sanet


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
tipo neve :: primaverile
note su accesso stradale :: OK
Splendida discesa in ottime condizioni anche se in alcuni punti obbligatori comincia ad affiorare il ghiaccio. I Breithorn , Polluce e Castore in condizioni pessime con molto ghiaccio affiorante. Meglio i 4000 lato svizzero. Dal Piccolo Cervino con due brevi risalite con le pelli si arriva sci ai piedi a Furì. La traccia attuale dalla Porta Nera fa attraversare molto a destra. Anche la discesa sul classico masso attrezzata con una corda a fondo canyon si può evitare e passare su neve a sinistra. Nel canyon comincia ad affiorare ghiaccio per cui bisogna prestare molta attenzione. Unico neo della giornata la caduta in un crepaccio , per fortuna credo senza gravi conseguenze, di un ragazzo di un gruppo appena davanti a noi in una zona che tutti ritenevamo sicura. Tanto per ricordarci che anche con gli sci su ghiacciaio e anche su itinerari molto battuti bisogna essere molto prudenti. Giornata con temperature miti, cielo blu cobalto e assenza di vento. Noi abbiamo preso la seconda funivia da Cervinia e prendendocela con relativa calma alle 14:30 eravamo a Furì. In compagnia del compagno di tante avventure Ettore (Gazzano) , Andrea, Alberto e Massimiliano.

Verso la Porta Nera

Inizia la discesa

Panorami

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
Ritornato con mia figlia Sara dopo 25 anni! La prima volta ne aveva 12. Nel mezzo da parte mia almeno altre 10 discese ma mi emoziona sempre. Cresta attrezzata perfettamente con corde e pista ben tracciata. Percorso in ottime condizioni , crepacci ben coperti sul tracciato anche se la neve dura e le gobbe richiedono sempre attenzione. Si ritorna con il trenino di Montenvers. Si fa un biglietto con salita da Chamonix all'Aiguille du Midi e discesa in treno con 58.5 euro. Pensavo di trovare una folla ma arrivati alle 8 siamo saliti subito ed alle 9 eravamo in cima. Scesi per molti tratti quasi in solitudine. In realtà la folla scendeva quando noi eravamo già alla Salle a manger. Grande itinerario di alta montagna anche se le corde sulla cresta e la quantità di sciatori che lo scende sembra averlo banalizzato, ma rimane comunque un itinerario di alta montagna da affrontare preparati. Allego il mio tracciato GPS che in caso di maltempo può essere utile. In molti salivano alle Periades. Unico neo le nuvole che hanno coperto le cime più alte.

La cresta

Serraccata

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .