ninu


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
quota neve m :: 2000
salito sulla pista Busancano, dove c'e' ancora qualche breve tratto con neve. La pista e' ancora tutta innevata dai 2000 metri alla vetta e si sale bene senza racchette. Un po' di attenzione merita la zona slavinata , dove c'e' qualche buca. Molta neve in cima , tanto che la cappelletta della vetta e' ancora quasi completamente sommersa. Anche in discesa la neve ha tenuto e non ho usato le ciaspole. Bella giornata di sole e senza vento.

La cappella di vetta
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: osservato fratture nel manto
note su accesso stradale :: Sterrato per Dondena interrotto per slavine
quota neve m :: 1900
Lasciata l'auto nello slargo dove c'e' l'inizio del sentiero per il rifugio Barbustel. Lo sterrato per Dondena e' interrotto in piu' punti per residui di slavine che ingombrano tutta la carreggiata. Intorno ai 1900 metri la neve e' continua. Calzato le racchette a Dondena. I pendii esposti a nord sono ancora molto carichi , ma la neve tiene bene , anche se ho visto fratture profonde nel manto nevoso, e con le racchette si procede senza sprofondare . Al rifugio Miserin non sono riuscito ad entrare nel locale invernale , perche' la neve dura arriva all'architrave e non era possibile giungere alla porta senza una pala. In tutto il giorno non ho sentito assestamenti nonostante una giornata di sole caldissimo e appena una leggera e gradevole brezza .
Incontrato solo due giovani con racchette che sono saliti fino al Truc del Lago. Visto molte marmotte gia' attive , un ermellino e un paio di camosci.


Frattura del manto

Il Miserin con il rifugio

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
quota neve m :: 1800
Si sale bene senza racchette fino al lago Serru' e oltre fino alla diga del lago dell'Agnel sulla strada battuta dal gatto. Dal Serru' credo ci sia un metro e mezzo di neve. Con le racchette ho seguito una traccia di motoslitta continua fino al colle del Nivolet . Visto diverse slavine scendere dal monte che sovrasta il lago Agnel e altre piccole scariche sulla strada.
Alla mattina molti scialpinisti si sono diretti tutti verso il vallone del Carro e la Costiera dell'Uja . Dalla parte del colle del Nivolet ho incontrato solo altri due con le ciaspole. Visto parecchi camosci. Il lago Serru' non e' ghiacciato. Giornata di sole favolosa e panorama fantastico, peccato che in questa stagione alle 15,30 il sole sia gia'dietro le cime.

Il lago Serru' e la diga del lago Agnel ghiacciato
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento morbida
neve (parte inferiore gita) :: crosta da vento morbida
quota neve m :: 2100
La strada sterrata e' pulita e transitabile in auto fino a dondena. Le racchette si mettono a dondena dove il manto nevoso e' quasi continuo fino al lago. In discesa a tratti si affonda molto anche con le racchette.
Al lago incontrati due simpatici escursionisti biellesi, luciano e alessandra , con i quali ho fatto un tratto in discesa. Nella mattinata qualche nube ma nel pomeriggio e' uscito un bel sole. Visto molte marmotte gia' molto attive, una volpe e qualche cucciolo di camoscio nella parte bassa del tragitto.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
quota neve m :: 1800
bel giro ad anello non difficile di 13.7 km e 750 metri di dislivello compresi i saliscendi ( dati GPS Garmin) .
Con l'auto al parcheggio di Cort ( 1700 m.) appena sopra Gran Mont Blanc. Si prende il sentiero quasi sgombro dalla neve che porta al rifugio Barbustel . Appena fuori dal bosco , intorno ai 2000 metri, si prende a sinistra verso il lago Raty. La segnalazione e' su un masso e non visibile per la neve ma c'e' una traccia ben marcata. Ora e' meglio mettere le ciaspole per evitare qualche buca. Si passa un torrentello e una baita e si arriva al lago Vernouille . Lo si passa alla sinistra , si sale un poco e ci si tiene a destra salendo un colletto a quota 2270. Si scende di una cinquantina di metri e superate altre due baite si arriva al lago Raty. Da qui , sempre su traccia , si risale un altro colle a 2410 metri e si ridiscende al laghetto Giaset e a Dondena. Poi sulla strada innevata fino all'auto.
Non una nuvola in tutto il giorno.
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .