mariomonaco


Chi sono

Gulliveriano dagli inizi Mario è partito per la sua ultima discesa il 5 maggio del 2014 sulla parte Ovest del Monte Charbonel.
Dopo centinaia di giornate vissute in montagna quella ha concluso la sua salita e la sua ricerca, che con la sua umiltà e la sua perveranza rimarrà nei ricordi delle persone che hanno avuto la fortuna di vivere queste emozioni con lui al fianco.

Le mie gite su gulliver

sciabilità :: ***** / ***** stelle
Ore 13: sbuco sul colletto Pensa in un turbinio di vento che solleva la neve dal basso, dopo un onesto discorso con l’alpe durato circa 6 ore. È tardi ma riposo al riparo sul lato sud, la parete è alta e la salita si è rivelata impegnativa, sono salito in libera per contenere i tempi e scorrere su i due risalti di ghiaccio sottile, da trattare con sensibilità alle piccozze, buono e sicuro. Nel giugno del 1977 Romeo Isaia, attuale gestore del rifugio Savigliano, tracciò con Guido Ghigo la splendida salita “diretta al Triangolo”, su questa ovest alta circa 1000 metri, costruendo una delle più complete vie di misto nelle Alpi Sud occidentali. Oggi sono salito da solo perché penso che una eventuale chiamata in sci sulla Ovest sia solitaria: la neve può essere pericolosa, è sovente ventata, quando andò Federico Varengo nel maggio 2009 rinunciai io e rimandai dirottandomi al Brec; questa volta avevo una mezza idea di cercare un compagno ma ho anticipato la salita di un giorno causa cambiamento meteo, infatti oggi mentre scrivo queste due righe è arrivata la perturbazione, tutto della montagna cambierà ancora, le grandi valanghe che si staccano dal Triangolo pensile spazzeranno la parete.
Parto saggiando pian piano la neve, tengo le antenne dritte ed inizio con qualche virata di prova, nei primi metri c’è poca neve su fondo duro, poi l’attività di pennello si fa regolare nel magico ghiacciaio del Triangolo ora illuminato dal sole. E' ampio, la neve è perfetta, quante volte avevo sognato di sciare sul Triangolo pensile! Nella parte bassa del Triangolo traverso a sinistra e continuo per la strettoia avvicinandomi al risalto-goulotte di accesso al Triangolo medesimo: dove in salita ero passato senza l’uso di cordami e ferramenta, predispongo una piccola calata di aiuto su cordino assicurandomi intanto con le piccozze. Rimetto gli sci e continuo con curve strette e tratti di derapata nelle strettoie del secondo nevaio (il meno sciabile, magro di neve, fondo irregolare), poi l’altra interruzione nella quale disarrampico alcuni metri sotto una doccia di farina da vento, per accedere al primo nevaio, il più basso, di nuovo in sci sul primo nevaio, neve di nuovo ottima, farina ventata, morbida e pennellabile, traverso diagonale verso destra, qualche metro sci in mano per valicare la dorsale rocciosa e giù a tutta velocità sui pendii verso il lago di Vallanta. Segue un trasferimento su crosta cedevole, raccapricciante, sino a Castello. Tutto cambia e oggi nevica, anche qui diventerà bella.
P.s. attenzione avviso: se la via originaria di salita "diretta al Triangolo" effettuata con buone condizioni e basse temperature limita i pericoli oggettivi, una discesa in sci è sempre e comunque pericolosa, su nevi sovente ventate e pendii sospesi molto ripidi. Non deve mai essere sottovalutata ed è opportuno averla salita una volta senza sci!

partenza

ripido, c'è poco da ridere

il Triandolo pennellato

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Veleggiamento da sogno con gli sci sul mezzogiorno, più di un’ora al cospetto del Chersogno seguendo gli amici Costanzo, Eugenio, Marilù ed il Drago che intanto scendono in sci la parete sud e risalgono dinuovo in vetta per il passo Chersogno.
Decollo dal Chersogno, buone correnti ascensionali termodinamiche mi riportano più volte su verso la vetta ed il passo Chersogno, pennellando le pareti del monte La Bruna e Ruissas con brevi puntate lato Marchisa e vallone di Verzio su Acceglio. Salita per la cengia-parete sud, decollo facile con brezza leggera, ma aereo ed esposto lato sud ovest guardando verso il passo Chersogno. Qualche colpo di vento ogni tanto, ma la vela fornitami dagli amici di Sportfly di Busca, fa il suo dovere e si riapre istantanea. Facile atterraggio nei prati poco sopra Campiglione.

Tutto sul volo in parapendio: sito internet Sportfly vendita parapendii e ottima scuola di volo con Gianni in arte GIBI, a Morrra S. Giovanni frazione di Busca.

decollo dal Chersogno, verso SO

Marilù e il Drago stanno scendendo la cengia Sud

grandi pareti e la vela che pennella

[visualizza gita completa]

sciabilità :: **** / ***** stelle
Sci e parapendio. Partiti alle 8 da Campiglione in una giornata dall’aria frizzante, risaliamo la cengia della parete sud sulle tracce del Drago che ci precede inesorabile e poi per il pendio finale giungiamo sulla vetta con panorama mozzafiato. Marilù ed il Drago scendono la cengia-parete sud, per poi risalire dal passo Chersogno sino ad arrivare in vetta per una seconda discesa. Costanzo ed Eugenio scendono verso il passo Chersogno e poi nel canalone sud, io in volo con decollo sci lato sud ovest verso il passo Chersogno e un’ora di veleggiamento da sogno al cospetto delle pareti Chersogno-La Bruna-Ruissas con brevi puntate lato Marchisa e vallone di Verzio su Acceglio. Atterraggio su ampio prato poco sopra Campiglione.

decollo dal Chersogno, verso SO

Costanzo e Mario all'uscita

Marilù e il Drago stanno scendendo la cengia Sud

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Salita seguendo il costone dal rifugio Savigliano, su una spruzzata di farina del giorno precedente, con Fede e simpatica compagnia. Decollo poco sotto lacresta di vetta, in un pendio orientato verso sud-ovest. Volo in sci nell'aria fresca e frizzante che arriva dal Queyras, al cospetto del Viso ad ovest, con breve passaggio sul vallone di Vallanta e ritorno sopra Pontechianale con scenario Ferra-Pienasea-Salza-Mongioia a sud, atterraggio poco sopra il rifugio Savigliano.

decollo, davanti agli sci il gruppo Pienasea Salza Mongioia

in virata verso Caprera e Viso

Federico arriva in vetta, a spalle la sua vela e a destra il Viso

[visualizza gita completa]

sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
note su accesso stradale :: Strada chiusa a Tetti Gaina
Sbucato sul colletto verso le 11, piccola pausa in vetta con osservazione sull'opposto canale nord che sembra in buone condizioni, salvo un piccolo cumulo laterale da vento nella parte alta, osservazione sul meraviglioso panorama a 360° dominato dall'imponente serra dell'Argentera magnificamente innevata.
Segue partenza per un'emozionante discesa in parete est dalla quale sono salito. Con questa parete avevo un discorso aperto, ero salito a maggio 2010 con già l'intenzione di una discesa in sci, ma me ne ero ben guardato poichè la neve, appena toccata dal sole, divenne pappa e discesi dal più tranquillo e sicuro canale nord. Oggi è tutta un'altra faccenda, la neve è ancora prevalentemente fredda invernale, salvo qualche tratto più esposto al sole. Una decina di curve di riscaldamento, saggio la bontà sciistica che mi si prospetta, supero una prima strettoia e il lavoro di pennello si fa intenso, ritmo brevemente rallentato da una seconda strettoia situata 100 metri circa sotto la vetta, sono 3 metri soltanto ma di neve dura come cemento e ripidissima sulla quale le lamine affilate incidono appena, evidentemente il vento recente da nord-est ha scoperto un tratto di neve vecchia e ghiacciata. La continuazione è un delirio dei sensi: farina vecchia "a buccia d'arancia" che lascia alla sola fantasia il disegno da impostare. Scendo comunque con attenzione: la parete è esposta su grandi salti rocciosi e gli errori non sono ammessi, meglio tenere le antenne dritte e rimanere sempre dove la neve è più assestata come già studiato durante la salita. Arrivato sopra alla barriera rocciosa supero verso sinistra una piccola dorsale e con un delicato traverso ancora a sinistra, sempre in sci, la evito sul fianco accedendo ai pendii basali, un'altra scorpacciata di curve su farina pressata sino al colletto del Valasco. Poi continuazione su neve strappamutande* sino al Valasco, una visita al gestore del rifugio alla ex Casa reale di Caccia, e via verso Terme e Tetti Gaina.
* Strappamutande: neologismo coniato dall'amico Robi G. (ved. qui su Gulliver sua gita di gennaio), di indubbia efficacia per descrivere una neve fantastica, in questo caso è farina sulla quale gli sci volano leggeri, altre volte potrà essere una neve primaverile, dura e veloce, l'importante è vivere questi momenti sciistici.

la parte alta e i disegni degli sci, visti risalendo dal colletto Valasco

si parte

la parete pennellata, vista risalendo dal colletto Valasco

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Da Figliere risaliti sino alla cresta sommitale, decollo agevole e bel volo in sci lato nord con atterraggio su prato al ponticello della strada per Figliere, in una giornata luminosa di marzo con brezza leggera. Bella idea di Federico, sempre attivo nella ricerca alpinistica e "volatile" di itinerari estetici ed inconsueti. Marilù e Costanzo proseguono verso il Grum. Ottimo innevamento dappertutto a perdita d'occhio.

scenografia sommitale dopo il decollo

Mario giù verso la valle Grana

Federico al decollo

[visualizza gita completa]

sciabilità :: *** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
Sceso con attenzione perchè nella parte alta ci sono piccoli cumuli da vento della recente nevicata e tratti di crosta non ancora assestati, trovato invece buone condizioni nella parte bassa con neve ventata dura e portante. Per trovare tutto il percorso in buone condizioni penso sia meglio aspettare ancora un po' di giorni affinchè la neve possa essere più regolare e assestata. Stesso discorso per il canale est di Rocca Bianca.

partenza

parte alta

rocca del Nigro in 1° piano e la Niera sullo sfondo

[visualizza gita completa]

sciabilità :: *** / ***** stelle
Partenza da quota 1800 m. circa sulla strada per La Riposa, da qui innevata, salgo passando per la Crocetta e mi porto al centro della parete seguendo la grande cengia del percorso estivo, poi su verso la cima cercando già in salita un itinerario tra le rocce sulle magre nevi, ai fini della discesa in sci.
Discesa un po’ tardiva verso le due del pomeriggio, perché sulla vetta il tempo passa in una lunga e rilassante sosta, con panorama mozzafiato che spazia dalle Marittime al Viso, dai denti d’Ambin allo Chaberton al Monte Bianco. Inizio con alcune curve proprio sotto il busto di Vittorio Emanuele II che sembra guardare perplesso, tenendo la sinistra in prossimità della cresta nord-est, dopo una decina di metri evito il primo risalto senza neve valicando per un breve tratto sull’orrida parete nord-est in neve farinosa, rientro subito sulla sud-est al di sotto del saltino roccioso, continuo tra le roccette affioranti con alcuni passaggi delicati e ”psichici” su neve marmorea, in parte sul percorso estivo incavato tra le rocce dove la neve si è fermata. Da 3500 in giù la sciata si fa scorrevole, neve di consistenza variabile, increspata in superficie e con buona presa. A quota 3100 m. circa esco dalla parete con un ripido traverso verso destra, che mi conduce, valicando la dorsale, sul percorso di salita e sul pendio che dalla Crocetta scende verso il rifugio Ca’D’Asti, poi giù sino alla strada, tratti erbosi affioranti nella parte bassa, perdonabili dopo una discesa di così ampio respiro: la parete sud-est è immane e tutto sommato non è male affrontarla con poco innevamento, ZERU rischio di valanghe, tuttavia per estimatori del genere: “nevi essenziale e scarne, ridotte all’osso”, da amare come il cactus che si accontenta di poco.

pausa in salita, prima di entrare nella parete sud-est al centro della foto

prime curve sotto la vetta, contro il cielo si staglia il l busto di Vittorio Emanuele II

breve tratto da valicare in parete nord-est

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: / ***** stelle
attrezzatura :: scialpinistica
Continua regolare l'attività scialpinistica: dopo una salita alla cima Dufour per cresta dalla Zumstein (senza sci ovviamente) e notte alla capanna Margherita, discesa alle 9 di mattina su splendida neve firn sino all'altezza del rifugio Gnifetti e ancora un tratto nel canale di fianco al rifugio sino al ghiacciao di Indren. Con Marilù e lo "Sdarda".

Marilù sul Ludwigshöhe, sfondo Lyskamm e i giganti del vallese

primi raggi sul colle del Lys, ignoti campeggiatori e sullo sfondo la Dufour

lo Sdarda su neve superba

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Cresta in buone condizioni con roccia asciutta, divertente anche il tratto di neve scavalcando la Zumstein. Dopo notte alla capanna Margherita, discesa in sci al mattino seguente su fantastica neve firn sino all'altezza del rifugio Gnifetti e ancora un tratto nel canale di fianco al rifugio e ghiacciao di Indren. Con Marilù e lo "Sdarda".

arrivo in vetta

dalla Zumstein alla Dufour

primi raggi sul colle del Lys, sullo sfondo la Dufour

[visualizza gita completa]

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (01/05/14)
    Sacilotto (Cima) o quota 2906 m Parete Nord (15/03/14)
    Oriol (Cima dell') Versante Nord (15/03/14)
    Nebius (Monte) Parete e canalone O (11/01/14)
    Bianca (Rocca) Canale Est (06/01/14)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita da Indren (25/08/13)
    Bianco (Monte) Parete SO - Couloir Saudan (14/07/13)
    Monviso, Colletto Pensa Parete Ovest, diretta del triangolo (04/05/13)
    Monviso Canalone E/SE del Lago Grande di Viso (25/04/13)
    Oronaye (Monte) Volo dal canale Sud di Sx (15/04/13)
    Abisso (Rocca dell') canale S (11/04/13)
    Gran Zebrù dall'Albergo dei Forni (30/03/13)
    Monviso, Colletto Pensa Parete Ovest, diretta del triangolo (22/03/13)
    Chersogno (Monte) diretta Parete Sud (16/03/13)
    Chersogno (Cima) Per Parete S (16/03/13)
    Tre Chiosis (Punta) dal rif. Savigliano (10/03/13)
    Bresses (Testa Nord di) Parete Est - Alpamayo (04/03/13)
    Pergo (Rocca) volo da Figliere verso Frise (02/03/13)
    Nigro (Rocca del) canale ENE (27/01/13)
    Rocciamelone Parete SE (17/11/12)
    Zumstein, Gnifetti, Parrot, Ludwigshohe, Corno Nero, Vincent Traversata da Indren (19/08/12)
    Dufour (Punta) Via Normale Italiana per la Cresta SE (18/08/12)
    Zumstein (Punta) da Indren (29/07/12)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita da Indren (15/07/12)
    Bionnassay (Aiguille de) Cresta/Parete SE e Ghiacciaio di Bionassay (17/06/12)
    Droites (Col des) Face Sud (09/04/12)
    Rocca la Paur (Cascatone) (24/03/12)
    Bianca (Monte la) da Tolosano, parete NE (10/03/12)
    Tacul (Mont Blanc du) Goulotte Gabarrou - Albinoni (27/02/12)
    Chaberton (Monte) Parete S/SO - Combinazione Vincente (18/02/12)
    Ferra (Monte) Goulotte Grassi-Tessera (15/01/12)
    Cobre, cima Sud Canale Nord (06/01/12)
    Barbis (Rocca), forcella cresta Sud Couloir Est (31/12/11)
    Bianca (Rocca) Macro Couloir (11/12/11)
    Real (Tour) canale Nord di Sx (26/11/11)
    Oronaye (Monte) Canale Sud di Destra (12/11/11)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (29/10/11)
    Stella (Corno) Spigolo Superiore (16/10/11)
    Verte (Aiguille) Arete du Jardin (29/09/11)
    Weisshorn Cresta Est (21/08/11)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (02/08/11)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (26/06/11)
    Monviso Parete O del Colletto Pensa, diretta del triangolo (29/05/11)
    Monviso Canale Coolidge (07/05/11)
    Argentera, cima sud parete O (17/04/11)
    Argentera (Serra dell') - Colletto Gunther Canale e parete O (02/04/11)
    Malinvern (Monte), cima NO Couloir NO, Dufranc (27/03/11)
    Matto (Monte, Cima Est) Canalino Sandra (26/03/11)
    Tour Ronde Couloir Gervasutti (05/03/11)
    Oronaye (Monte) Canale Nord (26/02/11)
    Granero (Monte) Canale Nord (22/01/11)
    Frioland (Monte) Parete Est (15/01/11)
    Mongioia (Monte) o Bric de Rubren Parete SO (14/11/10)
    Salza (Monte) Parete SE (14/11/10)
    Salza (Monte) da Sant'Anna (13/11/10)
    Ferra (Monte) parete N (06/11/10)
    Marguareis (Punta) Canale dei Genovesi (30/10/10)
    Dent Blanche Cresta Sud (01/08/10)
    Brocan (Cima di) da Pian della Casa del Re (18/07/10)
    Bianco (Monte) per i 3 monti (Tacul, Maudit, M. Blanc) (10/07/10)
    Asta (Forcella dell') Canale Nord (29/05/10)
    Monviso, Parete Nord quota 3530 m Canale Coolidge Inferiore + Canale Perotti (08/05/10)
    Caprera (Colletto) Canale NO, Via Bano-Riva (25/04/10)
    Chambeyron (Aiguille de) Couloir Gastaldi e cengia Izoard (via sud alla breche Nerot-Vernet) (18/04/10)
    Nible' (Monte) versante SO (10/04/10)
    Asta Soprana (Cima dell') parete E, canale E (03/04/10)
    Argentera (Cima Nord) Canale della Forcella (17/03/10)
    Chambeyron (Brec de) Couloir Boujon (14/03/10)
    Bianca (Rocca) da Chianale, canale NE (06/03/10)
    Barracco (Colletto) Canale NE (24/01/10)
    Vallonasso (Monte) Parete Canale E (02/01/10)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (05/12/09)
    Madre di Dio (Colletto della) Canale Nord (28/11/09)
    Due Dita (Passo) Canale NE (21/11/09)
    Bianco (Monte) Sperone della Tournette (26/07/09)
    Pisco (Nevado) parete sud (10/07/09)
    Copa Cordillera Blanca cresta ovest e parete sud (09/07/09)
    Huascaran Sur - Cordillera Blanca - Peru pendio nord sotto il seracco 6280 m. (05/07/09)
    Ishinca – Cordillera Blanca – Perù per pendio SO e discesa parete NO (27/06/09)
    Fond d'Orset (Pointe du) parete O (07/06/09)
    Bresses (Testa Nord di) Canale N (02/06/09)
    Argentera (Cima Nord) parete NE (17/05/09)
    Pensa (Colletto) Monviso, Parete S (09/05/09)
    Chambeyron (Aiguille de) dalla vetta (04/05/09)
    Chambeyron (Brec de) Couloir Nord Bonacossa (02/05/09)
    Cibiroles (Tete des) rampa e couloir NO (01/05/09)
    Victor Chaud (breche) couloir Pélas-Verney (25/04/09)
    Agneaux (Montagne des) Couloir Piaget (14/04/09)
    Cordier (Brèche) canale E (14/04/09)
    Combeynot (Roc Noir du) Couloir NO, Orient Express (13/04/09)
    Matto (Monte, Cima Est) Parete SE, Terme Royal Express (09/03/09)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (08/03/09)
    Pelvo d'Elva parete E (22/02/09)
    Bianco (Monte) Cresta di Peuterey dal Col Eccles (25/08/08)
    Obergabelhorn parete Nord (20/07/08)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (05/07/08)
    Ciamberline (Punta) canale Nord per vallone Valletta (16/02/08)
    Pienasea (Cima di) Parete E (10/02/08)
    Salza (Monte, contrafforte est) parete SE (10/02/08)
    Venezia (Punta) Canale N (26/01/08)
    Grand Fond (Pointe Est du) Couloir Sud (31/12/07)
    Aiguillette (Monte ) - L'Asti Parete NO (17/06/07)
    Aiguillette (Monte ) - L'Asti Parete NO (17/06/07)
    Nadelhorn parete nord (10/06/07)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (27/05/07)
    Fletschhorn Parete Nord (20/05/07)
    Ciamarella (Uja di) Parete Nord (13/05/07)
    Coup de sabre (06/05/07)
    Giusalet o Ciusalet (Monte) o Signal du Clery parete ovest - La riscossa del feudatario (15/04/07)
    Zumstein o Gnifetti (Colle) Canalone Marinelli (26/04/06)
    Monviso Parete Sud e Canale Barracco (22/04/06)
    Jean Coste (Breche) Couloir NE (15/04/05)
    Nubiera (Buc de) Parete NE (05/04/03)
    Sautron (Monte) Canale E (25/01/03)
    Nebius (Monte) Parete e canalone O (12/01/03)
    Lausetto (Cima del) parete SE (22/04/02)