mummo90


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Giro come da descrizione, anche se inizialmente l'avevamo previsto al contrario. Fino al Passo del Cavallo non si pesta neve, giunti sul Pian Comune calziamo i ramponcini e proseguiamo di corsa su neve portante fino alle Scaglie dove sfruttiamo una vecchia traccia che taglia in trasversale verso la cima. Giunti in vetta, breve sosta dato che nel frattempo il cielo si era coperto ed il vento a tratti rafficante rendeva la temperatura piuttosto freddina. In discesa crestina ancora in neve e poi giù per l'Aseo fino a Pian dell'Olio su neve rigelata. Da qui su sentiero estivo fino al Rifugio Mongioie (Aperto!) dove pranziamo. Noi avevamo solo bastoncini e ramponcini ma in alto c'è ancora neve e data la pendenza della terminale è ancora bene avere con se picca e ramponi per salire in vetta, sotto invece quasi tutto pulito. Sviluppo totale 12,50 Km. Con Andre


Verso la cima

Verso l’Aseo
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Giro come da descrizione, ancora tanta neve sia per salire alle Caranche sia in disces nella faggeta in direzione prato del Poco, noi siamo saliti senza ciaspole. Nessuna traccia sul percorso, giornata bella e tersa, una Pasqua alternativa ! Alla fine del giro l’orologio segnava poco meno di 16Km.

Sulla dorsale della cima
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Itinerario con un buon sviluppo A/R circa 16Km, saliti in poco più di due ore, scesi di corsa passando dal Rif. Valcaria per poi ricongiungerci con l'itinerario di salita. Neve disomogenea, spazzata dal vento dei giorni prima, si alternano tratti completamente puliti a tratti in neve (trasformata) fino al ripetitore, da lì primo tratto con neve sfondosa (40-50cm) fino alle corde fisse, poi misto fino in vetta (noi avevamo ramponcini e bastoncini oltre ad una picca per sicurezza). Era previsto meteo in miglioramento dal pomeriggio e vento forte, in realtà è stata una gran bella giornata di sole con vento leggero solo in vetta. Nessun in giro. Con Andre

Ultimo tratto, sopra il ripetitore.

Situazione verso Conoia e Mongioie.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Partiti da Genova abbiamo parcheggiato abbastanza tardi a Pian della Regina verso le 10 con un bel sole, saliti rapidi al Rifugio Zanotti in un ora con sosta per té e crostata. Da lì bella tirata fino in cima trovando qualche cm di neve fresca nella gola di Laris e per un tratto della Comba, sopra tutto pulito eccetto qualche spolverata qua e là che però non infastidisce più di tanto. Temperatura rigida con un po' di vento e qualche nuvola in cima, discesa rapida con un po' di prudenza nel tratto innevato ed alla 15. 30 di ritorno allo Zanotti dove pranziamo con il grande Gianfranco. Sosta di un oretta e mezza e poi scendiamo. Alle 17.30 alla macchina pronti per il solito eterno rientro (per noi gente di mare). Itinerario ben descritto, bolli rossi dopo il rifugio, alcuni tratti faticosi di pietre e sfasciumi, sviluppo a/r di circa 20Km, ambiente super. Con Andre

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Al colle temperatura poco sopra lo zero, vento fresco ad accompagnare il deciso calo delle temperature, favorendo una bella giornata di sole. Saliti per il sentiero di dx e scesi per quello di sx, cima di rapido accesso, traccia ben evidente e panorami estesi. Bella gita in compagnia!
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Fatto giro inverso salendo dal Bochin dell'Aseo e scendendo dalla Gola delle Scaglie, molto più percorribile secondo me considerata la stagione, partenza mattutina consigliata. Salita abbastanza dura, pochi tratti dove poter corricchiare per le mie capacità. In cima in 2 ore da Viozene con una bellissima giornata e brezza fresca. Discesa rapida e divertentissima dalle scaglie su pietraia mobile! Le previsioni incerte hanno fatto sì che non ci fosse praticamente nessuno in giro a parte Tommaso conosciuto in vetta con cui abbiamo condiviso la discesa.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Parcheggio limitato per via di lavori in corso.
Gita meritevole ad una cima di sicura soddisfazione con bellissimi panorami. Il primo colpo d'occhio con i casermoni di Isola2000 non è dei migliori, ma in breve si gira nel bel vallone delle Terre Rosse e si dimentica tutto. Come tempi dato che non avevo trovato quasi nulla nelle gite, sono partito alle 8.20 dal parcheggio ed alle 10 ero sulla cima SE, passando per la Bassa del Druos in circa un ora (andando con andatura sostenuta). Meritevole la crestina che porta alla cima cima NO ( croce in legno ed una più recente in metallo), che se percorsa sul filo offre qualche passaggio di piacevole arrampicata a tratti anche aerea, altrimenti si tiene la destra del filo seguendo alcuni bolli rossi (anche se il tratto più esposto è abbastanza obbligato), impiegando circa 15/20 minuti. Salendo incontrate 2-3 persone nonostante la stupenda giornata meteo, in discesa invece parecchia gente che saliva ai laghi.

Vista dalla cima SE con la cresta e la cima NO a sinistra
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Bella via classica, con ambiente e panorami eccezionali. Noi abbiamo preso la prima navetta da Pera di Fassa partita poco dopo le 7.00 che in breve porta al Rif. Gardeccia, da lì in ore 1.50 circa con andatura normale all'attacco della via. Itinerario come da descrizione, trovata sosta a spit una decina di metri sopra all'anello cementato del 2^ tiro. Arrivati alla forcella abbiamo tenuto la sinistra procedendo in conserva fino a un diedro che in breve porta alla paretina con il passaggio di 3^ esposto (uscendo si trova un anello cementato per doppia), da lì in breve in vetta. Discesa per stesso itinerario con 5 doppie in totale, prestare attenzione alla cresta se fatta slegati, gli errori non sono perdonati. Con il Drico e De Sandris in ottima forma.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Partiti presto dal parcheggio poco prima della catena, sfruttando le temperature più rigide previste per la notte di oggi, quota neve 2400 mt ( dal lago di mezzo), dove abbiamo calzato i ramponi e trovato neve finalmente rigelata e trasformata ormai a dovere per tutto l'itinerario. Il canale è in ottime condizioni, progressione veloce, al colletto neve nei primi metri per il resto proseguito per il sentiero e gli sfasciumi di cresta. Arrivati in vetta panorama eccezionale, giornata dal meteo super! Discesa per lo stesso itinerario con la neve che è rimasta come al mattino ( tanto da arrivare con i ramponi poco sopra al Migliorero sfruttando l'ultima lingua di neve della prima rampa). Gita se fatta in giornata con un discreto dislivello (almeno per noi), l'avvicinamento non è dei più brevi ma le condizioni trovate hanno permesso una rapida progressione . Nessuno in giro, eccetto qualche escursionista al Migliorero (oggi chiuso! Peccato sarà per la prossima volta). Alle 14.45 dalla macchina. PS il libro di vetta è full!
Giornata spettacolare, rubata al lavoro! Con drico.

Croce e panorama di vetta

Situazione vallone di risalita
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Avvicinamento breve e pulito, la neve ormai come detto inizia poco sopra la base conoide, dove il canale prosegue incassato tra le rocce. Neve completamente trasformata che nonostante le temperature elevate ha permesso una comoda progressione. Saliti per il ramo di destra e scesi per quello di sinistra, nelle condizioni attuali le pendenze non ci sono sembrate così elevate. Dalla macchina all'ometto in poco più di due ore.
Viste le previsioni poco stabili per il pomeriggio abbiamo optato per questo breve itinerario che nonostante la quota modesta offre una progressione in bel ambiente. Un saluto ai tre compagni incontrati con cui abbiamo condiviso la salita .. e anche la merenda a Valdieri! Con Andre.

Situazione Pian della casa

Situazione canale
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Conoia o Conoja (Bric di) Canale SO (03/01/19)
    Bisalta o Besimauda (Monte) da Meschie di Pradeboni (30/12/18)
    Missun o Missoun (Cima) dal Ponte del Giairetto per la Colla Rossa (09/12/18)
    Figne (Monte delle) e Monte Tobbio dal Passo della Bocchetta per Monti Leco e Taccone (30/09/18)
    Brugneto (Diga del) anello (16/09/18)
    Niera (Roc della) Via Normale e Via dei Diedri da Chianale (10/09/18)
    Matto (Monte, Cima Centrale) via Normale dalle Terme di Valdieri (24/08/18)
    Baus (il) Via Normale dal Piano della Casa del Re per il Colle della Culatta (11/08/18)
    Nasta (Cima di) Canalone Sud (11/08/18)
    Rossa della Grivola (Punta) da Valnontey per il Colle della Rossa (05/08/18)
    Homme (Tète de l') e Tete de la Frema da Grange Collet, anello per il Passo Terre Nere e Colle Infernetto (29/07/18)
    Tenibres (Monte) e Ischiator (Becco Alto d') traversata per Rocca Rossa e Cima della Montagnetta (08/07/18)
    Tablasses (Testa di) e Testa Sud di Bresses da Terme di Valdieri, anello per i passi di Tablasses e di Prefouns (01/07/18)
    Mongioie (Monte), Cima Pian Comune, Cima delle Colme da Viozene, anello per Passo del Cavallo e Bocchino dell'Aseo (30/04/18)
    Galero (Monte) dal Colle di San Bernardo, anello per il Passo delle Caranche (01/04/18)
    Ormea (Pizzo d') da Quarzina (08/12/17)
    Ischiator (Becco Alto d') da Pian della Regina per il Vallone del Piz ed il versante NE (17/09/17)
    Pan di Zucchero dal Colle dell'Agnello (03/09/17)
    Mongioie (Monte) da Viozene per la Gola delle Scaglie (01/09/17)
    Malinvern (Monte) da Isola 2000 e i Laghi di Terre Rouge (22/08/17)
    Catinaccio Via Normale (07/08/17)
    Corborant (Cima del) da Besmorello per il Rifugio Migliorero e il versante N (07/06/17)
    Ciriegia (Cima di) crestone NO quota 2521 m Canale NO (03/06/17)
    Oronaye (Monte) Via Normale del Canale Sud di Sx (classico) e la Cresta Ovest (29/04/17)
    Colme (Cima delle) da Viozene, Canale dello Scudo (11/03/17)
    Saline (Cima delle) Canalino Sud (07/01/17)
    Castello (Rocca) Solo per Bruna (30/10/16)
    Marguareis (Punta) Canale dei Genovesi (25/04/16)