Barranco Seco (Playa de) per il Barranco Seco ed il Viàz de Los Gigantes

La gita

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle

Itinerario come da relazione.
Parto alle 11.30 senza meta precisa. Ma con la voglia di visitare questo famoso sentiero esposto che più di una persona mi consiglia di evitare.
Il percorso è più segnalato di quanto immaginassi, ed incontro anche alcune persone che camminano nel senso opposto. Ennesima dimostarzione di quanto la gente parli di sentieri "per sentito dire" e quindi a vanvera.

Il posto è stupendo e mi ricorda certi percorsi delle Dolomiti con la differenza che sotto cè l'oceano. Ad un bivio seguo il sentiero sbagliato che porta ad una tubatura che cinge esternamente la scogliera. Lungo la cengia su cui poggia il tubo, trovo delle impronte. Quindi anche qui ci sarà un passaggio per malati di mente e prima o poi verrò a tentarlo.

Io comunque torno sul percorso originario ed entro in galleria. Nella galleria scorre dell'acqua ma non so se sia il caso di berla.Dopo la galleria scendo senza problemi alla spiaggia di sassi (Playa Barranco Seco). Non cè anima viva, se non una barca a vela ferma nella baia. Tento un bagno (d'obbligo), ma è troppo pericoloso a causa delle onde. Quindi decido di tornare sui miei passi, velocemente, visto che è pomeriggio e non so cosa troverò più in alto.

La risalita del barranco si svolge in un ambiente bellissimo, tra cactus e colate di lava di tutti i colori. Ricorda un pò per ambientazione il film "Il pianeta delle scimmie".

Qui il sole sul collo picchia forte, ma man mano si sale, per fortuna aumenta anche la brezza. Arrivo ad una casa, aperta, dove a giudicare dall'arredamento paleolitico dovrebbe essere abitata. Da un disperato o.. da un uomo libero... a seconda dei punti di vista.

Da qui si può continuare fino alla cresta spartiacque per poi scendere al primo centro abitato. Oppure trovare l'imbocco di una seconda galleria che mi riporterebbe sul versante da cui sono partito. Faccio un pò fatica a capire se sono troppo in basso o troppo in alto; ma poi per fortuna trovo un buco nella roccia. Questa galleria è lunga il doppio dell'altra e non se ne vede la luce fino all'ultimo.

Arrivato all'uscita, l'avventura è finita. Devo solo scendere lungo un facile sentiero che passa tra piantagioni di banane. Me ne mangio anche 4/5, un pò acerbe però.
Stupendo giro di mare e montagna. Da solo. Oggi col cielo più blu del solito.

Consiglio di portare scorte d'acqua vista l'aridità del luogo.

1h fino alla galleria
45 min per la galleria più la discesa fino alla spiaggia
2h per la risalita fino alla seconda galleria
15 min di galleria
1h per la discesa

TOT 15,4 km - 5.30h comprese pause

Gita caricata il 07/11/18

Le foto

Descrizione completa dell'itinerario

Caratteristiche itinerario

difficoltà: EE/F :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 150
quota vetta/quota massima (m): 600
dislivello salita totale (m): 800

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale