San Salvatore (Monte) Ferrata

L'itinerario

difficoltà: TD
esposizione prevalente: Nord
sviluppo ferrata (m): 200

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: orientestella
ultima revisione: 27/03/09

località partenza: Lugano (Lugano , Lugano )

note tecniche:
corta ma molto atletica ed esposta. roccia in alcuni passaggi marciotta.

AVVICINAMENTO
La via ferrata del monte San Salvatore, inaugurata il 14 settembre del 2002,è la prima costruita nel Canton Ticino.
Percorrendo la statale che da Chiasso porta a Lugano si raggiunge la località Paradiso (3 Km da Lugano).
Si seguono le indicazioni per la funicolare del monte San Salvatore.Da qui vi sono due possibilità: salire alla stazione intermedia con la funicolare (per informazioni si veda il sito ufficiale) oppure percorrere in auto la strada in salita verso Pazzallo (480mt), dopo qualche tornante si può lasciare l'auto in prossimità dei parcheggi indicati da cartelli arancioni con il simbolo della funicolare e prendere il sentiero (seguire la segnaletica bianco-rosso-bianco) che in 2' porta alla stazione intermedia.Da qui in 30' si giunge all'attacco della via ferrata,dopo aver preso un sentierino che si distacca sulla sinistra di quello principale (ben segnalato da un pannello descrittivo della via ferrata).

descrizione itinerario:
SALITA
La via si classifica difficile, con alcuni passaggi leggermente strapiombanti "molto difficili",per l'impegno fisico e la forza necessaria se non in possesso di adeguate capacità tecniche; si tratta di una ferrata piuttosto breve ma molto atletica.Tutta molto esposta e poco frequentata, si divide in due pareti verticali ben attrezzate di circa 70mt di sviluppo ciascuna: la verticalità è una costante di tutto il percorso e la roccia è in alcuni passaggi molto
friabile, per questo è necessario l'uso del casco.
La presenza di alcuni gradini in metallo facilita la progressione nei tratti più strapiombanti.L'attacco della prima parete comincia subito con un traverso ed un salto verticale di qualche metro che sono abbastanza rappresentativi del resto della via.Particolare attenzione va fatta alla caduta sassi nei punti più franosi.Lo sviluppo è prevalentemente verticale con passaggi leggermente strapiombanti che si superano se in possesso di una buona forma fisica.
L'uscita della prima parete porta, tramite un breve sentierino di raccordo, all'attacco della seconda parete che si presenta subito verticale, esposta e lunga circa come la prima.Anch'essa richiede un certo impegno atletico per superare i salti verticali e i traversi non sempre provvisti di appigli ed appoggi naturali (specie per persone di bassa statura).
Al termine della via ferrata (considerare almeno un ora) è possibile firmare il libro di vetta e prelevare, se lo si desidera, un bollettino postale svizzero per donazioni destinate alla manutenzione della via stessa.
Da qui in 2' circa si giunge su di un sentiero che a destra porta in circa 15' sulla panoramica vetta del monte San Salvatore mentre a sinistra scende alla stazione intermedia della funicolare.

DISCESA
Dalla cima vi sono due possibilità di discesa: si prende la funicolare (scendendo alla stazione intermedia od a Paradiso) oppure si percorre il sentiero con segnaletica bianco-rosso-bianco che in circa 45' porta alla stazione intermedia della funicolare.