sanet


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 1300
Finalmente al terzo tentativo di discesa del Conoia abbiamo trovato la neve “perfetta”. Due dita di marcetta su firn primaverile dalla vetta fino a quota 1450 m, dove bisogna togliere gli sci per fare gli ultimi 200 m per arrivare all’auto. Traversata spettacolare che tocca prima la vetta del M.Mongioie, poi discesa del pendio E su neve un po’ dura (ore 11) al Bocchin de l’Aseo salita al M.Rotondo ,breve discesa al colle sottostante e salita al Bric di Conoia. Scesi alle 13:30 su neve perfetta, in 4 direttamente dalla vetta ed in 2 dal canale centrale 20 m sotto la vetta. Il freddo ha mantenuto la neve eccezionale da cima a fondo. Chi volesse cogliere l’opportunità di questa splendida discesa si affretti. Al momento si arriva sci ai piedi fino a quota 1450. Se il freddo continua traversata consigliata. In compagnia di Carlo,Ettore , Luciano,Giova e Marco.

Gola delle Scaglie

Salita al M.Mongioie

Bric di Conoia dal M.Rotondo

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: Si arriva al tornante a quota 1075 m
quota neve m :: 1000
Partiti per fare una gita in alta valle Maira, abbiamo dovuto ripiegare sul più basso Monte Rastcias causa vento e perturbazione in atto sulle creste delle montagne più alte. A consuntivo la scelta è stata azzeccata per la qualità della neve, completamente trasformata e sciabile dalla vetta all’auto. Purtroppo un vento molto forte e fastidioso ci ha accompagnato da prima del colle Agnelliera fino in vetta ed è aumentato durante la discesa. Abbiamo iniziato la discesa alle 11 e la neve era forse ancora un po’ dura ma bisogna considerare la giornata fredda e velata di oggi. Con un tempo migliore ed un leggero ammorbidimento sarebbe stata una discesa da 5 stelle. Al momento si arriva sci ai piedi fino al parcheggio. In compagnia di Carlo,Ettore e Stefano , del CAI ULE di Ge – Sestri

Nel vallone di salita

Arrivo in vetta

Il vento

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
note su accesso stradale :: Strada interrotta a Tetti Gaina
quota neve m :: 1000
Gita spettacolare che si svolge in ambiente selvaggio e sempre panoramico, ma molto lunga e faticosa se come noi fatta in giornata. A fine gita il GPS marcava 28.3 Km tutti sci ai piedi e considerando le 2 risalite fatte un dislivello superiore ai 2100 m. Partiti alle 6:40 da S.Anna , causa anche della nevicata di venerdì , siamo arrivati in vetta alle 14:20 ed alle auto alle 18. Svalicato il Colle della Valletta ed entrati nel pianoro sottostante, abbiamo risalito un ripido canale a sinistra, che ci ha costretti a scendere di circa 80 m per rientrare sul percorso verso il colle est. Probabilmente bisognava risalire il ripido canale più a destra. Arrivati al colle est bisogna fare un breve traverso verso destra per imboccare il ripido canale di salita in vetta (100 m di dislivello 40°-45°) che con piccozza e ramponi si raggiunge facilmente. In discesa si segue il vallone di Valrossa fino al Vallasco poi si percorre la strada interrotta da molte valanghe fino a Terme e finalmente seguendo la strada per fortuna con neve dura ed interrotta spesso da valanghe enormi fino a Tetti Gaina. La quantità di neve presente è impressionante. Nello spirito di Gulliver ho dato solo 3 stelle perché la neve in discesa non era sempre bella, alternando tratti di neve pressata , neve dura e firn, altrimenti avrei dato 5 stelle con lode (non ho dato valutazioni sulla neve perchè troppo diverse fra salita e discesa). Per chi volesse fare la traversata con più calma può dormire al Rif. L.Bianco ( ). In compagnia di Ettore , Luciano, Roberto L. , Roberto V. e Stefano e un gruppo di 3 torinesi che facevano una traversata e che ringraziamo per la traccia fatta dal colle Valletta alla vetta.(PS Se mi mandate un vostro recapito mi farebbe piacere)-Aggiunta traccia GPS

In salita verso il colle Valletta-il lago superiore sullo sfondo

Rocca la Paur ed il colle est dal versante di salita

Arrivo in vetta

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 1600
Concordo perfettamente con la valutazione di Larice. Per me , e per molti del gruppo la più bella gita della stagione. Alcuni di noi avrebbero voluto dare solo 4 stelle perché la neve non era “perfetta” da cima a fondo, ma considerando l’ambiente, il finale alpinistico e la discesa su pendii a volte sostenuti su firn perfetto non riesco a dare meno di 5 stelle. Noi abbiamo iniziato la discesa alle 13, probabilmente scendendo un’ora prima la condizione poteva essere ancora migliore. Se la temperatura non aumenta gita consigliata.
Aggiunta traccia GPS

Quota 2600-in salita verso la conchetta a 2750

Passaggio su roccette

Arrivo in vetta

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: *** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
Gran gita di ambiente su pendii sostenuti al cospetto del M.Viso. Caldo fino a quota 2700 m, poi per fortuna una brezza gelida ci ha accompagnato fino in vetta, dove si stava magnificamente. La prima parte di discesa fino a quota 2700m su neve ventata portante, poi un alternarsi di crosta non portante , neve molle e anche tratti di firn. La neve non è ancora trasformata ma sciabile, per cui la differenza la può fare l’ora di discesa. Noi siamo scesi alle 12, probabilmente troppo tardi. Consiglio di scendere almeno un’ora prima. Incontrato 2 gruppi di francesi che facevano il giro del M.Viso.
In compagnia di Ettore e Nino , del CAI ULE di Ge – Sestri


Da Pian Mait (2700m) verso il passo Luisas

Vetta

M.Granero

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: **** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento morbida
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
Per motivi di sicurezza siamo saliti sulla vetta non dalla via normale ma passando dalla spalla N-NO a cui si accede da un colle a quota 2300 (vedi foto). Con un percorso più lungo ma sicuro siamo arrivati sci ai piedi in vetta (utili i coltelli). In discesa fino a quota 2300 neve ventata portante leggermente mossa dal vento ma ben sciabile, poi scesi direttamente nel bosco su pendii sostenuti su farina da 5 stelle fino all’auto. Il tratto di discesa nel bosco vale la gita. Se il caldo non rovina la neve nel bosco, gita consigliata.
.In compagnia di Ettore e Stefano, del CAI ULE di Ge – Sestri

Cima delle Lose e sulla destra la spalla di salita

Verso la vetta

Discesa dalla vetta

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: *** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
quota neve m :: 1100
Gita lunga e di ambiente. Giornata senza vento e molto, molto calda. La discesa dalla vetta su neve ventata morbida sciabile, poi neve non ancora trasformata e leggermente crostosa alternata a tratti più belli. Nel vallone di Caramagne le molte tracce rendono la parte finale più impegnativa. In compagnia di Ettore,Stefano,Luciano e Gaetano.

Bergerie

Salita in vetta

Discesa dalla vetta

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: ** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
note su accesso stradale :: lasciate le auto al parcheggio a fianco dell’Albergo della grotta
quota neve m :: 1000
Noi abbiamo seguito il percorso descritto nel Campana. Partenza da Bossea (820 m-ponticello di fronte Albergo della Grotta) sci in spalla fino al tornante a quota 1008. Qui calzati gli sci abbiamo seguito la strada fino alle case Milano, poi per ripido pendio nel bosco fino alla casa a quota 1370 m. Prestare attenzione al pendio a sx delle case Milano, presente molta neve e spaccature. Meglio salire direttamente nel bosco dietro le case. Da quota 1370 m si segue la strada fino a quota 1470 m, poi per dorsale fino alla vetta. Una nebbiolina ci ha seguiti fino in vetta lasciandoci solo pochi minuti di buona visibilità. In discesa a quota 1750 m ci siamo diretti in direzione N nel bosco arrivando con divertente discesa direttamente alla casa a quota 1370 e poi sci ai piedi fino a quota 1008. Che dire della neve. Pensavamo peggio. Nella parte alta due dita molle su fondo duro, e nel bosco molle ma sciabile. In compagnia di Attilio,Carlo e Nino , del CAI ULE di Ge – Sestri

Tornante quota 1008

Case Milano e pendio di salita

Dorsale di salita

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
quota neve m :: 1400
Noi abbiamo salito “solo” il Mongioia , che con i suoi 3340 mt è la seconda cima sullo spartiacque delle Cozie meridionali. Gita SUPERBA per ambiente e panorami , paragonabile per impegno fisico alla salita del Monte Matto in giornata (a fine gita l’altimetro segnava 2030 mt di dislivello). Per la salita abbiamo seguito le indicazioni del Campana per la salita al Monte Salza , passando per le Baite del Chiot (2420) , superando poi a destra la barra rocciosa di quota 2600 per sbucare sul piano Gaveot e puntare al dosso di quota 3107. A questo punto abbiamo perso quota e puntando in direzione del bivacco Boerio e del passo di Mongioia siamo risaliti fin dove possibile con gli sci. Calzati i ramponi siamo saliti per la cresta S infastiditi da un vento forte e gelido.Per la discesa abbiamo seguito un itinerario diverso passando per il bivacco Boerio e ricongiungendoci all’itinerario di salita tramite un canale di 35° che termina a quota 2800. (facendo il canale è OS). La neve è trasformata e da 5 stelle fino a 2400 , poi neve crostosa non portante fino all’auto, probabilmente perché siamo scesi tardi (arrivati all’auto alle 17:15!) quindi scendendo 2 ore prima potrebbe essere sciabile anche questa parte. Per chi volesse effettuare questa gita e risparmiare almeno un’ora prendere in considerazione di salire il ripido canale a quota 2800 (quello che abbiamo sceso) con ramponi puntando direttamente al bivacco Boerio. Valutare pericolo slavine perché è molto carico di neve ventata. Noi scendendo siamo stati un po’ a destra e scalinato per un terzo di canale.
In compagnia di Carlo ed Ettore del CAI ULE di Ge – Sestri
Rettifica altimetria. Per motivi non chiari entrambi gli altimetri segnavano a fine gita oltre 2000 m di dislivello. Da un esame più attento il dislivello fatto dovrebbe essere circa 1700 m.


Quota 2507-sulla sx la barra rocciosa

Monte Mongioia (sulla sx la cresta di salita)

Verso la vetta

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
note su accesso stradale :: Fino a Carnino
quota neve m :: 1000
Itinerario è nuovo per Gulliver , ma per problemi tecnici non riesco ad inserire la descrizione, quindi essendo una gita molto bella effettuata mercoledì, provo a descriverla nel resoconto. Aggiungerò la descrizione appena risolvo i problemi tecnici.
Siamo partiti da Carnino seguendo l’itinerario classico che sale alla gola della Chiusetta, ma a quota 1700 abbiamo imboccato il ripido canale (ramponi) che sale verso il passo delle Mastrelle (2061) e quindi raggiunto nella tormenta il Rif.Saracco Volante. Siamo saliti poi in direzione del Colle del Pas e poi seguendo la spalla in direzione E fino alla vetta del Pian Ballaur (2604). In discesa a parte i primi 250 m di neve mossa dal vento e quindi poco piacevole abbiamo incontrato ottimo firn primaverile quasi fino a Carnino, a parte gli ultimi 100 m di crosta. Giornata iniziata con vento forte e nebbia poi in vetta tempo magnifico. Il canale è breve ma ripido (30°-35°) quindi la valutazione potrebbe essere OS (la neve era ottima). In 5 del CAI ULE di Ge – Sestri-Consigliata


Canale in salita

Pendio finale

Marguareis il colle del Pas ed il vallone di discesa

[visualizza gita completa]

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Fremamorta (Cima di) da Pian della Casa del Re, per i Laghi di Fremamorta (27/09/18)
    Madre di Dio (Cima della) Via Normale dal Gias delle Mosche (26/09/18)
    Baus (il) Via Normale dal Piano della Casa del Re per il Colle della Culatta (11/08/18)
    Lyskamm Orientale e Occidentale Traversata Est-Ovest (03/08/18)
    Kurz (Punta) - Mont Brulè dalla Diga di Place Moulin (29/07/18)
    Zumstein (Punta) da Indren (18/07/18)
    Galisia (Punta) da Thumel per il Rifugio Benevolo (08/07/18)
    Alp (Punta dell') da Chianale per il Colle dell'Agnello e il versante Ovest (02/06/18)
    Valfredda (Punta) dal Ponte d'Almiane (27/05/18)
    Chateau des Dames dalla Diga di Place Moulin (25/05/18)
    Calabre (Punta) da Thumel per il Rifugio Benevolo (11/05/18)
    Faraut (Monte) da Sant'Anna (30/04/18)
    Pienasea (Cima di) da Chianale (26/04/18)
    Furggen (Cima del) o Tète de la Forclaz da Cervinia (24/04/18)
    Ruissas (Monte) da Lausetto (19/04/18)
    Tempesta (Punta) da Tolosano per la Comba Castellazzo (06/04/18)
    Costabella del Piz (Testa della) da Pietraporzio (28/03/18)
    Cugn di Goria da Sodani (22/03/18)
    Marchisa (Rocca la) da Sant'Anna (14/03/18)
    Bisalta o Besimauda (Monte) da Pradeboni (08/03/18)
    Reixa (Monte) dal Passo del Faiallo (27/02/18)
    Vertosan (Mont) da Parcheggio Flassin (21/02/18)
    Cavias (Testa di) quota 2500 m da Pietraporzio (14/02/18)
    Chaligne (Punta) da Gorrey (10/02/18)
    Basei (Punta) da Thumel per il Rifugio Benevolo (25/05/17)
    Gran Paradiso da Pravieux per il Rifugio Chabod (17/05/17)
    Fremamorta (Cima di) da Pian della Casa del Re (14/05/17)
    Granta Parei da Thumel per il Rifugio Benevolo (10/05/17)
    Gran Vaudalaz (Punta Nord) da Thumel (09/05/17)
    Faraut (Monte) da Sant'Anna (20/04/17)
    Bellino (Monte) da Chiappera (14/04/17)
    Rutor (Testa del) da Bonne (08/04/17)
    Fourchon (Mont) da Saint Rhemy (07/04/17)
    Marchisa (Rocca la) da Sant'Anna (30/03/17)
    Abisso (Rocca dell') da Limonetto (15/03/17)
    Sibolet (Punta) da Tolosano per la Comba Castellazzo (11/03/17)
    Borel (Monte) da San Giacomo (08/03/17)
    Lago dell' Oro (Cima del) da Limonetto (02/03/17)
    Tacul (Pyramide du) Cresta Est - Via Ottoz-Grivel-Croux (09/07/16)
    Giordani (Punta) da Indren (03/07/16)
    Entreves (Aiguille d') Cresta SO (10/06/16)
    Marbrées (Aiguilles, Punta Nord) Cresta NE (09/06/16)
    Brocan (Cima di) da Pian della Casa del Re (06/05/16)
    Castore da Plateau Rosà (20/04/16)
    Gioffredo (Punta) da San Bernolfo (14/04/16)
    Gelé (Mont) da Ruz (24/03/16)
    Cavias (Testa di) quota 2500 m da Pietraporzio (04/03/16)
    Tsa (Mont de la) da Buthier (17/02/16)
    Entrelor (Cima di) dalla Val di Rhèmes (05/02/16)
    Tsa (Tour de la) da Bionaz, per versante S e possibile traversata su vallone di Sassa (27/01/16)
    Maledia (Cima della) Cresta SE (22/09/15)
    Giet (Paroi de), Aiglun Goutte a Goutte (19/09/15)
    Moulette (Vallon de la) - II tour, tete Noire Premières mesures (17/08/15)
    Weissmies traversata S-N (12/08/15)
    Bourcet - Parete dei Corvi Sperone dei corvi (02/08/15)
    Stella (Corno) Via Lupetti (22/07/15)
    Corno Nero o Schwarzhorn Via Normale da Indren (15/07/15)
    Parrot (Punta) Via Normale, traversata Ovest-Est (14/07/15)
    Polluce e Roccia Nera da Plateau Rosà (18/05/15)
    Breithorn Centrale da Cervinia (17/05/15)
    Maledia (Cima della) da San Giacomo (10/05/15)
    Gelas (Cima dei) da San Giacomo per il versante ONO e discesa per Canale E (09/05/15)
    Trifthorn da Zinal (23/04/15)
    Zinalrothorn (spalla) anfiteatro Mountet (22/04/15)
    Homme (Téte de l') da Chiappera, giro per i Colli Gippiera e dell'Infernetto (15/04/15)
    Vallée Blanche da Aiguille du Midi (11/04/15)
    Albrage (Monte) da Chiappera (09/04/15)
    Chersogno (Monte) da Lausetto per il Vallone di Verzio (02/04/15)
    Rutor (Testa del) da Bonne (28/03/15)
    Mongioia (Monte), Monte Salza, Testa di Malacosta dal Rifugio Melezè, giro (11/03/15)
    Marchisa (Rocca la) da Sant'Anna (13/11/14)
    Dibona (Aiguille) Visite obligatoire (07/08/14)
    Cavallo (Monte) Via Gli Smemorati (03/08/14)
    Verdon (Gorges du) Chlorochose (27/07/14)
    Verdon (Gorges du) Bwana Maline (26/07/14)
    Sbarua (Rocca) Sperone Rivero - Funghi Sacri (22/06/14)
    Baus (Il) da Pian della Casa del Re (12/06/14)
    Tenibres (Monte) da Pietraporzio (24/05/14)
    Homme (Téte de l') da Chiappera, giro per i Colli Gippiera e dell'Infernetto (16/05/14)
    Nant Cruet (Pointe du) o Plates des Chamois da Surrier (10/05/14)
    Sagneres (Pic delle) da Ponte Pelvo per il Vallone Camoscera (23/04/14)
    Salza (Monte) da Chianale (17/04/14)
    Vincent (Piramide) da Indren (14/04/14)
    Balmenhorn o Cristo delle Vette da Indren (13/04/14)
    Periades (les) dalla Vallee Blanche per la Breche de Puiseux (10/04/14)
    Matto (Monte, Cima Est) da Sant'Anna (28/03/14)
    Lausetto (Cima del) da Tetti Gaina (25/03/14)
    Serpentera (Cima) da Villaggio d’Ardua, per Cresta di S. Lorenzo, Porta Biecai, Pian Marchisio, Artesina (21/03/14)
    Bégo (Monte) da les Mesches (15/03/14)
    Abisso (Rocca dell') dal vallone di Caramagne (12/03/14)
    Buchet (Monte), Costa Chiggia e Monte Festa da Marmora, giro (06/03/14)
    Buchet (Monte) da San Sebastiano (27/02/14)
    Sampeyre (Colle di) da Confine (22/01/14)
    Missun (Cima) da Upega (15/01/14)
    Piovosa (Punta la) spalla NNE quota m 2288 da Tolosano per la spalla NNE (09/01/14)
    Sibolet (Punta) da Tolosano per la Comba Castellazzo (03/01/14)
    Cassin (Bric) da Chialvetta (30/12/13)
    Creusa Occidentale (Monte) da Tetti Folchi (18/12/13)
    Bodoira (Monte) da Preit (05/12/13)
    Bianca (Monte la), quota 2409 a NO da Preit (27/11/13)
    Durand (Cima) da Artesina (23/11/13)
    Campanili (Rocca dei) Alba Celtica (28/10/13)
    Sbarua (Rocca) Sperone Cinquetti - Via Normale (18/10/13)
    Castello (Rocca) King Line (24/09/13)
    Machaby (Corma di) Topo Bianco (21/09/13)
    Meja (Rocca la) Piccola Peste (12/08/13)
    Udine (Punta) Visto per il Perù (10/08/13)
    Raty (Bec) Ex art. 18 (03/08/13)
    Castello (Rocca) Solo per Bruna (27/07/13)
    Ghigo (Punta) Via Super Ellena (21/07/13)
    Stella (Corno) Pilastro di Oscar (20/07/13)
    Machaby (Corma di) Bucce d'arancia (04/07/13)
    Ludwigshohe da Indren (30/06/13)
    Ghiliè (Cima) da Pian della Casa del Re per il Vallone di Balma Ghilié (18/06/13)
    Breithorn Occidentale da Cervinia (15/06/13)
    Valrossa (Gemello Nord di) da Diga del Rio Freddo (07/06/13)
    Collalunga (Cima di) da San Bernolfo per il Vallone di Collalunga (02/06/13)
    Negra (Rocca) da San Bernolfo (14/05/13)
    Bisalta o Besimauda (Monte) da Pradeboni (03/03/13)
    Montagnaya (Punta) per la Comba di Montagnaya (01/03/13)
    Lupo (Cima del) da Chianale (20/02/13)
    Vaccia (Monte) da Pietraporzio (17/02/13)
    Enchiausa (Colle d') da Saretto (14/02/13)
    Saccarello (Monte) - Il Redentore da Monesi (10/02/13)
    Abisso (Rocca dell') dal vallone di Caramagne (06/02/13)
    Pebrun (Monte) Anticima W-NW da Grange di Argentera (12/01/13)
    Reis (Rocca) per il Vallone Forneris (09/01/13)
    Leone (Monte) dal Passo del Sempione (02/06/12)
    Finsteraarhorn Cresta NO (27/05/12)
    Rossa (Rocca) - Pic Brusalana giro del Pic d'Asti per Breche Ruine e Sella d'Asti (17/05/12)
    Ghiliè (Cima) da Pian della Casa del Re per il Vallone di Balma Ghilié (10/05/12)
    Marchisa (Rocca la) da Sant'Anna (04/05/12)
    Serpentera (Cima) da Villaggio d’Ardua, per Cresta di S. Lorenzo, Porta Biecai, Pian Marchisio, Artesina (16/03/12)
    Lesache (Aiguille de) o des Sasses da Saint Rhemy (07/03/12)
    Camosciera (Bric) da Chiazale (30/11/11)
    Marchisa (Rocca la) da Lausetto (26/11/11)
    Sebolet (Cima) da Lausetto (19/11/11)
    Tibert (Monte) da Santuario di San Magno (14/11/11)
    Stella (Corno) Regalami un sorriso + Barone Rampante (08/09/11)
    Borgonio (Cima) da Pontebernardo (15/06/11)
    Ghiliè (Cima) e Cima di Mercantour da Pian della Casa del Re, anello (25/05/11)
    Marguareis (Punta) anello Passo Duca, Marguareis, Canalone Torinesi (18/04/11)
    Sautron (Monte) da Saretto, anello (13/04/11)
    Paur (Rocca la) e Malinvern Giro dal vallone di Rio Freddo (2 gg.) (01/04/11)
    Serpentera (Cima) da Villaggio d’Ardua, per Cresta di S. Lorenzo, Porta Biecai, Pian Marchisio, Artesina (26/03/11)
    Maniglia (Punto nodale del) da Sant'Anna (24/03/11)
    Tre Chiosis (Punta) da Chianale per il Vallone di Soustra (10/03/11)
    Meja (Rocca la) quota 2506 m cresta N da Preit (24/02/11)
    Stau (Colle di) da Villaggio Primavera (19/02/11)
    Cars (Cima) da Certosa di Pesio, anello per Cima Piastra e Colle Serpentera (10/02/11)
    Bianca (Monte la) da Preit (05/01/11)
    Boscasso (Bric) da Chialvetta (29/12/10)
    Missun (Cima) da Upega (02/12/10)
    Giobert (Monte) da Preit (19/11/10)
    Tibert (Monte) da Santuario di San Magno (11/11/10)
    Asti (Sella d') da Chianale (06/11/10)
    Stella (Corno) Via De Cessole (11/09/10)
    Parete nascosta Solo trip wall con variante Berghi (21/08/10)
    Rouge des Hourtets (Sommet) Festival (08/08/10)
    Meja (Rocca la) Cosi Vicino cosi lontano (03/07/10)
    Neige des Ecrins (Dome de) da Prè de Madame Carle (05/06/10)
    Ghiliè (Cima) e Cima di Mercantour da Pian della Casa del Re, anello (01/06/10)
    Gias dei Laghi (Testa) da Baraccone (29/05/10)
    Tenibres (Monte) da Pietraporzio (25/05/10)
    Gelas (Cima dei) Traversata Cima della Maledia-C. d. Gelas, da S. Giacomo di Entraque (20/05/10)
    San Bernolfo (Rocca di) da San Bernolfo (17/05/10)
    Haute de Mary (Pointe) colletto a S-SE 3140 m da Maljasset, traversata a Sant'Anna (29/04/10)
    Mongioia (Monte) o Bric de Rubren da Sant'Anna, traversata a Maljasset (28/04/10)
    Feluma (Punta) da Valgrisenche (17/03/10)
    Verosso (Cima) da Graniga (12/03/10)
    Sainte Marie (Mont) da Casterino (08/03/10)
    Pian Ballaur (Cima) Anello Carnino-Cima Bozano-Rifugio Carlo Bossi (02/03/10)
    Gardiola (Cima la) da Certosa di Pesio (18/02/10)
    Madonna (Cima della) da Madonna d'Ardua (13/02/10)
    Serpentera (Cima) da Madonna d'Ardua per il Vallone della Madonna (03/02/10)
    Cavias (Testa di) quota 2500 m da Pietraporzio (31/01/10)
    Ferlette (Cima) da Camperi (28/01/10)
    Marchisa (Rocca la) da Sant'Anna (23/01/10)
    Grum (Monte) da Figliere e il passo della Magnana (18/01/10)
    Missun (Cima) da Upega (12/01/10)
    Lavezzara (Costa) da Cappella dell'Assunta (10/01/10)
    Servagno (Monte) da Preit (03/01/10)
    Seita (Monte) quota 2505 m SO da Besmorello (20/12/09)
    Creusa Occidentale (Monte) da Tetti Folchi (16/12/09)
    Omo (Monte) da San Giacomo (10/12/09)
    Costabella del Piz (Testa della) da Pietraporzio (05/12/09)
    Tempesta (Punta) da Tolosano per la Comba Castellazzo (02/12/09)
    Garitta Nuova (Testa di) Anello Riba del Gias,Garitta Nuova,lago Laset,Cervetto (27/11/09)
    Crosa (Cima di) da Meire Bigoire (24/11/09)
    Seirasso (Cima) da Artesina, anello Colla della Balma, Colla Bauzano (18/11/09)
    Mondolè (Monte) da Artesina per la Colla Bauzano (14/11/09)
    Lose (Cima delle) da Argentera (11/11/09)
    Plateau Rosa da Cervinia (06/11/09)
    Bodoira (Monte) da Preit (31/10/09)
    Bodoira (Monte) da Preit (27/10/09)
    Dente del Gigante Via Normale (09/09/09)
    Stella (Corno) Via Lupetti (01/09/09)
    Nadelhorn Via Normale della Cresta NE (24/08/09)
    Giordani (Punta) da Indren (16/07/09)
    Fletschhorn versante NO per il Grubengletscher (08/07/09)
    Ghiliè (Cima) da Pian della Casa del Re per il Vallone di Balma Ghilié (04/07/09)
    Gelas (Cima dei) da San Giacomo per Forcella Roccati, Colletto Saint Robert e Canale E (30/06/09)
    Senggchuppa da Engiloch (24/06/09)
    Gias dei Laghi (Testa) da Baraccone (18/06/09)
    Mischabel (Dom de) da Randa (13/06/09)
    Ubac (Testa dell') da Pontebernardo (07/06/09)
    Clapier (Mont) da Pont du Countet, giro del Peirabroc (27/05/09)
    Traversata M. Rosa Hutte-Porta Nera-C.le Breithorn-Cervinia (21/05/09)
    Dufour (Punta) o Dufourspitze dalla Monterosa-hutte per la Silbersattel e il versante Nord (20/05/09)
    Monte Rosa Hutte da Cervinia per il Colle del Teodulo (19/05/09)
    Blancia (Rocca) da Fouillouse per il Colle di Nubiera e la cresta nord-ovest (13/05/09)
    Chersogno (Monte) da Lausetto per il Vallone di Verzio (07/05/09)
    Gran Zebrù dall'Albergo dei Forni (03/05/09)
    Pasquale (Monte) dall'Albergo dei Forni, traversata Rifugio Branca - Rifugio Pizzini (02/05/09)
    Collalunga (Cima di) da San Bernolfo per il Vallone di Collalunga (30/04/09)
    Chersogno (Monte) da Campiglione (25/04/09)
    Telliers (Monts) da Bourg St Bernard (22/04/09)
    Pepino (Cima di, o Cime de Pepin) da San Giovanni (18/04/09)
    Grand Golliaz, anticima 3189 m da Mottes (14/04/09)
    Mongioie (Monte) da Viozene, anello per il Monte Rotondo e il Bric di Conoia (26/03/09)
    Rastcias (Monte) da Fracchie (24/03/09)
    Paur (Rocca della) da Sant'Anna, giro per il Colle della Valletta (21/03/09)
    Malta (Punta) da Villaretto, anello per Vallone dei Duc e Passo di San Chiaffredo (18/03/09)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (16/03/09)
    Lose (Cima delle) da Argentera (12/03/09)
    Peyrefique (Pointe de) o Peirafica dalla strada Colle di Tenda per il Vallone de Caramagne (11/03/09)
    Baussetti (Monte) da Camperi per il Vallone Borello (03/03/09)
    Mongioia (Monte), Monte Salza, Testa di Malacosta dal Rifugio Melezè, giro (26/02/09)
    Pian Ballaur (Cima) da Madonna d'Ardua (25/02/09)
    Conoia o Conoja (Bric di) Canalone SO (21/02/09)
    Guglie (Punta delle) da Foresto (19/02/09)
    Conoia o Conoja (Bric di) Canalone SO (17/02/09)
    Missun (Cima) da Upega (14/02/09)
    Chajol (Mont) dal Vallon de Caramagne (12/02/09)
    Vantacul (Monte) spalla NNO (09/02/09)