pigilm


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Farinosa
neve (parte inferiore gita) :: Farinosa pesante
note su accesso stradale :: Nessun problema fino al parcheggio lastrone di ghiaccio: follia perocolosa
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti alle 9. Tanta gente sul percorso fino al bivio per la capanna Mautino poi ci si sperde in mille itinerari. Tutto tracciato e direi in sicurezza.
Discesa superlativa nella prima parte fino alla stradina che utilizziamo per rientrare: qualche tentativo di taglio ma si trova solo crosta violenta.

In 6 del Gruppo CAI ULE GE Sottosez Sestri P. Forse l’ultima dell’anno ma bella sciata benaugurante.
Terzo tempo a Cesana e incontro il mitico Alberto Re, una leggenda, guida alpina e grande personaggio di montagna, che posso ricordare come amico in un viaggio nordico di tanti anni fa.
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
note su accesso stradale :: senza problemi fino ai parcheggi a S, Giacomo
attrezzatura :: scialpinistica
Percorso già tracciato ma di "libera interpretazione"; la neve ha cominciato a mollare all'arrivo del sole; gran caldo sul pendio riparato dal vento che invece a soffiato gelido sul crestone finale e sulla cima. Gran panorama ovunque fino al Monte Rosa e oltre ...
Discesa migliore del previsto perché la neve ha tenuto bene e ci ha fatto divertire, abbiamo trovato alcuni lenzuoli intonsi di
di neve trasformata (... a metà dicembre ?!?) scendendo il sole ha fatto la sua parte appesantendo il manto ormai consolidato. Qui le ultime nevicate dei giorni scorsi non sono arrivate: rischio 2 e tutto tranquillo; visto alcuni distacchi dei giorni passati di modeste proporzioni (anche di fondo) nei versanti più esposti al sole.
Stradina ben innevata e molti skialp nell'anfiteatro dell'Arma, un pò ovunque.
Prima sociale stagione 2019/2020 del CAI ULE Genova in combinato con la Sottosezione di Sestri ed il gruppo dei "Ginocchi al Pesto" 15 partecipanti per la gita "panettone": super Marcella con il suo "panduse" festeggiato a metà discesa, poi Carlo, Marco, Danila, Luca, Daniela, Manuela, Lorenza, Andrea, Pino, Carlo, Elena, Renzo citati in ordine sparso e con Roberto (in telemark) e me "referenti logistici".
Buona la prima della stagione ma aspettiamo tutti gli altri per le sociali di Gennaio.
Passaggio obbligato A/R alla pasticceria di Demonte ... un. mito ever green da non perdere.
Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: Tanta neve anche ai bordi della strada: dotazioni invernali
attrezzatura :: scialpinistica
Salita con lungo sviluppo, la stradina fino a Rhuille dovrebbe essere ormai vietata alle auto anche in stagione avanzata, confermo che al ritorno è un "di più" abbastanza noioso. Partiti tardi, dopo il ponte, bella traccia e vari gruppi in azione. In discesa abbiamo trovato alcuni lenzuoli ancora in farina intonsa !! Bella discesa anche nel bosco, la neve leggermente più pesante tiene bene ed è sciabilissima nonostante tanti passaggi.
Tra sviluppo e dislivello rimane una "gitona" soprattutto in inizio stagione.
In 5 con Lorenza e Marco (CAI ULE GE sottosez SestriP.) Gugliemo (sprinter) e Pietro: bella cumpa e terzo tempo a Cesana ... la stagione promette bene anche se il viaggio, per noi Genovesi, rimane una incognita ...
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: strade nepalesi ad alto rischio: perchè dissestate ma soprattutto per la ottusa follia dei drivers
Siamo partiti il lunedì 21.10 con pulmino fino a Sotikola. Siamo andati in 5 gg a visitare la Zum Valley fino al Gompa. Quote quasi mai attendibili ma le cartine nepalesi non sono famose per la precisione ...
Ha nevicato un giorno e una notte prima della salita al LarkiaLa e l'ambiente è cambiato di colpo: freddo ma meraviglioso.
Abbiamo chiuso il giro a Jagat su un nuovo percorso sulla sinistra orografica della valle, nel tratto in comune con il tour dell'Annapurna, molto più frequentato anche da trekkers senza guide.
Abbiamo incontrato una realtà antica: nei campi di orzo la raccolta delle spighe è aeffettuata a mano con due bacchette ... poi abbiamo visto arare i campi con l'aratro di legno ... dove potrà capitare ancora?
Dalla Cina però stanno costruendo una strada che collega la Zum Valley ... sarà tutto diverso in questa valle religiosamente vegetariana ...
Anche gli estremi del circuito si stanno "avvicinando" per l'avanzamento delle strade ... oddio definirle tali ci vuole un pò di coraggio ma in effetti sono tracciati semi infernali che sono percorsi da fuoristrada.
Ogni anno che passa andrà a modificare i luoghi e la gente che vi sopravvive e il trekk non sarà più lo stesso. Molti lodge in costruzione, in alcuni si è mangiato e dormito benissimo, in altri ... un pò meno.
NB: Aggiornerò indicazioni nel tempo.

Trekking impegnativo, anche per la mancanza di troppi conforts, tappe lunghe ma in effetti a quote mediamente più basse che in altri percorsi in zona non eccessivamente affollato.
Gita sociale del CAI ULE Genova con 10 partecipanti; Angelo, Loredana, Lorenza, Marcella, Marco DB, Marco F, Marco S., PiGì, Renzo, Roberto. Con Indra Rai (Guida e) e 5 porters (tra cui l'estremamente abile e simpatico Mokarama)
Solo un neofita del Nepal: il nostro gruppo è consolidato da numerosi viaggi e gite da ormai molti anni ... buona montagna a tutti

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
in due giorni, con pernotto al Cà d'Asti (ottima gestione) In cima caldo ma super panorama !! Giornate molto calde, ultimo giorno di apertura del rifugio e processione continua ...
Con Lorenza Marco Enrico e Francesco (CAI ULE GE Sottosez Sestri P.)
Grazie all'accoglienza di Fulgido in vetta: pasticcini the e moscato ... ! a chiusura della due giorni in Val di Susa ...grande merenda sinoira al Rif La Riposa: un plauso al civet !!
Sciabilità :: **** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: hanno definitivamente aperto la strada del'Iserand il venerdì 15. Muri di neve ai lati
attrezzatura :: scialpinistica
Con Ganesch e Lorenza unicamente per aggiungere un paio di foto e raccomandare la gita !! Attenzione nei pressi. di pietre e zone non più innevate possibili sfondamenti ...
Gita breve ma intensa con discesa superlativa !! Per noi prima volta, cartina sbagliata e con l'aiuto dello smartphone, siamo saliti dove ci ha portato la traccia: viaggio un pò lungo ma ne vale la pena, prossimo anno gita sociale per il CAI ULE GENOVA sottosezione di Sestri P.

salendo in auto


in cima
Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Senza problemi
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Partiamo tardi, 15 minuti sci in spalla poi dopo un guado, innevamento continuo. Lungo vallone ci siamo tenuti al cento per sicurezza anche se aveva già abbondantemente svalangato ovunque l’ultima neve dei giorni scorsi. Davanti due gruppetti di scialpinisti (tutti tedeschi) Per arrivare al colle troviamo neve dura utili i coltelli. Seguiamo una traccia evidente e arriviamo in cima da soli. Bel panorama e sole. Non vogliamo tardare e cominciamo la discesa in traversata: la neve dura (ma non troppo) ci regala una super discesa in un ambiente superlativo. L’ultima neve ci porta alla malga in un prato fiorito e in 5 min alla macchina.
Con Lorenza CAI ULE GE SottosezSestri P. Terzo tempo di alla Gasthaus, idilliaco.
Gita (bellissima) suggerita dal local trovato in vetta ieri: Grazieeee!!

Dalla cima
Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Buone fino al ponte/sbarramento
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Siamo partiti tardi ma la giornata è stupenda, poca neve intorno e sui costoni più ripidi, vediamo scendere valanghe/frane di piccole dimensioni, intorno ha già scaricato la neve dei giorni scorsi. Ci raggiungono (e superano in arrivò) due locals è così sulla cima siamo in 4 più un cane.
Ci danno idee per la gita di domani e iniziamo una discesa da urlo su FRINO perfetto. Solo da 1900 ca la neve diventa più pesante. Alle 12,45 alla macchina e alle 13 terzo tempo sulla terrazza della Gasthof Schonau.
Con Lorenza CAIULE GE Sottosez Sestri P.
Noi due soli per giocarci al meglio due giorni di sci senza aver studiato granché dove andare: perfetta la prima. Gran sciata su neve commuovente.

Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
attrezzatura :: scialpinistica
Siamo i primi al curvane, gli altri salgono dopo il tunnel ... è presto e -7° con vento ... non ci si pensava ma fa freddo ...
Si sale ancora senza togliere gli sci, percorso iper-segnato, il vento ci accompagna fino in cima, dove qualcuno ci ha preceduto, ma tolti i runners, con gli altri non abbiamo sfigurato. Panorama infinito fino al Bianco e più vicino sugli Ecrins, neppure una nuvola.
Scendiamo per un centinaio di metri sul pendio NW quasi in polvere. poi rientriamo sul percorso di salita su neve dura e lavorata: e aspettiamo a scendere nella speranza che il sole faccia il suo dovere, inutilmente, il vento tiene la temperatura bassa e la neve non molla di una virgola (per questo solo 3 stelle.)
Allora su fondo duro cerchiamo i pendii che scendono dalla cresta a dx, meno segnati e decisamente divertenti, seguiamo la forra che ci porta quasi fino in fondo e poi sci fino alla macchina.
Il versante Valloire a NW è molto ben innevato.
Il percorso del Pic Ouest du Combeynot segnato da molti passaggi, sembra in ottime condizioni (ma sempre impressionante); il percorso per la Mandette / Tête Noire è praticamente in erba nella parte bassa ed invece è ancora fattibile la salita al Cairn du Galibier, ma siamo agli sgoccioli.
In 4 del CAI ULE GE Sottosez. Sestri P: con Marcella, Marco e Renzo. Ottima cumpa e si replica la birra all'Eden bar.

dalla cima

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: fino a Le Laus
attrezzatura :: scialpinistica
Si pensava di salire sull'Arpelin ma usciti dal bosco abbiamo visto il versante che sale dal colle completamente pelato ... intorno tanti canaloni e aveva già svalangato parecchio, rimanevano solo alcune cornici da cui ci siamo tenuti lontano. Bella traccia su pendio sostenuto, la neve ha retto bene, rampants non necessari. Arrivati alla cresta/colle a q. 2800 circa decidiamo che è la nostra vetta perché alcune cornici sconsigliavano di proseguire sia da una parte che dall'altra. Un local si era addentrato verso la cima più vicina, senza raggiungerla e ha sceso il pendio diretto, così noi tracciamo (con attenzione) sotto il colle per poi spostarci a dx verso dei roccioni per maggior sicurezza, crosta non del tutto portante, un pò faticosa ma sciabile.
Nella seconda parte del canalone troviamo neve trasformata e divertente, così come il rientro sulla pista di fondo fino alla strada.
Gita di scoperta, almeno per noi; tracciato il canalone del Pic de Côte Belle West e molti skialpers al col Perdu e verso il Col des Portes sotto il Pic de Rochebrun.
4 stelle anche per l'ambiente, in alto la neve potrà migliorare se il sole la compatta ancora... fino alla cresta BS
In 4 del CAI ULE GE Sottosez Sestri P. con Marcella, Marco e Renzo
Tempo stupendo, gran panorama e temperatura piacevole, poi anche caldo. Birra rituale all'Eden bar a Briançon


il canalone di salita e l'Arpelin
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Galibier (Cairn du) dal Col du Lautaret per il Vallone Sud del Galibier (23/02/20)
    Ciotto Mieu o Mien (Monte) da Limonetto (15/02/20)
    Chiarlea (Punta) da Giordano (26/01/20)
    Gimont (Mont) o Grand Charvia da Cervières per il versante Sud (02/01/20)
    Petit Peygou (le) da Le Laus variante dagli Chalets d'Izoard (01/01/20)
    Fournier (Cima) da Bousson (30/12/19)
    Omo (Punta dell') o lo Cres de Gibert da San Giacomo (15/12/19)
    Dormillouse (Cima) da Thures (08/12/19)
    Larkya La Circuito del Manaslu (21/10/19)
    Rocciamelone da la Riposa (15/09/19)
    Bezin Nord (Pointe de) da le Pont de la Neige (16/06/19)
    Alpe (Cima dell') o Alpenspitz da Wannserhof (20/04/19)
    Heachenberg dalla strada del Passo del Rombo (19/04/19)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (14/04/19)
    Bellecote (Tète de), cima centrale da le Laus per il Versante Nord (13/04/19)
    Blafjell da Herdalen (30/03/19)
    Auskjeret dal lago (28/03/19)
    Heimste Blahornet traversata (27/03/19)
    BLÆJA da Fivelstadhaughen (25/03/19)
    Envie (Cappello d') da Prali (17/03/19)
    Tesina (Cima) da Strepeis (09/03/19)
    Giassiez (Monte) o Giassez da Thures (02/03/19)
    Sebolet (Cima) da Sant'Anna (24/02/19)
    Viridio (Monte) da Chiappi (17/02/19)
    Lausette (Crete de la) quota 2426m da Le Laus (10/02/19)
    Lausette (Crete de la) quota 2426m da Le Laus (28/12/18)
    Galibier (Cairn du) dal Col du Lautaret per il Vallone Sud del Galibier (01/12/18)
    Monviso Via Normale da Pian del Re (15/09/18)
    Kilimanjaro Rongai Route (28/08/18)
    Giordani (Punta) da Indren (30/06/18)
    Gran Tempesta (Rocca della) o Rocher de la Grande Tempéte da Chalets du Laval (03/06/18)
    Jumelles Sud (les) da les Boussardes per il Vallon du Fontenil (30/04/18)
    Bois de Pemeant (Crete du) quota 2391 m da le Laus (01/04/18)
    Seyte (Crete de la) da la Echaillon per il versante NE (31/03/18)
    Seyte (Crete de la) da la Echaillon per il versante NE (24/03/18)
    Cochette (Sommet de la) da la Vachette (04/03/18)
    Reixa (Monte) dal Passo del Faiallo (25/02/18)
    Chardonnet (Crete du) quota 2713 m da le Pont de l'Alpe, anello per i colli Aiguillette e Chardonnet (18/02/18)
    Chaligne (Punta) da Gorrey (04/02/18)
    Gorfi (Monte) da San Giacomo (28/01/18)
    Seirasso (Cima) da Prato Nevoso (20/01/18)
    Giobert (Monte) da Preit (13/01/18)
    Madonna del Cotolivier (Cappella) da Beaulard (03/01/18)
    Bois de Pemeant (Crete du) quota 2391 m da le Laus (02/01/18)
    Carail (Croix) da Nevache par le Bois Noir (31/12/17)
    Saurel (Cima) da Bousson (29/12/17)
    Giulian (Monte) da Giordano (17/12/17)
    Pittè (Cima) da Tetti Rumiano (09/12/17)
    Pianard (Monte) da Palanfrè (26/11/17)
    Asti (Sella d') da Chianale (28/05/17)
    Ghiliè (Cima) da Pian della Casa del Re per il Vallone di Balma Ghilié (07/05/17)
    Collalunga (Cima di) da San Bernolfo per il Vallone di Collalunga (23/04/17)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (16/04/17)
    Grand Area traversata Cresta S, Couloir N (09/04/17)
    Ombière (Pic) da Fontcouverte (08/04/17)
    Vaccia (Monte) da Pietraporzio (19/02/17)
    Tibert (Monte) da Santuario di San Magno (17/12/16)
    Galibier (Cairn du) dal Col du Lautaret per il Vallone Sud del Galibier (09/12/16)
    Combeynot (Roc Noir de) Couloir O (04/12/16)
    Ramière (Punta) o Bric Froid da Rhuilles (28/05/16)
    Ombière (Pic) da Fontcouverte (25/04/16)
    Ciaslaras (Monte) da Chiappera (10/04/16)
    Kjevagtinden da Havnnes (24/03/16)
    Stetinden da Sor Lenangen (22/03/16)
    Russelvfjellet da Russelv (21/03/16)
    Gardiola (Cima la) da Certosa di Pesio (06/03/16)
    Paglietta (Monte) da Prailles (23/01/16)
    Pierre (Punta de la) da Daillet (17/01/16)
    Breithorn Occidentale da Cervinia (31/05/15)
    Collalunga (Cima di) da San Bernolfo per il Vallone di Seccia (02/05/15)
    Galisia (Punta) da Thumel per il Rifugio Benevolo (24/04/15)
    Calabre (Punta) da Thumel per il Rifugio Benevolo (23/04/15)
    Bonze (Cima di) da Scalaro (11/04/15)
    Baude (Crete de) da Nevache (05/04/15)
    Garbella (Costa della) quota 2253 m da Palanfrè (25/01/15)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (30/12/14)
    Sibolet (Punta) da Tolosano per la Comba Castellazzo (14/12/14)
    Island Peak (Imja Tse) (02/11/14)
    Chenaillet (le) da Claviere (13/07/14)
    Petit Rochebrune da les Fonds (01/06/14)
    Negra (Rocca) da San Bernolfo (10/05/14)
    Peracontard (Colle) quota 2244 m da San Giacomo (30/03/14)
    Mezzodi (Guglia del) o Pointe de Barabbas da Plampinet (16/03/14)
    Tète Noire (Pointe de la) o de la Mandette dal Col du Lautaret per il versante Sud (15/03/14)
    Giulian (Monte) da Giordano (08/03/14)
    Ormea (Pizzo d') da Quarzina (02/03/14)
    Creusa Occidentale (Monte) da Limonetto (23/02/14)
    Cochette (Sommet de la) da la Vachette (09/02/14)
    Seita (Monte) quota 2505 m SO da Besmorello (12/01/14)
    Balur (Monte) da Roaschia (08/12/13)
    Vallette (Cima delle) da Frais (01/12/13)
    Janus (le) da Montgenevre (17/11/13)
    Charvie (Cime de la) cima SO da le Laus (14/04/13)
    Carail (Croix) da Nevache par le Bois Noir (13/04/13)
    Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina (14/02/04)
    Bisalta o Besimauda (Monte) da Pradeboni (25/01/04)
    Vecchio (Monte) traversata Limone-Vernante (23/12/03)
    Viridio (Monte) da Chiappi (22/11/03)
    Grossstrubel-Wildstrubel Traversata Grossstrubel-Wildstrubel (06/04/03)
    Vanclava (Monte) o Tète de Vauclave da le Pontet (29/12/02)
    Alpet (l') da l'Eglise de Maurin (28/12/02)
    Aigle (Bec de l') da Larche per il Vallon de Font Crèse (27/12/02)
    Omo (Punta dell') o lo Cres de Gibert da San Giacomo (15/12/02)
    Aneto (Pico de) da Hospital de Benasque (25/03/02)