.
Si raggiunge così una bella valletta erbosa (Q.1926) che con progressiva,moderata salita conduce fino al punto più alto dei Balzi (Q.2128).

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Carta 1:25000 Velino Sirente CAI AQ
Bibliografia:
A piedi sul Sirente Velino-S.Ardito
annibale
18/08/2006
14 anni fa
15 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Link copiato