Ladres (Pas des) da Madone de Fenestres, anello per il Col de Fenetre

difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1903
quota vetta/quota massima (m): 2476
dislivello salita totale (m): 700

copertura rete mobile
tim : 40% di copertura

contributors: rolly52
ultima revisione: 29/06/15

località partenza: Madone des Fenetres (Saint-Martin-Vésubie , 06 )

punti appoggio: Refuge de la Madone des Fenetres

bibliografia: Guide Randoxygène-Haut Pays

accesso:
Da Nizza risalire la Valle del Var, quindi seguire la Val de la Vesubie ( Lantosque-Roquebillière) fino a St Martin de Vesubie. All'uscita del paese imboccare sulla destra una stretta strada asfaltata che conduce in 11 km al Santuario. Ampio posteggio.Tot circa 70 km da Nizza.

note tecniche:
Splendido anello, breve e poco faticoso, che permette di avere scorci bellissimi sul Gelas, sul gruppo del Ponset e, con tempo bello, fino alla costa di Antibes. Dal col de la Fenetre bella vista sul gruppo Agnel-Fenestrelle, mentre dal Pas des Ladres la vista si spinge sul vallone di Cougourde e sul bellissimo lago di Trecolpas. Sentieri belli e ben segnalati, acqua in abbondanza.

descrizione itinerario:
Alle spalle del santuario si sale sulla bella mulattiera lastricata, che , dopo un primo strappo, a un bivio ( a sx indicazione Pas des Ladres) svolta a destra risalendo balze erbose. Si supera il bellissimo Lac des Fenetres, dalle acque color smeraldo, e dopo un tratto ripido che passa presso due casermette diroccate, si tocca il Colle. Si ridiscende di un paio di tornanti, per prendere il sentiero che con leggera discesa porta verso il pas des Ladres, con fondo alquanto sassoso. Dopo un tratto di discesa, ci si innalza ripidamente per un centinaio di metri su ripide balze ( attenzione con neve o con fondo bagnato), per poi ridiscendere dolcemente verso il Pas des Ladres ( cosi chiamato per i contrabbandieri che lo frequentavano in passato). Trascurata la traccia che poco sotto la cresta conduce sulla cima dell'Agnellère, ci si abbassa con ripidi tornanti e con un traverso fino a ritrovare il sentiero del col de la Fenetre e da lì, in breve, al Santuario.