Creta Delle Cjanevate spigolo del Pilastro della Plote

difficoltà: 6b
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 2100
sviluppo arrampicata (m): 400

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: PEPEDU
ultima revisione: 14/05/09

località partenza: Collina (Forni Avoltri , UD )

punti appoggio: Rifugio Marinelli

bibliografia: Arrampicate classiche e moderne nelle Alpi Carniche/Del Fabbro-Candorini

note tecniche:
E' la più classica e ripetuta del pilastro, la roccia è stupenda e la chiodatura sufficiente, l' ambiente e molto solitario nonostante il rifugio; attenzione, nel tiro duro il diedro si può azzerare con i friends; la parete delle Cjanevate è piena di pilastri chiedete info al rifugio

descrizione itinerario:
Accesso: da poco dopo Collina parte una strada forestale (o meglio anche un sentiero) che porta al rifugio Marinelli ottimamente gestito (2'), da qui si scende nel vallone sottostante e si prendono le tracce di sentiero che portano in traverso sotto la parete delle Cjanevate, in centro parete ci sono 3 evidenti e distinti pilastri, il pilastro delle Plote è quello di des. con un nevaietto e pilastrozzo alla base, inoltre ha alla base 3 evidenti fessure oblique verso sin., l' attacco e su quella di estrema des. (1').
Relazione:
L1: salire la fessura-rampa e dopo un po' traversare a sin. per prendere l' evidente diedro fessurato che si percorre fino alla sosta su spuntone 40m IV+
L2: salire la fessura obliqua (passaggio delicato e sprotetto) e poi verticalmente su roccette più facili 20mVI
L3: salire pochi m per il canalino a sin. quindi traversare a des. sopra la sosta in placca e puntare allo strapiombino (ch), superarlo e salire leggermente in obliquo verso des. verso la base del diedro con sosta su clessidre 30m V+
L4: salire la placca a des. del diedro partendo in obliquo verso sin. fino a prendere una cangetta che riporta a des. sulla direttrice della sosta e poi dritti, entrare nel canale e percorrerlo fino ad una nicchia 50 V+
L5: salire la corta fessura a des. e la successiva stupenda placca, in cima a questa deviare a des. sul facile spigolo e quindi traversare a sin. su cengetta 40m V+
L6: salire il sovrastante e poi in leggero obliquo verso sin. per delle fessure si arriva sotto un strapionbo-tetto evidente 50m V
L7: si traversa sotto il tetto verso des. (6b chiodato), e si sale il corto diedrino (6a friends), all' uscita il leggero obliquo verso des. su placche più facili fino in sosta su clessidra 30m VI/A1 (6b)
L8:con un lungo tiro si sale dapprima leggermente verso des. fino a una clessidra con cordino, da qui si obliqua verso sin. (ch)fino ad uscire su terreno più facile , si traversa pochi m a sin. fino allo spigolo che si risale fino ad uno spuntone 60m V
Da qui si può continuare per cresta e rampe fino in cima alle Cjanevate 150m III
Discesa: dallo spuntone ci si cala fino alla sosta precedente, da qui faccia a valle con 2 doppie verso sin. fino a un canale tra la parete e un pilastro, da qui ci si cala (60m) fino alla sosta con clessidre ( attenzione ai sassi), da qui ci si cala alla 1° sosta e quindi fino a terra (2')