Pilone (Punta) Canale Sud-Est

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: OS / F   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Varie
quota partenza (m): 1015
quota vetta/quota massima (m): 2708
dislivello totale (m): 1750

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: MBourcet213
ultima revisione: 04/02/18

località partenza: Ponte di Barmafreida (Angrogna , TO )

punti appoggio: Rifugio dei Sap

cartografia: Fraternali 7

accesso:
Torino - Pinerolo - Torre Pellice - Angrogna - Prà del Torno - Ponte di Barmafreida

note tecniche:
Per gli amanti delle gite lunghe (alla fine sono circa 20 km), se c'è neve sulla strada si sale agevolmente fino all'alpe di Sella vecchia! Pendii non troppo ripidi fino sotto il canale, dove il pendio inizia a diventare sostenuto. Una volta calzati i ramponi e impugnata la piccozza lo si percorre (circa 150 m con tratti superiori ai 35-40°) fino ad uscire sul colletto. La cima si raggiunge per facili roccette.

descrizione itinerario:
Lasciata l'auto al Ponte di Barmafreida, si attraversa il ponte e si imbocca la strada che sale verso il rifugio i Sap, al bivio che lo indica a sinistra (1373 m) proseguiamo dritto in direzione SO. Raggiunti gli alpeggi di Alpe Sella 1806m inizia la gita vera e propria. Si prosegue in direzione O perdendo alcuni metri per poi salire un bellissimo e ripido (a tratti) vallone che conduce all'Alpe di Sella Vecchia 2056 m. Si svolta a destra (direzione N) e si entra nel vallone di Piano Salei. Prima parte con pendii dolci, poi via via il pendio che conduce alla base dello stretto canale SE si fa sempre più ripido (consigliati picca e ramponi). Una volta raggiunta la sommità del canale si esce sul colletto e la vista si apre sulla Conca Cialancia e la val Germanasca. Per raggiungere la vetta si procede a sinistra salendo direttamente per roccette oppure aggirando le difficoltà sul lato di Angrogna.
In discesa si segue fedelmente l'itinerario di salita, ovviamente con possibili divagazioni di linee data l'ampiezza dei pendii. Una volta tornati sulla strada c'è ancora una breve risalita (fattibile senza ripellare) poi scorrevole fino alla macchina (ovviamente in presenza di neve).