snowdow


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
note su accesso stradale :: diversi parcheggi a Le Pontet
Dislivello non eccessivo ma vallone molto lungo con modesta pendenza fino a quota 2000 m.circa.Salito solo alla Tete de Parassac per tracce vaghe ma itinerario semplice e modesto.In
discesa percorsa buona parte
della lunga cresta des Eyssalps direzione nord (verso il
parcheggio)e toccata anche l'omonima cima 2660 m.Discesa
fuori sentiero fino a riprendere il
sentiero GR 5 GR 56 e
comodamente al parcheggio di le
Pontet.Prima volta in zona
Mercantour.

dalla Parassac la Tete de Fer

la tete de Parassac dalla tete des Eyssalps
Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
note su accesso stradale :: buono e tanti parcheggi
Bella ma non breve gita in un vallone poco frequentato.Seguito il sentiero n 211 , ( quindi lontano dagli impianti di risalita di Pian Belfe' ) che porta al bel lago di Lusignetto o Lagoscuro,salito al colletto omonimo e tagliato il lato orientale della punta perdendo meno quota possibile salito per la facile via normale per la cresta nord.Al mattino tempo cosi' così, pomeriggio molte nuvole (inizialmente la meta era un 'altra)nessuno in giro e rientro nella nebbia , fortuna che i sentieri sono ottimamente segnati dal Cai di Ala.Clima afoso anche senza sole.


Torrione Lagoscuro dal omonimo colletto

lago Lusignetto
Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
note su accesso stradale :: parcheggio a pagamento alle terme
Gran bel giro ad anello, piuttosto lungo, che comporta lo sconfinamento in Francia per la salita alle 2 punte.Salito come da itinerario prima alla testa sud di Bresses (bella vista su tutto il gruppo dell'Argentera)e tornato
al passo Tablasses, bisogna
perdere un centinaio abbondante
di metri, fino a reperire la traccia
che in 40'/45' porta al punto
culminante della Testa di
Tablasses.Sceso per il passo
Prefouns dove salivano tre escursionisti francesi. Discesa un po' scomoda la prima parte su terreno ripido e malfermo ma tutta ottimamente segnata da ometti fino al bivio per il rifugio Questa, da li' in poi sentierone con tacche bianche e rosse fino alla macchina.Il dislivello totale è circa 200 metri in più di quello calcolato nella stesura della relazione.

Madonnina della Bresses

l'Argentera

Bresses punta nord e a sx monte Matto

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
note su accesso stradale :: buono fino a S.Anna
Puntina panoramica, con ultima parte fuori sentiero e fuori dalle zone battute, nonostante al parcheggio ci fossero parecchie macchine. Seguito per filo la relazione, un po' di attenzione per il pendio di sfasciumi instabili ma senza esposizione, dopo con la cima a vista si sale a piacimento.Qualche camoscio a debita distanza e qualche timida marmotta.Gita poco frequentata e abbastanza veloce : 4 ore totali con buon
passo.
Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
note su accesso stradale :: Fino alla diga buono
Gita molto lunga , che comporta l'attraversamento di tre valloni.
Partito alle 7 circa dal parcheggio e seguito alla meglio la relazione fino alla bocchetta dei Ronchi, dopo wilderness completa , senza più ometti e minime tracce, ma con buona visibilità e tanta fatica a superare immani pietraie di massi anche enormi con l' uso delle mani continuo fino ad arrivare a circa 150 metri sotto al colletto dove la punta appare abbastanza comoda e senza tanti problemi.
Vicinissima la Piccola uja di Ciardoney e la punta settentrionale di Valsoera, appena a sx Gran San Pietro e apostoli a completare il panorama Grande uja di Ciardoney, Punta Gialin e Moncimour.
Discesa biblica con troppe risalite per un dislivello totale di 2170 metri(metro più ,metro meno)
Visto solo pecore nell' alto vallone di Valsoera, e un paio di camosci nella comba di Motta.
Alla macchina alle 18.30 con solo 10 min in cima e poche ed essenziali soste, per oggi poteva bastare.Gita da non sottovalutare e se si desidera totale isolamento è quella giusta.

tratto attrezzato appena sopra al Pontese

a sx p.settentrionale di Valsoera in centro piccola uja di Ciardoney

il Gialin

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
note su accesso stradale :: buono fino al parcheggio al Pian della Regina
Nuovamente sulle Marittime, bell'ambiente, poco frequentato nelle zone alte.Itinerario segnato al minio credo di recente fino al bivio per la Punta Zanotti, dopo solo ometti ma parte finale ben visibile e intuibile, passando alla base settentrionale delle Punte
di Schiantala'.In breve per cresta e cenge lato francese (un po' esposto)anche alla punta ovest leggermente più alta della punta est.Buono il panorama su tante cime famose.In discesa con breve deviazione salito alla Zanotti su comoda traccia.Molto consigliata e poco frequentata.

Dalla Montagnetta est, Becco Alto d'Ischiator

Il Corborant

punta ovest di Montagnetta sfondo a sx Tenibres a dx Rocca Rossa

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
note su accesso stradale :: Molti parcheggi al Pian della Regina
Di ritorno dal Tènibres , in 15 min dal omonimo passo in vetta x buona traccia, delicati ed esposti gli ultimi metri per arrivare al ometto della punta,la roccia e' un po' disgregata.


l'ometto della testa Rossa
Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
note su accesso stradale :: tanti parcheggi al Pian della Regina
Bella gita, discretamente lunga,oltre 22 km (con deviazione al rif.Zanotti,)ma senza difficoltà particolari.Pochi gradi sopra lo zero alla partenza con giornata spettacolare, il lago Mongioie aveva qualche tratto ghiacciato.Un po' di attenzione sopra la casermetta , ma nulla di che.Panorama ampio con vista mare.Montagna frequentata,casco non
indispensabile.

in punta

in fondo l'Argentera

punte di Schiantala' Montagnetta e Becco alto d'Ischiator

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
note su accesso stradale :: park comodo al ponte Pelvo
Gita poco frequentata , in primavera probabilmente con gli
sci rende di più.Un po' di fatica nel superare la pietraia sotto il colle, meglio la SX orografica, ultima parte più comoda.Punta con
pareti ripidissime verso la valle
Maira e il vicinissimo colletto che
la separa dalla Rocca Gialeo, da
cui si nota bene la punta,appena a sx spunta il Pelvo d'Elva.Bella
giornata, ben presto coperta da
spesse nuvole.

Rocca Gialeo e a sx Pelvo d'Elva
Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
note su accesso stradale :: diversi parcheggi nei pressi del lago Serru'
Itinerario breve ma remunerativo,poco dislivello, comodo con poca voglia di scarpinare.Ambiente d'alta montagna da non sottovalutare , la parte dal Ballotta in su è
attrezzata ,ma bisogna stare
attenti per l' esposizione. Pure la
parte finale attrezza per accedere
al passo della Losa richiede
qualche attenzione ma oggi tutto
asciutto e facile.Dal passo con cippo e pannello con quota
(differente dal nostro IGC) tenere il filo di cresta e non lasciarsi tentare dalla cengetta lato Serru' con esposizione notevole.Buon panorama con i ghiacciai dell'Iser in evidente stato di sofferenza.

rif Ballotta

G.Aiguille Rousse
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .