mbourcet213


Chi sono

Segretario Club Alpino Italiano Pinerolo.

Titolato AE-C CAI


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Parcheggiato al bivio Chisonetto in piccolo spiazzo (due/tre auto)
Bella gita che pensavo non fosse affatto frequentata, invece con grande sorpresa abbiamo incontrato 4 persone lungo il percorso, dopo la Diga il tratto di sentiero in comune con l'itinerario della Rognosa me lo ricordavo migliore, oggi ho dovuto prestare un po' di attenzione in più in quanto ero insieme a mio nonno 82enne che sui gradoni faticava un po'.
Dal bivio in avanti itinerario facile e chiaro con molte indicazioni dell 3 Funivie, impossibile perdersi (salvo con nebbia, potrebbe dare qualche fastidio), molto godibile avendo lasciato alle spalle già la maggior parte del dislivello e tutte le difficoltà!

Bella la vista che si apre sulla Val Troncea un volta giunti sulla cresta e sempre belli i contrasti della pietraia sotto la Rognosa.

Scesi dalle piste da sci su Borgata per facilitare la discesa, oggi il cantiere era fermo e le recinzioni messe in disparte quindi siamo passati, diversamente potrebbe dare dei problemi, anche perchè sembra interessino l'intera area sotto la seggiovia Banchetta quindi forse l'unica alternativa è passare molo larghi verso lo skilift Orsiera e lo Chalet Raggio di sole.
Con i miei genitori e il nonno, bella giornata su questo vallone molto molto particolare.

Bivio quota 2500 m circa

Lungo mezzacosta verso la conca

Il Clot della Mutta

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Parcheggio 5 euro a Laval, a pagamento anche se si arriva entro le 8
Niente di speciale da dire, segnaletica in ordine, qualcosa l'ho tirato su io perchè era coricato/caduto. Da questo versante ero passato solo con gli sci in discesa ed effettivamente nella veste estiva non c'è quasi mai traccia di sentiero, specie nella parte alta!
La pendenza invece è davvero interessante difatti il dislivello si macina abbastanza in fretta!

Sceso dal Colle del Pis, Clot de la Soma, sembra stiano mettendo qualche palina segnalatrice nuova, speriamo sia l'inizio di una ripresa di questo posto così bello ma così trasandato..

Arrivati sulla strada a quota circa 2050 m ho iniziato a cercare una traccia di sentiero che le nuove carte Fraternali riportano, siccome non trovavo nulla ho deciso nel tornante verso destra da cui parte la strada per la Bergeria di andare a vedere se almeno da li in giù ci fosse qualcosa! Purtroppo non ho trovato nulla se non prati adibiti a pascolo.. quindi se vi venisse l'idea di provarlo per tagliare la parte finale della strada non fatelo!
Con Sara e Sam

Vallone di salita

Ambiente

Verso il Colle del Pis

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
note su accesso stradale :: Parcheggiato poco dopo Rhuilles a bordo strada, parecchie auto al ritorno
Dopo aver salito e sceso la Ramiere, siccome avevamo ancora tempo e voglia, siamo risaliti a Chabaud e da li al Giassiez.
Bello il sentiero, anche se con pendenze sempre severe, sempre ciclabile eccetto qualche tratto, parecchia gente sul percorso.

In discesa effettuato come da descrizione (noi siamo andati avanti un pezzo in cresta verso la Dorlier, consiglio di scendere direttamente dalla croce di vetta per intercettare il sentiero altrimenti ci si allontana troppo e si va su pendenze più importanti) su sentiero che ci è piaciuto molto (tacche bianco rosse qua e la ma molto sbiadite.).

Tornati al ponte di Rhuilles facendo i vari tagli anch'essi divertenti!
Con Gabriele
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
note su accesso stradale :: Parcheggiato poco dopo Rhuilles a bordo strada, parecchie auto al ritorno
Mancava la cima per completare la settimana dedicata alla Ramiere (dopo il giro di 3 gg) e così oggi l'abbiamo salita!
Forte vento che ha condizionato non poco la permanenza in vetta, inoltre un problema al freno anteriore mi ha un po' limitato nella ciclabilità fino al bivacco, il mio socio con front da 100 mm l'ha fatta tutta in bici da cima a fondo (chapeau come sempre), volevamo scendere in valle Argentera avendo letto precedente relazione di chi lo aveva fatto, purtroppo a quanto ci è stato detto dai vari escursionisti incontrati non è più possibile farlo a causa di frane che hanno complicato non poco la viabilità sul sentiero, addirittura alcuni parlavano di problemi nel scendere a piedi con bici al fianco! Bisognerà verificare!

Percorso tutto ok.
Con Gabriele, incontrati una decina di escursionisti provenienti dalla val Argentera e molti al bivacco o in salita verso di esso!
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Parcheggiato al rifugio, la strada mi è sembrata più scavata degli anni scorsi ma con fuoristrada nessun problema ovviam
Bellissima gita, discretamente lunga come sviluppo (quasi 14,5 km da GPS), dislivello contenuto, facendo anche il Robinet vengono fuori circa 1100 metri in totale.
Mi è sembrata molto ben segnalata, anche la pietraia, oggi c'era nebbia che girava ma il percorso è stato sempre molto evidente.
Tratto per la cima facile, con le catene non c'è alcun tipo di problema (ma anche senza).

Nel complesso niente da segnalare ma solo da consigliare, oggi incontrato solo una persona che scendeva dalla cima del Rocciavrè.
Con Sara e Roberto

Lungo il traverso per il vallone di Rouen

In cresta

Rientro tra le nebbie
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
note su accesso stradale :: Parcheggiato poco sotto il bivio in uno spiazzo
Proporre questo giro come gita sociale CAI sembrava una pazzia, eppure sotto sotto sapevo che saremmo riusciti a farla e che sarebbe stata una grande avventura e difatti così è stato!

Il primo giorno abbiamo seguito esattamente l'itinerario descritto, anche grazie alla presenza dell'ideatore del giro nonché autore di questa descrizione su Gulliver Luciano Savarino! L'unica nota negativa è che come ormai purtroppo si nota spesso chi lavora in montagna con gli animali non ha quasi nessun rispetto di noi escursionisti, la prima parte di salita al colle di Rodoretto è un campo minato di cacche di vacca perchè il loro recinto ricopre esattamente tutto il sentiero permettendole di sporcarlo come fosse proprietà privata. Non parliamo poi dei vari recinti incontrati durante il giro senza porte ne possibilità di superare agevolmente i fili anche elettrificati (ma non dovrebbe esserci il diritto di passaggio sui sentieri accatastati e segnati sulle cartine?? vabbè...). Comunque si arriva agevolmente al colle anche con qualche tratto ciclabile, la discesa rispetto a quando è stata relazionata la gita la prima volta risulta quasi del tutto ciclabile (noi eravamo 3 full e 2 front da 29) poi si scende lungo la bella strada della valle Argentera senza problemi. Si risale alla Cima del Bosco sempre bella come bello è il sentiero che scende dall'altra parte a Thures. Pernottiamo alla Fontana del Thures con un'ottima accoglienza in un rifugio magnifico in perfetto stile alpino del posto.

Il mattino seguente ripartiamo risalendo la val di Thures fino a giungere al bivacco del CAI Bussoleno da dove parte il sentiero per la Ramiere. Noi ovviamente non abbiamo tempo di salire in cima quindi proseguiamo con i 300 metri che mancano per il Colle di Thures raggiungendolo in breve.
La discesa questa volta è impegnativa e nella prima parte poco o nulla ciclabile, per fortuna dopo pochi minuti riusciamo a risalire in bici e con discreto impegno percorriamo tutto il sentiero in sella, veramente bello e tosto! Attraversiamo una borgatina abbandonata e con la carrareccia sterrata ci portiamo sull'asfalto scendendo ad Abries.
Per oggi abbiamo deciso di sfruttare un locale del posto per mangiare, ci fermiamo più in su al rifugio de la Monta, consigliato!
Ripartiamo velocemente perchè per oggi abbiamo deciso di cambiare valico.. la gita originale proporrebbe il colle della Croce ma noi vogliamo andare al Col Selliere per omaggiare il nostro amico Agostino, che proprio su quel colle ci ha lasciati poco meno di un anno fa. La salita è dura ma regolare e ci porta al Belvedere du Viso, punto di partenza per raggiungere anche il Refuge du Viso. Da qui parte il sentiero sempre ben indicato per il colle, la maggior parte della salita è bici in spalla ma qualche tratto della parte bassa si può spingere/pedalare (non lasciatevi ingannare dai tempi segnati sui cartelli, in realtà sono molto abbondanti). Una volta raggiunto ci aspetta un'altra lunga e tecnica discesa verso il Rifugio Granero, anche qui la prima parte si deve fare a piedi, sono però pochi metri per superare qualche passaggio roccioso, poi si cicla quasi interamente fino al fondo! Veramente bello anche lui! Arrivati al lago non risaliamo al Granero ma scendiamo verso la conca del Pra (l'ora è già tarda!) scegliendo uno dei due sentieri, noi facciamo quello a sinistra ma è la stessa cosa, e raggiungiamo il Rif. Jervis dove pernotteremo. Con questa deviazione il dislivello sale a 2500 metri circa anzichè i 1850 originali. Anche i km aumentano a circa 50 contro i 34 per il colle della Croce, per chi ha voglia e fisico vale sicuramente la pena!

Il terzo giorno è quello più "corto" ma dopo la discesa verso Villanova per risalire al Colle del Giulian c'è da farsi un bel mazzo su una sterrata con pendenze che mettono veramente a dura prova anche il biker più allenato! sono 750 metri di dislivello in circa 5 km tutti di un fiato, poi intervallati da qualche tratto in piano si raggiungono le bergerie del Giulian a quota 2100 m circa.
Da qui parte il sentiero che bici in spalla ci porta al colle a circa 2450 metri, anche oggi decidiamo per una piccola deviazione e anzichè proseguire per i 13 laghi saliamo ancora in cima al Monte Giulian aggiungendo circa 100 metri di dislivello. Ritorniamo sui nostri passi e continuiamo la cavalcata tra val Pellice e Germanasca, questa volta passando sul lato Germanasca con la militare dal fondo veramente impegnativo ma anche qui tutta ciclabile per chi ha ottime gambe e tanta voglia di spingere! Qualche tratto a piedi dove la strada è troppo rovinata e arriviamo al punto più elevato, non ci resta che scendere nella conca dei 13 laghi, sarebbe bello scendere in sella i tornanti che ci aspettano ma alcune frane rendono difficoltosa la discesa tanto da costringerci a scendere e andare a piedi! Scendendo migliora e la parte finale si riesce a pedalare con molta tecnica.
Mangiamo un boccone e risaliamo al Bric Rond, arrivo delle seggiovie di Prali, qui si pedala quasi tutto tranne un paio di punti.
Adesso imbocchiamo come da relazione il sentiero per Rocca Bianca, sempre splendido, che raggiungiamo (altra deviazione rispetto alla relazione principale che si fermava al colle sotto la cima).
Per la discesa scegliamo una variante, il sentiero che porta a Crosetto pare non sia più praticabile e questo dopo tutte le fatiche di questi giorni non ci invoglia a provare!
Torniamo allora indietro sui nostri passi oltre il colle, ripercorriamo il sentiero a mezza costa facendo attenzione perchè ad un certo punto troveremo un sentierino che parte alla nostra destra, l'ideale è guardare bene all'andata, su un cartello si trova l'indicazione scritta a pennarello per la miniera Sapatlè ma è visibile solo andando verso Rocca Bianca, non tornando indietro dopo aver fatto la cima!
Questo sentierino tecnico ci porta sulla strada che scende dalla cava della Majera, strada che seguiremo per un bel pezzo in discesa, fino ad arrivare ad un tornante a sinistra a quota 1800 m circa dove troviamo un'altra strada che parte dritta dal tornante e che porta ad una bergeria, la prendiamo, superiamo la bergeria e troviamo una strada di terra battuta fatta da poco per lavori idraulici, scendiamo a sinistra su di una zona prativa andando a incrociare il sentiero che scende a Prali Villa, sentiero molto battuto dalle bici per il suo fondo liscio e scorrevole, pieno di tornanti per concludere al meglio questa bella avventura su due ruote!

Arrivati a Villa non ci resta che scendere sulla statale fino a ritrovare l'auto parcheggiata due giorni fa.
Grazie ai miei amici con cui ho condiviso il giro: Luciano - Alberto - Norman - Gabriele e a Paolo con cui abbiamo condiviso la prima tappa!

Davvero incredibile che non abbia avuto nessuna ripetizione dal 2007 ad oggi, un giro completo, magnifico, che ti mette alla prova ma ti regala tanto. Se potete vi consiglio di andarci ma mi raccomando, prudenza.. il terreno è duro e la gita anche, ci vuole preparazione adeguata sia fisica che tecnica e anche mentale se vogliamo.. sono quasi 6500 metri di salita e 130 km in 3 giorni con parecchio portage! Il telefono prende poco e nel secondo giorno quasi nulla, quindi meglio essere anche in 3 o 4 (noi eravamo in 4 al Selliere) e l'unica "via di fuga" da Abries è fare il colle della croce...

Colle di Rodoretto

Discesa da Colle di Rodoretto

Verso il Colle di Thures

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Parcheggiato a Laval, 5 euro per la giornata
I piani erano altri ma siccome era impossibile raggiungere Sestriere Borgata a causa della Gran fondo ciclistica abbiamo optato per venire a ficcare il naso su questo itinerario poco frequentato (a quanto sembra, specie dalla vegetazione che a tratti ha completamente invaso il sentiero, per gli allergici come me consiglio spray nasale prima di effettuare salita) che da anni volevo vedere!

Il sentiero è sempre ottimamente segnalato e anche con l'erba alta non ci si può perdere, dalla Grangia in su il percorso è evidente ma in caso di nebbia non mi farebbe piacere trovarmi su di lì.. Arrivati al passo della Banchetta con forte vento decidiamo di provare a fare l'anello scendendo a Laval passando dal sentiero per Miandette, una breve deviazione in cima e ci portiamo all'arrivo della seggiovia nube dove si trovano lungo la strada tacche rosso/bianche che portano ad un tornante dal quale parte il sentiero ben segnalato con paline in legno e tante stelle alpine! La parte alta è molto bella, purtroppo man mano che si scende il sentiero non è più così evidente ma le paline rendono facile la discesa, arrivati a circa 1900 m si trova un pascolo di pecore con recinto (ovviamente in mezzo al sentiero, senza possibilità di passare se non scavalcare, non abbiamo visto/sentito cani da guardia ma non mi fiderei lo stesso a entrare) che si può aggirare facilmente alla sua sinistra vedendo sempre le paline dall'altra parte della rete!

Da lì in giù un po' meno segnalato ma la strada si trova abbastanza facilmente. Aggiungo a breve traccia GPS nel caso servisse.
Con Sara, bell'anello in uno dei tanti valloni selvaggi che queste valli ci offrono, il tratto interessato dagli impianti è discretamente breve quindi non infastidisce.

Peccato che entrambi i sentieri siano quasi in stato di abbandono, meriterebbe qualche visita in più secondo me!

Il telefono con operatore tim prende nei pressi della Grangia e per tutta la discesa.

Parte bassa dove l'erba la fa da padrone

Arrivo alla Grangia del Vallonetto

Facile camminata in cresta tra il passo sud e il nord

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Niente da segnalare, bel giro facile e con poco dislivello ottimo per chi non è molto allenato (oggi fatto con il corso CAI di mountain bike per ragazzi), bello il tratto per la cima che è abbastanza ciclabile, peccato il terreno molto scivoloso!

Scesi al lago nero per sentiero poco scorrevole e successivamente seguendo l'acquedotto per tornare a Bousson, discesa molto carina con tratti di strada scorrevole intervallati da sentiero non esageratamente tecnico ma da fare con concentrazione!
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
note su accesso stradale :: Parcheggiato vicino al campeggio
Effettuato il giro con alcune varianti, innanzitutto partiti dal campeggio delle Sorgenti del Maira anziché ad Acceglio, poi seguito la militare e il sentiero fino alla casermetta (per chi ha gamba tutta ciclabile), breve tratto bici in spalla per il colle della Cavalla. Dal colle tramite sentiero ripido al Monte Soubeyran dal quale si scende poi per il bellissimo sentiero quasi tutto ciclabile che passa sulla cresta opposta a quella da cui siamo saliti raggiungendo il passo delle Munie.

Di qui si segue l'itinerario classico fino al colle della Scaletta in buona parte pedalando, fino alla parte di breve portage per il colle.
Noi siamo poi saliti in cima (deviazione di 200 metri circa che merita assolutamente) passando tramite la caratteristica galleria/bunker che si trova sul sentiero ottimamente segnalato.

Discesa a Prato Ciorliero con unico tratto non ciclabile al colle dell'Escalon principalmente per via del fondo, il resto tutto molto bello!

A questo punto, presa la strada sterrata, scendiamo fino ad arrivare al tornante dove ricomincia l'asfalto, dal quale a sinistra parte una nuova sterrata in salita (350 m D+ circa) che ci porterà al Colle Ciarbonet dal quale parte il sentiero per rientrare al campeggio.

Nota sul sentiero, la parte alta è stata vittima di una frana che l'ha completamente devastato, per un bel pezzo la ciclabilità è difficile e poco continua. Il sentiero poi spiana e per un lungo tratto diventa un sali scendi mediamente ciclabile che costringe ad un po' di spintage/portage. Vale però assolutamente la pena faticare ancora per l'ultimo tratto di discesa, qui troviamo un sentiero spettacolare immerso nel bosco tutto tornantini,radici e gradini di roccia che scende con buona pendenza tornando sulla militare percorsa al mattino in salita! Un modo eccezionale per chiudere questo spettacolare anello!
Gita Sociale CAI Pinerolo. 6 partecipanti: Alberto - Gabriele - Gualtiero - Matteo - Norman - Sergio.

Dati del giro: 2050 m D+ e 32 km quota max Monte Scaletta 2840 m. circa 9 ore con buon passo per percorrerlo

Prima cima, Monte Soubeyran

Arrivo al Monte Scaletta

Escalon

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
note su accesso stradale :: Parcheggiato appena dopo la dogana
Seguito il giro come da itinerario, sulla strada per lo Janus c'è stata una piccola frana che ha coinvolto la strada aprendo una grossa canalina che si passa sulla sinistra (si fa in sella) ma richiede un po' di attenzione.
Per il resto niente di strano da segnalare, il sentiero che scende nel vallone è bello tecnico più che altro per la presenza di pietrisco scivoloso, scendendo ieri mi sono chiesto come facessimo a farlo a quelle velocità in gara..

Unica nota negativa in discesa, essendo con un gruppo di ragazzini del corso Mtb, avevamo ovviamente necessità di fermarci per compattare il gruppo, inoltre essendo sentiero anche pedonale c'erano pedoni sia in discesa che in salita. Ad un certo punto mentre noi eravamo fermi (per fortuna a lato del sentiero e in un punto con visibilità) è passata una è-bike ad una velocità spaventosa, oltretutto con cuffiette nelle orecchie, che non mi ha ovviamente degnato di nessuna attenzione quando gli ho urlato di rallentare per non calciare bambini e pedoni... Nota molto negativa per la sicurezza dei sentieri e per sperare di non andare incontro al divieto di bici su sentieri come accade in altre regioni a causa di questi "fenomeni" che pensano di essere in pista.
Con il corso mtb del CAI Pinerolo, bellissima gita in ambiente sempre meraviglioso
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Flassin (Mont) da Parcheggio Flassin (08/03/20)
    Melano (Rifugio) o Casa Canada da Pinerolo per la Val Lemina (01/03/20)
    Rossette (Cima delle) da Chianale (29/02/20)
    Banchetta (Monte) o Monte Motta da Sestriere Borgata (28/02/20)
    Querellet (Monte) Dorsale Monte Querellet - Monte Sises, itinerari vari (23/02/20)
    Viraysse (Monte) o Cime de la Coste du Col da Saretto per il Colle Sautron (22/02/20)
    Combe Bénite (Pointe) da Granier (15/02/20)
    Cime (Clot de la) da le Laus, traversata a Brunissard (02/02/20)
    Morefreddo (Monte) da Pragelato per il Clot della Soma e il versante Nord (11/01/20)
    Genevris (Monte) e Punta di Moncrons da Granges, anello (06/01/20)
    Begino (Monte) da Bousson (26/12/19)
    Soma (Clot della) da Pragelato (23/11/19)
    Soma (Clot della) da Pragelato (16/11/19)
    Gran Guglia (Colletto della) da Prali, giro della Gran Guglia per il Rifugio Lago Verde (01/11/19)
    Chiapous (Colle del) da Valdieri, giro per Diga del Chiotas, Rifugio Morelli Buzzi, Terme di Valdieri (27/10/19)
    Melano Giuseppe (Rifugio) per il sentiero Verso il Canada (13/10/19)
    Sette Confini (Monte) e Rifugio Melano da Pinerolo, percorso Verso il Canada e Sentiero Manuele Bellasio (13/10/19)
    Viou (Alpe di) da Veynes (06/10/19)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (05/10/19)
    Leynir (Col) da Ceresole per il Colle del Nivolet, discesa sulla Strada Reale (29/09/19)
    Castelletto (Monte) da San Germano Chisone per il Colle Vaccera (27/09/19)
    Grand Aréa da Nevache, giro per il Col du Granon (21/09/19)
    Pralongià, Lagazuoi, Son Forca, Locatelli (Rifugi) da Arabba, traversata a San Candido per i Sentieri di Guerra delle Dolomiti (6 gg) (25/08/19)
    Appenna (Monte) da Pattemouche, giro per Valle Argentera e Laval (21/08/19)
    Gran Guglia da Bout du Col, anello per il Lago Verde (18/08/19)
    Ciabertas (Monte) da Soucheres Basses (17/08/19)
    Ambrogio (Capanna) da Pourrieres (17/08/19)
    Assietta (Testa dell') da Pourrieres, giro per il Col Lauson (16/08/19)
    Banchetta (Passo della) da Sestriere Borgata per il vallone del Chisonetto (14/08/19)
    Morefreddo (Monte) da Laval (13/08/19)
    Ramiere (Punta) da Thures per il Colle della Ramiere (10/08/19)
    Giassiez (Monte) o Giaissez da Bousson (10/08/19)
    Rocciavré (Monte) dal Rifugio Selleries per il Vallone del Rouen (09/08/19)
    Rodoretto, Thuras, Croce, Giulian, Balma (Colli) da Rodoretto, giro della Punta Ramiere (03/08/19)
    Banchetta (Monte) dalla Val Troncea, per il Vallonetto e il Passo della Banchetta (21/07/19)
    Corbioun (Monte) da Bousson (20/07/19)
    Fea, Cavalla,Munie, Roburent, Scaletta (Passi) da Acceglio, giro (14/07/19)
    Janus (Forte) da Monginevro, giro per Fort Gondran il Lago Gignoux o dei Sette Colori (06/07/19)
    Rossa (Guglia) o Aiguille Rouge da Bardonecchia per il Colle di Thures (30/06/19)
    Pilatte (Pointes de la) Via Normale da La Berarde per il Glacier de la Pilatte (23/06/19)
    Merla (Punta della) da Pinasca, giro per il Monte Cucetto (12/05/19)
    Pelvo (Cima del) da Ponte Terribile (01/05/19)
    Nera (Rocca) anticima NE 2404 m da Sauze d'Oulx per Pian della Rocca e Capanna Mollino (28/04/19)
    Banchetta (Monte) o Monte Motta da Sestriere Borgata (26/04/19)
    Mondolè (Monte) da Artesina per la Colla Bauzano (25/04/19)
    Fraiteve (Monte) da San Sicario (21/04/19)
    Banchetta (Monte) o Monte Motta da Sestriere Borgata (20/04/19)
    Freidour (Monte) da Pinerolo per la Fontana degli Alpini discesa dal Colle Aragno ovest (14/04/19)
    Cucetto (Monte) da Pinasca, giro per Pralamar discesa Vallone Sette Ponti (13/04/19)
    Giassiez (Monte) o Giassez da Thures (06/04/19)
    Grand Pinier (le) da Dormillouse per il costone Est (31/03/19)
    Aiga (Monte) per il Vallone di Gorgion Gros e il canale SE (09/03/19)
    Founs (Rocce) quota 2762 m da Pian della Regina (23/02/19)
    Rond (Bric) da Prali (16/02/19)
    Vecchio (Monte) traversata Limone-Vernante (10/02/19)
    Moncrons (Punta di) da Granges (03/02/19)
    Sestrieres Boschi (02/02/19)
    Sainte Marie (Mont) da Casterino (26/01/19)
    Turge de la Suffie da Cerviers per le Bourget, traversata a le Laus (19/01/19)
    Rasciassa (Punta) da Meire Bigoire (01/12/18)
    Querellet (Monte) da Sestriere (25/11/18)
    Fraiteve (Monte) da San Sicario (24/11/18)
    Sises (Monte) da Sestriere (20/11/18)
    Roudel (Cima) da Argentera per il Vallone del Gran Miol (18/11/18)
    Gran Queyron dalla Valle Argentera (10/11/18)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (03/11/18)
    Froid (Mont) dal Col du Mont Cenis, giro per il Col de Sollieres (30/09/18)
    Lavoir (Lago) da Bardonecchia per la Valle Stretta e il Lago Verde (29/09/18)
    Albergian (Monte) da Pragelato (23/09/18)
    Sbarua (Rocca) Sperone Rivero - La vecchia lira (31/08/18)
    Gimont (Mont) o Grand Charvia dal Lago Nero (07/08/18)
    Chaberton (Monte) da Fenils, giro per Claviere ITINERARIO NON PERCORRIBILE (05/08/18)
    Durand (Fenetre) da Etroubles, giro del Gran Combin per Col de Mille e Colle del Gran San Bernardo (3 gg) (29/07/18)
    Ciantiplagna (Cima) e Colle dell'Assietta da Pourrieres per il Colle delle Finestre, discesa per il vallone Gran Cerogne (14/07/18)
    Rateau (le, cima Est) dal vallone de la Selle (08/07/18)
    Croce Rossa (Punta) Cresta SSE dal vallone d'Arnas (01/07/18)
    Fraiteve (Monte) e Pitre de l'Aigle da Pragelato, giro (23/06/18)
    Venezia (Punta) Canale N e Cresta NO (10/06/18)
    Chiot del Cavallo (Colle) da Torre Pellice, giro per l'Alpe della Sella (09/06/18)
    Banchetta (Monte) o Monte Motta da Sestriere Borgata (16/05/18)
    Français Pelouxe (Monte) da Balboutet (15/05/18)
    Platasse (Monte) da Ponte Terribile (12/05/18)
    Roero da Piobesi d'Alba, giro (06/05/18)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indritti (01/05/18)
    Barma d'Noara (Falesia) (30/04/18)
    Grand Miuls (Monte) da Pragelato (25/04/18)
    Ciabergia (Monte) da Avigliana, giro per Colle Braida, Punta dell'Ancoccia e il sentiero dei Principi (22/04/18)
    Cervetto (Testa di) da Meire Bigorie (14/04/18)
    Giulian (Monte) da Giordano (01/04/18)
    Rastcias (Monte) da Fracchie (31/03/18)
    Pertiche (Clot delle) da Granges (10/03/18)
    Gran Costa (Monte) da Pragelato, traversata a Salbertrand (04/03/18)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (02/03/18)
    Gardiole (la) da le Villard-Laté (25/02/18)
    Morefreddo (Monte) da Pragelato per il Clot de la Soma e discesa su Seytes (10/02/18)
    Bo Valsiesiano (Monte) da Rassa (04/02/18)
    Pilone (Punta) Canale Sud-Est (03/02/18)
    Cervetto (Testa di) da Serre (14/01/18)
    Ombilic (l') da la Vachette (06/01/18)
    Garitta Nuova (Testa di), Piata (Bric la) da Pian Munè, traversata a Croesio (08/12/17)
    Pianard (Monte) da Palanfrè (26/11/17)
    Viribianc (Cima) da Chiappi (11/11/17)
    Sbarua (Rocca) Torre del Bimbo - Osteria del viandante+Analcolica (08/10/17)
    Argentera (Cima Nord e Sud) Traversata dal Rif. Morelli Buzzi (03/09/17)
    Cerisira (Punta) da Villanova per il Bivacco Soardi (23/08/17)
    Bucie (Bric) Cresta Nord (23/08/17)
    Chaberton (Monte) da Claviere per la Batteria Alta (20/08/17)
    Rognosa del Sestriere (Punta) da Sestriere Borgata, discesa sulla Valle Argentera (19/08/17)
    Stellina (Rifugio) da Novalesa per l'Alpe Tour, discesa per Alpe Carolei e Grange Pra Piano (23/07/17)
    Weissmies traversata S-N (16/07/17)
    Barifreddo (Monte) versante NE e cresta SE (18/06/17)
    Sises (Monte) da Sestriere (14/05/17)
    Baraccone di San Giacomo (Punta del) da Giordano (07/05/17)
    Chiavesso (Cima) da Cornetti (09/04/17)
    Selletta (Monte) da Rodoretto (11/03/17)
    Soma (Clot della) da Pragelato (04/03/17)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (19/02/17)
    Cervetto (Testa di) da Meire Bigorie (22/01/17)
    Pintas (Monte) da Fontana della Batteria (07/01/17)
    Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina (06/01/17)
    Morefreddo (Monte) da Pattemouche (05/01/17)
    Pintas (Monte) da Balboutet (31/12/16)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indritti (24/12/16)
    Fiunira (Punta) da Giordano (08/12/16)
    Ghinivert (Bric) da Pattemouche (04/12/16)
    Rutund (Bric) anticima NE 2426 m da Chiazale (26/11/16)
    Provenzale (Rocca) Via Normale della Cresta Sud (02/10/16)
    Sbarua (Rocca) angiolina ritorna (03/09/16)
    Sbarua (Rocca) Settore la Meteora (03/09/16)
    Lago Nero (Falesia del) (29/08/16)
    Rochebrune (Pic de) Via Normale e Cresta Sud dal Col d'Izoard (28/08/16)
    Venezia (Punta) Dimensione quarto (27/08/16)
    Bucie (Bric) Via Normale del Canalone Sud da Bout du Col (25/08/16)
    Rocciamelone da Susa (23/08/16)
    Fourion (Rocce) da Pian del Re (21/08/16)
    Vallon (Col du) e Colle di Thures da Nevache, giro dell'Aguille Rouge (18/08/16)
    Cialancia (Passo) da Perrero a Prali per i 13 Laghi (17/07/16)
    Orsiera (Monte, Punta Sud) Cresta NO (16/07/16)
    Levanna Orientale Via Normale da Forno Alpi Graie (03/07/16)
    Bracco (Monte) da Barge e la Croce di Envie, Rifugio Mulatero e Croce di Sanfront (15/05/16)
    Galehorn da Engiloch (08/05/16)
    Boshorn da Engiloch (07/05/16)
    Sises (Monte) da Sestriere (02/05/16)
    Banchetta (Monte) o Monte Motta da Sestriere Borgata (29/04/16)
    Nera (Rocca) da Pralapia per il versante NO e il canale N (25/04/16)
    Sea Bianca (Punta) da Pralapia (24/04/16)
    San Leonardo (Falesia) Settore Penna Bianca (17/04/16)
    Sbarua (Rocca) Via Normale (14/04/16)
    Lenlon (Fort de) da Val des Prés (23/01/16)
    Baude (Crete de) da Nevache (17/01/16)
    Sbarua (Rocca) Sperone Cinquetti - Via Super Cinquetti (28/11/15)
    Sbarua (Rocca) Sperone Cinquetti - Via Cinquetti - Burdino (28/11/15)
    Sbarua (Rocca) Freak street - Tirami Su (28/11/15)
    Sette Confini (Monte) da Pinerolo, giro della Val Lemina per i Colli Crò, Ciardonet, dell'Eremita,Infernetto (22/11/15)
    Sbarua (Rocca) via Gervasutti-Ronco (21/11/15)
    Lausa (Truc), Truc Donna e Bric di Pin da Ruata, anello (15/11/15)
    Sbarua (Rocca) Sperone Cinquetti - Via Cinquetti - Burdino (14/11/15)
    Sbarua (Rocca) Vena di Quarzo (17/10/15)
    Sbarua (Rocca) Via Normale (17/10/15)
    Sbarua (Rocca) via Gervasutti-Ronco (17/10/15)
    Ciantiplagna (Cima) e Testa dell'Assietta da Pourrieres, giro per il Colle Finestre, discesa GTA (27/09/15)
    Crò (Falesia del) (26/09/15)
    Sigaro (Falesia del) (25/09/15)
    Vautero (Rocca) Falesia Rocca Vautero (21/09/15)
    Gran Dubbione (Falesia del) Rocca del Visconte (19/09/15)
    Barma d'Noara (Falesia) (13/09/15)
    Barma d'Noara (Falesia) (12/09/15)
    Mulo (Colle del) da Marmora, giro per i Colli Preit, Margherina, Bandia (11/09/15)
    Gardetta (Passo della) e Bric Cassin da Ponte Marmora giro per il Colle del Preit e Vallone di Unerzio (10/09/15)
    Cristalliera (Punta) cresta SSO o delle Scuole (06/09/15)
    Muro rosso (Falesia del) (31/08/15)
    Cornour (Punta) da Ghigo di Prali, per la cresta NE (30/08/15)
    Granero (Monte) da Pian del Re per il Passo Luisas e la cresta E (28/08/15)
    Mongioia (Monte) o Bric de Rubren da Sant'Anna per il Vallone Varaita di Rui e il Passo Mongioia (21/08/15)
    Furgon (Monte) da Thures (26/07/15)
    Morefreddo (Monte) da Pragelato per il Colle del Pis, discesa nel vallone del Mendie (18/07/15)
    Cialancia (Punta) da Perrero, giro per Conca Cialancia, Passo Rous e Tredici Laghi (05/07/15)
    Bosco (Cima del) da Bousson, giro per Thures (28/06/15)
    Granero (Rifugio) + Col Barant da Villanova per la Conca del Prà (07/06/15)
    Assietta (Testa dell') da Pourrieres, giro per il Col Lauson (02/06/15)
    Melano Giuseppe (Rifugio) o Casa Canada da Brun per il Colle Eremita, le Carbonaie e il colle Ciardonet (13/05/15)
    Servin (Monte) da Angrogna per il Sentiero Partigiano (10/05/15)
    Castelletto (Monte) da San Germano Chisone per il Colle Vaccera (09/05/15)
    Viso Mozzo da Pian della Regina (02/05/15)
    Petit Tournalin da Cheneil (12/04/15)
    Soma (Clot della) da Pragelato (20/03/15)
    Soma (Clot della) da Pragelato (15/03/15)
    Belvedere (Punta) da Fenestrelle e il Vallone Cristove (08/03/15)
    Piattina (Punta) da Prà del Torno (21/02/15)
    Bosco (Cima del) da Rollières (15/02/15)
    Cervetto (Testa di) da Meire Bigorie (17/01/15)
    Crosa (Fortini di) da Meire Bigorie (17/01/15)
    Servin (Monte) per la Costa Rugnusa e il Monte Castelletto (11/01/15)
    Vergia (Punta) da Pertusel (10/01/15)
    Pintas (Monte) da Usseaux, giro per il Colle delle Finestre (06/01/15)
    Fournier (Cima) da Bousson (28/12/14)
    Begino (Monte) da Bousson (28/12/14)
    Crosa (Fortini di) da Meire Bigorie (27/12/14)
    Servin (Monte) da Angrogna per il Sentiero Partigiano (24/12/14)
    Meja (Rocca la) quota 2506 m cresta N da Preit (13/12/14)
    Platasse (Rocce, Colle di) da Ponte Terribile (29/11/14)
    Gran Miol (Punta del) dalla Valle Argentera per il versante NO (23/11/14)
    Banchetta (Monte) o Monte Motta da Sestriere Borgata (16/11/14)
    Banchetta (Monte) o Monte Motta da Sestriere Borgata (15/11/14)
    Ciabert (Costa) da Chianale (08/11/14)
    Viraysse (Tete de) da Meyronnes per il Col de Mallemort (19/10/14)
    Sette Confini (Monte) da Pinerolo, giro della Val Lemina per i Colli Crò, Ciardonet, dell'Eremita,Infernetto (18/10/14)
    Querellet (Monte) da Sestriere attraverso il Passo di San Giacomo (21/09/14)
    Jafferau (Monte) da Salbertrand per il Forte Pramand e la galleria dei Saraceni, giro per il Forte Foens (13/09/14)
    Chaberton (Monte) da Fenils, giro per Claviere ITINERARIO NON PERCORRIBILE (06/09/14)
    Cavallo (Punta del) da Casteldelfino, discesa su Pontechianale (29/08/14)
    Tre Chiosis (Punta) da Pontechianale per la Costa Savaresch (28/08/14)
    Udine (Punta) - Venezia (Punta) da Pian della Regina (23/08/14)
    Mongioie (Monte) da Rastello, giro per per Passo Saline, Bocchin Aseo e Laghi della Brignòla (19/08/14)
    Ghinivert (Bric) da Pattemouche per il Colle del Beth (18/08/14)
    Losetta (Monte) da Castello, giro Vallone di Soustra - Vallone di Vallanta (17/08/14)
    Barifreddo (Monte) versante NE e cresta SE (14/08/14)
    Trusciera (Monte) da Rodoretto, anello per il Colle della Balma (12/08/14)
    Manzol (Monte) da Villanova per il Rifugio Granero e il Col Manzol (06/08/14)
    Gran Guglia da Bout du Col, anello per il Lago Verde (04/08/14)
    Orsiera (Monte) dal Rifugio Selleries per la Via Normale del Canalone E (31/07/14)
    Chaberton (Monte) da Claviere per la Batteria Alta (26/07/14)
    Rametta (Passo) giro dei Tredici Laghi da Prali (19/07/14)
    Stau, Panieris, Blanches, Tortisse, Stau (Colli) da Pontebernardo, giro (17/07/14)
    Puy e Pequerel (Borgate) da Fenestrelle, anello (28/06/14)
    Fraiteve (Monte) e Pitre de l'Aigle da Pragelato, giro (22/06/14)
    Bosco (Cima del) da Bousson, giro per Thures (21/06/14)
    Albergian (Monte) da Pragelato (14/06/14)
    Albergian (Monte) da Pragelato (14/06/14)
    Merla (Punta della) da Pinasca, giro per il Monte Cucetto (07/06/14)
    Albergian (Monte) da Pragelato (01/06/14)
    Rognosa (Punta) da Luserna San Giovanni per il Sentiero Partigiano al Colle Vaccera (25/05/14)
    Grinbassa (la) da Brossasco, giro (04/05/14)
    Midi o Muret (Punta) da Peyrone (16/02/14)
    Jervis Willy (Rifugio) alla Conca del Prà da Villanova (12/01/14)
    Finestre (Colle delle) da Balboutet (06/01/14)
    Servin (Monte) dal Colle Vaccera (29/12/13)
    Vej del Bouc (Colle) da Entracque, giro del Monte Carbonè per Ponte Porcera (30/08/13)
    Desertes (Passo) da Oulx, giro per il Passo della Grand'Hoche (27/08/13)
    Ghinivert (Bric) da Pattemouche per il Colle del Beth (13/08/13)
    Rocciamelone da la Riposa (09/08/13)
    Paur (Colletto Est della) da Sant'Anna, giro del Monte Matto (13/09/12)
    Roma (Punta) Via Normale da Pian del Re (09/08/12)
    Sautron, Portiola (Colli) da Saretto, giro per il Rifugio Stroppia (13/07/12)
    Piatta (Colle della) da Dronero, giro per Montemale, Bottonasco, Pratavecchia (25/03/12)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indritti (05/02/12)
    Piata o Plata (Bric la) da Sanfront, giro per il Colle di Gilba e San Bernardo (09/12/11)
    Muretto (Monte) da Pinerolo per Costagrande e Rocca Vautero (06/12/11)
    Sbaron (Punta) da Condove (04/12/11)
    Pietraborga (Monte) e Monte San Giorgio da Trana, giro (20/11/11)
    Sea di Torre giro da Torre Pellice (02/10/11)
    Castelletto (Monte) da San Germano Chisone per il Colle Vaccera (17/09/11)
    Tivoli (Monte) o Bric Arpiol da Paesana, giro (04/09/11)
    Chaberton (Monte) da Fenils, giro per Claviere ITINERARIO NON PERCORRIBILE (02/09/11)
    Chersogno (Monte) Giro del Monte Chersogno da Prazzo (01/09/11)
    Cristetto (Monte) da Pinerolo, giro del Gran Dubbione per i 7 Ponti (31/08/11)
    Ciantiplagna (Cima) e Colle dell'Assietta da Pourrieres per il Colle delle Finestre, discesa per il vallone Gran Cerogne (27/08/11)
    Albergian (Colle dell') da Laux, giro Val Troncea - Val Chisone per il Colle del Pis (26/08/11)
    Ruetas (Monte) e Monte Morefreddo da Pragelato per il Colle del Pis (24/08/11)
    Gran Guglia (Colletto della) da Prali, giro della Gran Guglia per il Rifugio Lago Verde (24/07/07)