San Giacomo di Moia (Colle) da Cernesio, giro per Vrù

difficoltà: TC / TC   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 750
quota vetta/quota massima (m): 1450
dislivello salita totale (m): 950
lunghezza (km): 27

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura

contributors: mangiasalite bubetta
ultima revisione: 31/05/10

località partenza: Cernesio (Ceres , TO )

cartografia: I.G.C.n°2

bibliografia: Mountain Bike Valli di Lanzo di Maurizio Gallo

note tecniche:
Percorso altamente appagante dal punto di vista del panorama.Si sta a cavallo tra val di Lanzo e valle Tesso.L'itinerario è visitabile sul sito di Massimo Peverada (Monte Garnè) o sul libro di Maurizio Gallo.Si può percorrere in entrambi i sensi.

descrizione itinerario:
Dallo spiazzo sulla SP 33, poco dopo la frazione Fè di Ceres, si seguono a dx le indicazioni per Cernesio percorrendo la via Cernesio e la via Brusera; si seguono poi le indicazioni per Chiaves (palina in legno).
Si evitano il sentiero verso Brusiera, una deviazione sulla sx e due sulla dx e si arriva al piazzale del Passo della Croce (circa 5 Km). Si scende sempre su asfalto passando a monte delle case di Cresto ed allo stop (Km 6,5) si continua a sx lungo la strada per il lago di Monastero.
Si supera Curchiatto, si raggiunge uno spiazzo con la fontana Sistina dove ci si puo' rifornire d'acqua e si riprende a salire sino alla deviazione segnalata per la Baita S. Giacomo chiusa da un cancello comunque facilmente aggirabile. Qui inizia la sterrata e si raggiunge Colle S. Giacomo di Moia, punto piu' elevato del percorso 1450 m/slm (circa Km 14).
Si lascia a destra la diramazione per le baite S. Barbara, si incontra un nuovo bivio che a sx consente di raggiungere la sottostante cappella di S. Giacomo. Si prosegue a dx direzione Blinant e dopo un tornante si arriva presso alcune baite.
Qui la sterrata si perde un pò e si seguono le tracce che si staccano sul prato a destra. La strada diventa di nuovo sterrata un pò dissestata ma ben presto erbosa con un fondo molto scorrevole e liscio.
Si supera Blinant fino ad arrivare ad una catena nei pressi di Vrù (circa 18 Km) .
A dx dopo 400 metri in salita e 70 metri di quota si arriva a Rivirin famoso per le ricostruzioni in pietra della Torre di Pisa e della Mole Antonelliana
A sx si va invece verso Vru, si attraversa un ponte e si arriva di nuovo ad un bivio. A sx si entra nel paesino dove si trovano le indicazioni per il presepe meccanico i cui personaggi animati ricostruiscono gli antichi mestieri di queste valli. A dx si aggira il paese dall'alto e si ritrova la strada asfaltata che con una serie di tornanti arriva nei pressi di Cantoira.
Da qui rientro sulla SP 33 fino a Fè/Cernesio.