Giassit (Col) da Surro Inferiore

tipo itinerario: bosco rado
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1102
quota vetta/quota massima (m): 2026
dislivello totale (m): 924

copertura rete mobile
vodafone : 80% di copertura

contributors: Blin1950
ultima revisione: 03/01/10

località partenza: Surro Inferiore (Settimo Vittone , TO )

cartografia: MU Edizioni - Carta della Valle Dora Baltea Canavesana

bibliografia: Guida alla Dora Baltea Canavesana - Edizioni CDA

accesso:
arrivando dall'autostrada Torino-Aosta, uscita Quincinetto, si torna indietro per alcuni km fino a Settimo Vittone, dove al centro del paese si incontra il bivio a sinistra per le varie frazioni, tra cui Trovinasse. Si segue la tortuosa strada asfaltata, toccando molte piccole frazioni tra cui Cornaley. Si continua sulla strada principale fino a che possibile in base all'innevamento, generalmente fino a Surro Inferiore viene tenuta sgombra. Se possibile si supera un camping, e poco dopo si perviene al tornante di quota 1298 m, dove si posteggia.

note tecniche:
Con la strada pulita, accessibile alle auto, l’itinerario inizia al tornante quota 1298, appena prima del ponte sul Rio Savolera, riducendo il dislivello a 728 metri.
E' possibile valutare l'innevamento della zona in quanto ben visibile dal fondovalle, specialmente tra Ivrea e Quincinetto.

descrizione itinerario:
Da Surro si raggiunger percorrendo la strada il tornante a quota 1298 m poco prima di Trovinasse. Attraversato il ponte del Rio Savolere ed il successivo sul Torrente Chiussuma e raggiunto L’Agnerezzo. Salito sulla dorsale, percorsa fino al suo termine nel piano davanti alla casa Biolla, salito piegando leggermente a sinistra sul fondo innevato di una larga mulattiera che sale nel bosco con diverse giravolte, giungendo nel piano delle baite Balmetta. Salito a sinistra delle baite, su pendio di bosco rado di betulle, e giunto all’Alpe Truc m. 1560, proseguito a mezzacosta, passato la baita Alpetto, poi sempre a mezzacosta il sentiero supera una balza e giunto all’alpe Sapello della Brenga, e dopo un centinaio di metri, deviato a sinistra e salito in direzione nord per valloncelli e piccoli dossi giungendo al piano sotto il colle.
Ultimo strappo e raggiunto la croce del Colle di Giassit. Discesa per lo stesso percorso di salita