trevor


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: ** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Park Villaggio d'Ardua
attrezzatura :: scialpinistica
Ramponi obbligatori per arrivare a Pian delle Gorre per la strada più breve, in alternativa mi pare abbiano aperto la pista da fondo sull'altra sponda del Pesio.
Vallone del Marguareis in condizioni primordiali, trovato 3 carcasse di camoscio sventrate dai lupi e tantissime tracce di lupo in tutta la parte bassa del vallone.
La neve è un mix di croste: tracce del gelicidio dove il vento ha pelato, firn in alcuni punti, farina compressa dal vento sottovento.
Saliti dai Genovesi, svuotati e pelati da una slavina che ha riempito il conoide di pallettoni e ha reso la salita penosa: dal primo terzo del canale affiorano molte rocce, in alto canale più dritto del solito in farina pressata, uscita ravanosa fra vetrato e roccette, ma con fisse scoperte, poi neve.
Scesi dai Torinesi in compressor compattissima ma grippante, il pendio sotto il conoide era vetrato e abbiamo calzato i ramponi in discesa per 100m!
Scendere da qui in poi era sopravvivenza sfruttando le lingue ventate per non sciare sul vetrato, dove stare in piedi era decisamente impegnativo.
Ambiente super, ma sconsiglio di infilarsi in questi paraggi per un po'.
Ballaur e Saline pelati dal vento.
Con Alberto.
Sciabilità :: ** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
attrezzatura :: scialpinistica
Molta neve nuova, rovinata dalla pioggia, trovato numerosi distacchi anche nel bosco ai cambi di pendenza.
In alto vento che lavorava parecchio tutti i crinali in zona, formando grossi accumuli, ci siamo fermati alla fine del bosco.
Ultimi 100m in alto farina ben sciabile, poi crosta sempre più infame scendendo.
Con Nico.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Concordo con la precedente relazione: il tiro dopo quello del mauvais pas non è come viene qui descritto, usciti dalla fessura se si traversa a sinistra ci si va a infognare.
In precedenza avevo traversato a destra arrivando alla base del canale, dove sulla sponda opposta c'è una sosta.
Questa volta sono salito dritto, in virtù del chiodo che si vede all'ultimo solo salendo, ho poi incontrato qualche spit e chiodo, tiro che a mio parere merita e completa la via.
Dalla sosta di quest'ultimo si può moschettonare il primo (e unico?) spit poi deviare a dx nel canale.
Ritorno al Corno dopo più di un anno senza scalare, con Burling che ne ha fatti passare 8, i rispettivi livelli sono decaduti aggiungendo gusto a questa via.
Sfiorati da un masso grosso come una mela sul traverso e da una scarica di televisori roboanti lungo le calate di Barone, causata da una cordata frettolosa e molto disinvolta: ah ah, ciao, scusate le pietre!
A mio avviso atteggiamento deprecabile e incosciente, ho visto la morte in faccia e potevo non tornare da mia figlia di 19 mesi per due idioti.
Saper andare in montagna non vuol dire risolvere un passo tecnico ma capire anche in che ambiente si è e comportarsi di conseguenza.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: front-suspended
per evitare l'alto flusso e i motorizzati del weekend siamo partiti dalla baita Marmotta, seguendo il percorso più a sud dello spartiacque, ovvero dopo il forte Centrale abbiamo deviato per il Tabourda e seguendo le indicazioni Via del Sale ci siamo congiunti allo stradone solo al Colle della Perla, seguendolo fino al Colle della Boaria.
abbiamo provato il gta per capanna Morgantini ma non avendo voglia di ingaggiare il vecchio sulle 'cenge esposte' siamo tornati sui nostri passi e abbiamo seguito la strada fino a quota 2230m circa, dove una strada in parte non ciclabile porta senza rischio alcuno alla Morgantini.
da qui splendido percorso fino al Passo del Duca, in un tripudio di fiori, con qualche tratto non ciclabile in discesa e in salita.
dal Duca bici a mano praticamente fino al colle del Prel tranne brevi tratti.
dal duca fino al Gias degli Arpi migliaia di mosche e tafani ci fanno capire che non era proprio il caso di fare quel percorso in salita.
grazie a qualche anima pia che ha sgombrato il sentiero dai massi, discesa perfetta fino al pian delle Gorre.

giro spettacolare! per aggiungere un po' di dislivello sarebbe da partire da Limonetto o Limone.
Sciabilità :: **** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Park pontino prima dei tornanti
attrezzatura :: scialpinistica
Neve primaverile con buon rigelo, non ha quasi mai mollato del tutto considerando che alle 13.20 ero alla macchina.
Passato per Passo di Vens, salito a Cima Borgonio ho aggirato la crestina e attraverso il colletto fra Borgonio e Clai ho quindi sconfinato in Francia, sui laghi Tenibres.
Ripellato passando sotto Testa Rossa ho raggiunto la normale all'Ubac e di lì in vetta.
Scesa la prima parte della diretta (vecchissima farina un po' rigelata in mollaggio) ho poi tagliato a ovest per un colletto nevoso, che mi ha posato sul plateau sotto Testa del Vallone, di cui ho percorso la crestina nevosa fino al plateau superiore e da lì in punta.
Sceso il canalino classico di Testa del Vallone (strettoia ma si passa) e il valloncello su un biliardo fino al piano sotto le Scolettas, dove ho chiuso l'anello.
Tour fantastico e quasi logico, che permette di toccare 3 cime che 'si guardano' e di cambiare molti versanti.
Volevo percorrerlo in senso opposto, ma partendo da Vens ho tenuto per le discese la neve meno toccata dal sole e per le salite un ambiente più caraibico.
In 'solitaria' ma con un tripudio di skialpers in giro.

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si arriva fino al primo tornante della strada dopo il ponte, neve da sopra la cascata
attrezzatura :: scialpinistica
Copertura nevosa ancora buona, rigelo ok.
Saliti normale Ischiator da Besmorello: nella conca finale scaldava come al solito, scesi ovest fino ai laghi Rabuons su rigelata grippante, risaliti a Passo Corborant e da lì per cresta in vetta, rientro per canale nord classico (passo Marmotta) con neve divertente che molla all'altezza del Migliorero, dove siamo passati verso le 13.20.
Scendendo a destra del rifugio e stando sempre a destra si trova neve fino a 300m dalla partenza.
Con Marco, che a 19 anni ha gustato il piacere di un Classic tour da vecchie battone dello skialp..
Saluti al popolo di Pasqua incontrato in vetta, 4 simil garisti francesi e una coppia.
sciabilità :: ***** / ***** stelle
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: Strada per Talarico con ghiaccio, passati da Pietraporzio
Raggiunto la vetta dal Passo Tenibres, percorso 30m di cresta pelata verso l'ingresso classico: un biliardo di farina pressata, bellissima da sciare, ci ha posato nel vallone sotto il Passo della Lausa.
Ripellato per l'Ubac e rientrati a Pietraporzio per la diretta ESE.
Meteo fotonica ma il caldo non riesce a infilarsi in questo scivolo, che resta farinoso al centro e inizia a trasformare sulle contropendenze.
Sciabilità :: **** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Park Pietraporzio
attrezzatura :: scialpinistica
Portage fino a 100m sotto al pian della Regina, tanto vetrato con chiazze dry, poi neve continua ma sulla strada per il vallone del Piz siamo al limite, si sale ma non si scende, da poco prima dello slargo della cascata a posto.
Vallone del Piz in condizioni splendide, un biliardo.
Ubac fatto in boucle dalla Testa Rossa (nord), ingresso diretta e prima parte in farina pressata bellissima, dove il canale cambia esposizione il caldo sta lavorando molto la neve (scesi tardino).
Il caldo inizia a staccare valanghe a pera, nella zona fra il merze gros e lo Zanotti, occhio ai rientri se si fa tardi.
Provato a salire verso il Talarico in auto ma una grossa placca di ghiaccio ci ha fatto svoltare su Pietraporzio.
Volevo aggiungere foto ma Gulliver fa sempre più il difficile!
Sciabilità :: **** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Park Villaggio d'Ardua
attrezzatura :: scialpinistica
Passato per il vallone del Marguareis e l'omonima porta, traffico tutt'altro che domenicale per questo angolo di paradiso, mi sono apparsi degli skialper (saluti) solo in vetta al Ballaur, provenienti dal versante opposto.
Portage minimo per arrivare al Gias Sestrera, in discesa con qualche metro di dry sulla strada mai tolto gli sci fino ad Ardua.
Nevi varie, firn a sud, farinella a nord, qualche piccolo accumulo cartonato.
Salito al Ballaur per il crestone da colle del Pas, percorso tutta la dorsale con beton scintillante e sceso infine per un bel lenzuolo trasformato e trovato ancora farina sotto le placconate.
Ripellato per porta Marguareis.
Buttando un occhio i canali del Marguareis sembrano in condi, Genovesi con piccolo risaltino roccioso in uscita ma quasi pieno.
Bellissimo viaggio solitario.
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: provocato fratture al manto
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: strada pulita fino alle Meschie
attrezzatura :: scialpinistica
salito su traccione per la Costa della Mula, ultimi 100m sotto la vetta insciabili, pietre.
sceso nel canale est fra le due vette, neve farinosa compattata, asciutta e veloce, poco lavorata dal vento fino a quota inferiore all'osservatorio, poi molto variabile secondo le esposizioni e l'orario, farina, crosta, pauta..
in basso dove scalda staccava piccole porzioni di neve umida.
rientrato perseverando per il fondo del canale e attraverso boschina, prossima volta starei più a destra del rivo..


bellissima sciata, da eterno ripellaggio
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Meschie (Frazione) da Chiusa di Pesio per Tetti Gallina (04/09/18)
    Morgantini Alberto (Capanna) da Vigna, anello per il Passo del Duca e Rifugio Don Barbera (19/06/18)
    Marguareis (Punta) Canale dei Torinesi (15/05/18)
    Rossa (Testa) Canale NO (12/05/18)
    Oronaye (Monte) Canale N (28/04/18)
    Sestrera (Porta) quota 2344 m da Madonna d'Ardua (13/02/18)
    Marguareis (Punta) anello Passo Duca, Marguareis, Canalone Torinesi (04/02/18)
    Costabella del Piz (Testa della) da Pietraporzio (20/01/18)
    Marguareis (Punta) Canale dei Torinesi (05/01/18)
    Lose (Bosco delle) quota 2431 m da Argentera (12/12/17)
    Stella (Corno) Via De Cessole (15/07/17)
    Perla (Colle della) da Limone Piemonte, traversata a Chiusa Pesio per il Passo del Duca (17/06/17)
    Ubac (Testa dell') da Pontebernardo (23/04/17)
    Ischiator (Becco Alto d') Versante O (16/04/17)
    Ubac (Testa dell') da Pietraporzio Diretta ESE (17/03/17)
    Rossa (Testa) Canale Nord (17/03/17)
    Pian Ballaur (Cima) da Madonna d'Ardua (26/02/17)
    Bisalta o Besimauda (Monte) da Pradeboni (17/02/17)
    Marguareis (Punta) Canale dei Torinesi (28/12/16)
    Freide (Monte) da Chiappera per il versante NO (23/12/16)
    Rossa (Testa) Canale NO (24/05/16)
    Oronaye (Monte) Canale Sud di Destra (06/04/16)
    Ventasuso (Monte) dal Colle della Maddalena (13/01/16)
    Ischiator (Becco Alto d') Versante O (12/04/15)
    Maniglia (Monte) da Chiappera (07/04/15)
    Bisalta o Besimauda (Monte), q. 2276 a SSO (Bec Rosso) da San Giacomo per lo Sperone Centrale (01/04/15)
    Rossa (Testa) Canale Nord (11/03/15)
    Homme (Téte de l') da Chiappera, giro per i Colli Gippiera e dell'Infernetto (07/03/15)
    Freide (Monte) da Chiappera per il versante NO (05/03/15)
    Bisalta o Besimauda (Monte), q. 2276 a SSO (Bec Rosso) da San Giacomo per lo Sperone Centrale (11/02/15)
    Malinvern (Monte), cima NO Couloir NO, Dufranc (01/02/15)
    Cavias (Testa di) quota 2500 m da Pietraporzio (27/01/15)
    Ischiator (Becco Alto d') La Liaison Nord (06/01/15)
    Bal (Cima del) o Punta del Gorgion Lungo da Villaggio Primavera per il Canale Sud-Est (30/12/14)
    Borgonio (Cima) da Pontebernardo (25/05/14)
    Ischiator (Becco Alto d') La Liaison Nord (13/05/14)
    Monviso canale Coolidge (29/04/14)
    Piz (Becco Alto del) e Becco delle Scolettas Canale Nord (15/04/14)
    Monviso Parete S (10/04/14)
    Argentera (Cima Nord) Canale della Forcella (07/04/14)
    Freide (Monte) da Chiappera per il versante NO (11/03/14)
    Oronaye (Monte) Canale N (28/01/14)
    Bisalta o Besimauda (Monte) da Pradeboni (21/01/14)
    Ischiator (Becco Alto d') La Liaison Nord (15/01/14)
    Bal (Cima del) o Punta del Gorgion Lungo da Villaggio Primavera per il Canale Sud-Est (11/01/14)
    Peroni (Rocca) da Chialvetta per il Canale Nord (07/01/14)
    Bisalta o Besimauda (Monte), q. 2276 a SSO (Bec Rosso) da San Giacomo per lo Sperone Centrale (01/01/14)
    Costabella del Piz, colle Nord-Est da Pietraporzio per il vallone del Piz (30/12/13)
    Fascia (Cima della) da Limone Piemonte per la dorsale NO (23/12/13)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (02/07/13)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (31/05/13)
    Rossa (Testa) Canale Nord (12/05/13)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (02/05/13)
    Meyna (Sommet de la) Integrale Sud (07/04/13)
    Homme (Téte de l') da Chiappera, giro per i Colli Gippiera e dell'Infernetto (27/03/13)
    Viridio (Monte) e Punta Parvo da Chiotti, anello (19/03/13)
    Oronaye (Monte) Canale N (03/01/13)
    Abisso (Rocca dell') da Limonetto (04/12/12)
    Lausa (Cima della) da Pontebernardo (20/11/12)
    Garbella (Costa della) quota 2253 m da Palanfrè (02/11/12)
    Castello (Rocca) Vecchio Scarpone (15/08/12)
    Pianard (Contrafforti di) Ombre...nel Buio! (14/08/12)
    Chardonnet (Aiguille du) Arete Forbes (31/07/12)
    Russet (Falesia del) (24/06/12)
    Rossa (Testa) Canale Nord (15/05/12)
    Vallone (Testa del) da Pontebernardo (18/03/12)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (13/03/12)
    Periades (les) dalla Vallee Blanche per la Breche de Puiseux (21/02/12)
    Chardonet, Seleina, du Tour (Colli) traversata da Argentière (20/02/12)
    Ischiator (Becco Alto d') Versante O (24/01/12)
    Rossa (Testa) Canale Nord (22/01/12)
    Borgonio (Cima) da Pontebernardo (09/01/12)
    Scolettas (Becco delle) Canale O (02/01/12)
    Ubac (Testa dell') da Pontebernardo (29/12/11)
    Vallone (Testa del) da Pontebernardo (09/12/11)
    Freide (Monte) da Chiappera per il versante NO (08/12/11)
    Freide (Monte) da Chiappera per il versante NO (01/12/11)
    Taillante (Crete de la) Cima N versante O (17/11/11)
    Tacul (Mont Blanc du) Contamine Grisolle (16/09/11)
    Detriti (Passo dei) da Pian della Casa (15/05/11)
    Homme (Téte de l') da Chiappera, giro per i Colli Gippiera e dell'Infernetto (08/05/11)
    Ciaslaras (Monte) da Chiappera (05/05/11)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (01/05/11)
    Ischiator (Becco Alto d') Versante O (20/04/11)
    Bianco (Monte) dal Refuge des Grands Mulets (08/04/11)
    Abisso (Rocca dell') Canale N (01/04/11)
    Bisalta o Besimauda (Monte), q. 2276 a SSO (Bec Rosso) da San Giacomo per lo Sperone Centrale (25/03/11)
    Matto (Monte, Cima Est) Canale Cougné (24/03/11)
    Vallone (Testa del) da Pontebernardo (10/03/11)
    Viridio (Monte) da Chiappi (06/03/11)
    San Bernolfo (Rocca di) da San Bernolfo (24/02/11)
    Bisalta o Besimauda (Monte) da Pradeboni (22/02/11)
    Vaccia (Monte) da Pietraporzio (19/02/11)
    Garbella (Costa della) quota 2253 m da Palanfrè (18/02/11)
    Bal (Cima del) o Punta del Gorgion Lungo da Villaggio Primavera per il Canale Sud-Est (23/01/11)
    Bisalta o Besimauda (Monte) da Pradeboni (18/01/11)
    Maniglia (Monte) da Chiappera (16/01/11)
    Garbella (Costa della) quota 2253 m da Palanfrè (13/01/11)
    Costabella del Piz (Testa della) da Pietraporzio (07/01/11)
    Freide (Monte) da Chiappera per il versante NO (02/01/11)
    Garbella (Costa della) quota 2253 m da Palanfrè (03/12/10)
    Chiamossero (Monte del) o Ciamoussè da Limonetto (25/11/10)
    Pianard (Monte) da Palanfrè (19/11/10)
    Lose (Cima delle) da Argentera, per il Canale NE (11/11/10)
    Garbella (Costa della) quota 2253 m da Palanfrè (06/11/10)
    Maurin (Colle del) da Chiappera (04/11/10)
    Homme (Tète de l') e Tete de la Frema da Grange Collet, anello per il Passo Terre Nere e Colle Infernetto (15/08/10)
    Detriti (Passo dei) da Pian della Casa (20/05/10)
    Ischiator (Becco alto d') da Pietraporzio (29/04/10)
    Tenibres (Monte) da Pietraporzio (25/04/10)
    Freide (Monte) da Chiappera, versante S-SO (09/04/10)
    Incianao (Punta) da Argentera (27/02/10)
    Incianao (Punta) da Argentera (26/02/10)
    Garbella (Costa della) quota 2253 m da Palanfrè (26/02/10)
    Fascia (Cima della) da Limone Piemonte per la dorsale NO (24/02/10)
    Bisalta o Besimauda (Monte) da Pradeboni (18/02/10)
    Stau (Colle di) da Villaggio Primavera (07/02/10)
    Bal (Cima del) o Punta del Gorgion Lungo da Villaggio Primavera per il Canale Sud-Est (28/01/10)
    Costa Rossa (Bric) da San Giacomo (24/01/10)
    Pianard (Monte) da Palanfrè (22/01/10)
    Costabella del Piz (Testa della) da Pietraporzio (21/01/10)
    Boscasso (Bric) da Preit per il Vallone Inchiaus (29/12/09)
    Zanotti (Punta) da Pietraporzio (27/12/09)
    Cassin (Bric) da Chialvetta (26/12/09)
    Castello (Anfiteatro di) Settore di Destra (24/12/09)
    Campaula (Costa), o Pian della Reina da Tetti Folchi (17/12/09)
    Costabella del Piz (Testa della) da Pietraporzio (10/12/09)
    Cavias (Testa di) quota 2500 m da Pietraporzio (07/12/09)
    Chiamossero (Monte del) o Ciamoussè da Limonetto (12/11/09)
    Ventasuso (Monte) dal Colle della Maddalena (25/10/09)
    Tacul (Mont Blanc du) Contamine Grisolle (10/09/09)
    Argentera (Cima Sud) Sperone Campia (20/08/09)