mariomonaco


Chi sono

Gulliveriano dagli inizi Mario è partito per la sua ultima discesa il 5 maggio del 2014 sulla parte Ovest del Monte Charbonel.
Dopo centinaia di giornate vissute in montagna quella ha concluso la sua salita e la sua ricerca, che con la sua umiltà e la sua perveranza rimarrà nei ricordi delle persone che hanno avuto la fortuna di vivere queste emozioni con lui al fianco.

Le mie gite su gulliver

sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
quota neve m. :: 1800
neige fantastique come sovente negli Ecrins, farine leggera su fondo duro in tutto il couloir. Partiti dal refuge de l'Alp, dopo il couloir Orient Express al Roc noir du Combeynot il giorno precedente. Gita in compagnia di Giorgio alias Sborderzena che surfa senza fare una piega. Salita fin oltre la Breche, sui pendii verso destra, e discesa dallo stesso punto quota 3490 m. circa. Gli sci lasciati al sole prima della discesa, grave disattenzione, sono riscaldati e fanno un po' zoccolo, ma gran bella discesa lo stesso...je ne vous dit pas, dit pas, dit pas.....
Come scrive Eraldo in una discesa precedente, occhio alla rimaye, che c'è anche se nascosta...occhio anche nella parte alta dove il y a du gas come pendenza, il couloir è concavo ed esige attenzione per gli sci, nessun problema invece con la tavola da surf, che passa indisturbata.....

primi raggi di sole

giorgio in salita

sopra la Breche

[visualizza gita completa]

sciabilità :: / ***** stelle
foto agli Agneaux e al Piaget lo stesso giorno, dalla Breche Cordier

Agneaux e Piaget al mattino presto

Agneaux e Piaget alle ore 10 dalla Breche Cordier
sciabilità :: ***** / ***** stelle
grande neige, aria asciutta con buona rigelata degli Ecrins, dal col du Lautaret ci sono alla portata una miriade di discese ripide sui Combeynot. Su proposta dello Chardonnay Kowalsky ci buttiamo sul couloir Orient Express, con discesa verso l'Autaret e successiva risalita al col du Laurichard per andare al refuge de l'Alp, dal quale ci aspetta il giorno dopo la Breche Cordier.

in salita

Marilena Marilù in discesa
sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
note su accesso stradale :: prevedere "scammellamento" da Tetti Gaina
Itinerario osservato il giorno prima (ved. gita del Lourousa), salita impegnativa visto il dislivello, partiti alle 5 da Terme e giunti in vetta dopo circa 6 ore e mezza di salita. Gita effettuata con Fede (Fideistico) che sale con la sua solita progressione inesorabile nella neve ghiacciata del mattino. Partenza delicata su neve ghiacciata e poi "mollata" dal sole, discesa esposta in ambiente willcoyotesco tra grandi balzi rocciosi, sempre con grande attenzione alla variabilità della neve; per intuizione di Fede trovato l'aggiramento della parete sotta la gran cengia alta, cosi' da evitare la goulotte sopra il Ragno percorsa in salita. Passato il Ragno e il traverso la discesa continua su balzi e reposoirs sin sul ponticello di Terme di Valdieri.

visto dal Lourousa
sciabilità :: *** / ***** stelle
Con l’innevamento eccezionale di quest’inverno, a Terme di Valdieri il vallone incassato che sale ai Lagarot non c’è più, è sparito e c’è al suo posto un prato bianco largo 100 metri che sale direttamente ai Lagarot. I segnali stradali spuntano appena dalla neve... Il Lourousa è anch’esso ben innevato sino agli “isolotti” e magro nella parte alta, nessuna traccia della nevicata di due giorni prima, sparita! Neve ventata abbastanza dura nella parte alta e ancora farina nella parte bassa, cumulo sul colletto Coolidge. Condizioni non ottimali per ciò che ci si aspetta dal Lourousa, ma buona discesa in compagnia di Fideistico, alias Federico V., osservando la parete sud del monte Matto da effettuare il giorno dopo. Preventivare lungo “scammellamento” da Tetti Gaina.

partenza dal colletto Coolidge e Monte Stella

in discesa
sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento morbida
neve (parte inferiore gita) :: crosta da vento dura
Splendida gita nonostante il lungo avvicinamento invernale (non tragga in inganno l'apparente vicinanza del Pelvo all'abitato di Elva!); partiti in sci dalla vetta, traverso a est sul bordo superiore del nevaio sommitale sospeso, entrando dalla cresta sulla ripida dirittura del canale centrale: neve morbida nella parte alta e poi dura, ventata nella parte media, bassa e giù dentro il vallone per 1200 metri di dislivello sino alla borgata Laurenti; ubriachi dal gran ski, perchè dentro il vallone una provvidenziale linea ventata tiene la neve durissima proteggendola dal "maffismo" nel sole pomeridiano; come difficoltà mi sembra un 5.1 con discesa diretta dalla cresta sommitale; mes compliments à monsieur Igor Napoli qui fit la première descente du Pelvo en mars 2001....

la parete

Costanzo e Marilena sulla vetta

partenza sul nevaio somminale

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Con la discesa e relativo traverso dal col Eccles, pervenuti nel fantastico ambiente del col de Peuterey, grandioso nella luce pomeridiana al cospetto della Blanche e dei piloni del Freney; bivacco a "cielo aperto" (non sopporto le trune, quel senso di umido.....), risveglio ricoperti da alcuni centimetri di neve non prevista dal meteo, attesa di miglioramento e partenza ad ora tarda, dopo le 8.30 affinchè le rocce del Pilier d'Angle si scrollassero il nevischio (ora, a fine agosto il couloir Eccles non è percorribile); lenta risalita del Pilier su misto, raggiunta la cresta alla confluenza del couloir Eccles e proseguimento su neve regolare ma faticosa a causa dello zoccolo: le nuvole avevano "maffizzato" la neve almeno sino a quota 4500, poi graduale miglioramento, alcuni decine di metri di ghiaccio a quota 4600 e rasserenamento del tempo, cielo blu con stupendo panorama che si apre verso il basso; diego parte da primo con grinta e forza la cornice uscendo sul Mont blanc de Courmayeur, niente vento e dolcezza dell'aria pomeridiana, trasferimento al Bianco e discesa al tramonto verso il refuge de Gouter; Un itinerario di gioia e bellezza; amenità: vedere la foto di Lyn, la mitica cagnetta del Monzino che ha raggiunto il Pic Eccles, insieme ad una guida spagnola ed il suo cliente, in cordata "a tres"; vedere inoltre foto del pennuto che sfruttando una termica pomeridiana, è salito al col de Peuterey per la merenda sinoira.

Lyn è la cagnetta del Monzino, in cordata "a tre" con guida spagnola e cliente, ha raggiunto il Pic Eccles!

foto Diego, l'itinerario visto dal Dente del Gigante

la Blanche

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Ricordare la lunghezza dell'avvicinamento e partire presto (prima delle 4) dal rifugio. Il traverso su rocce marce impegna non poco, con Costanzo (è un nome proprio di persona, "gulliver" non acquisisce le lettere maiuscole...) siamo arrivati alla base della parete alle 9 circa; dal pianoro prima della terminale la visione è stupenda e come ho descritto nell'itinerario, le canne d'organo brillano verso il cielo, diritte e parallele nella pendenza che è di 55°-60°; abbiamo trovato la parete tutta in ghiaccio buono ricoperto da pochi centimetri di neve e siamo saliti con una "conserva lunga" assicurata, inserendo ogni tanto una vite da ghiaccio, per cui il tempo si è allungato ed abbiamo impiegato quasi 5 ore; se però fosse in neve ben assestata e procedendo più spediti penso si possa salire anche in 2-3 ore;

sotto le rocce di vetta abbiamo piegato a destra, dove la pendenza di fa più accentuata, circa 70° negli ultimi metri con le attuali condizioni di neve prima di arrivare alla cornice, tagliata la quale siamo usciti sulla cresta nord-ovest; da qui alla vetta mancavano circa 40 metri di facile cresta-pendio, ma abbiamo rinunciato senza esitazione a salire alla cima, visti i nuvoloni e l'elettricità nell'aria pomeridiana che faceva friggere piccozze e ferraglia appesa all'imbrago: discesa in fretta lungo la cresta, varie pause con gli oggetti metallici depositati lontano aspettando che l'effetto "frittura" cessasse; due doppie per calarci sulla parte alta del ghiacciaio, solito traverso su ghiaccio e poi sulla cengia di rocce rotte, attraversamento della morena, risalita al rifugio dove i gentili gestori avevano pensato alla nostra cena: grande ospitalità alla Cabane du Mountet.

visto dalla cab. du Tracuit

nord lontana

vista dal rifugio

[visualizza gita completa]

sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
quota neve m. :: 2100
partito tardi, ore 9 da terme, uscito all'una e mezza, discesa verso le due su buona neve lambita dal sole; inutile salire e scendere molto presto: le tracce di salita rigelate nella notte sono bolle di ghiaccio in rilievo insidiose ed è meglio siano ammorbidite dal sole; è sempre una bella gita e oggi per il sottoscritto un esame sul ripido dopo la frattura zampa post. destra e conseguente azzeramento delle facoltà deambulatorie-sciistiche; per la verità, la settimana scorsa avevo iniziato con l'ottimo gruppo monregalese (peppo esploratore, fabrizio, svalerio e andrea) giù dal Dolent in val Ferret: anche qui gran dislivello - più di 2000 metri, 1700 metri di discesa sci ai piedi e il mio "sblocco"sul ripido nella paretina grazie alle ottime curve di andrea sceso per primo... tornando a questo lourousa, buone condizioni nella parte alta, dove la rigola è contro la parete del corno e lascia 3-4 metri per curvare, si scende tenendo la propria destra sulle contropendenze del monte stella, poi ci si sposta in prossimità degli isolotti, qui neve un po' bucata (ma siamo a luglio, non si può avere tutto!), poi giù sino ai pressi del bivacco Varrone, indi traversino a piedi contro le propaggini del monte stella e discesa sino a quota 2100 m- sopra il lagarot.... insomma, è luglio e c'è di che essere soddisfatti. precisazione: Chi si ferma al bivacco deve portare a valle tutti i rifiuti e lasciare pulito per gli altri che passeranno dopo....etica e civiltà sono sempre benvenute.
sciabilità :: ***** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
quota neve m. :: 700
La valle Gesso, con la sua particolare morfologia di pareti solcate fittamente da canali, è una miniera per lo sci ripido. Molti itinerari sono già stadi scesi, altri ne rimangono da individuare e percorrere. Se le Alpi Marittime non sono altissime, le partenze da bassa quota offrono però gitun impressionanti da quasi 2000 metri di dislivello, quindi ... c'è poco da ridere.... Quando ci sono le condizioni di neve buona e temperature basse, si possono effettuare discese di grande soddisfazione specie nel ripido, visto che le pareti si ergono strette e scoscese dai fondovalle sottostanti. Gran gita in compagnia (si fa per dire....) di Fede Varengo (detto "il mostro" per la sua progressione inesorabile su qualsiasi terrero e qualsiasi gradazione di pendenza), Eraldo, Lodo ed il Ninyo. Questo "couloir sospeso" delle Ciamberline si collega nella parte alta al pendio sommitale, circa 40 metri sotto la vetta rocciosa. Giunti leggermente sgorillati dopo i 2000 metri di dislivello di oggi; gran merito ad Eraldo che ha individuato il momento giusto per trovare le giuste condizioni della neve.

eraldo

lodo cattivissimo sui pendii sommitali

fideistico inizia la fresatura

[visualizza gita completa]

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (01/05/14)
    Sacilotto (Cima) o quota 2906 m Parete Nord (15/03/14)
    Oriol (Cima dell') Versante Nord (15/03/14)
    Nebius (Monte) Parete e canalone O (11/01/14)
    Bianca (Rocca) Canale Est (06/01/14)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita da Indren (25/08/13)
    Bianco (Monte) Parete SO - Couloir Saudan (14/07/13)
    Monviso, Colletto Pensa Parete Ovest, diretta del triangolo (04/05/13)
    Monviso Canalone E/SE del Lago Grande di Viso (25/04/13)
    Oronaye (Monte) Volo dal canale Sud di Sx (15/04/13)
    Abisso (Rocca dell') canale S (11/04/13)
    Gran Zebrù dall'Albergo dei Forni (30/03/13)
    Monviso, Colletto Pensa Parete Ovest, diretta del triangolo (22/03/13)
    Chersogno (Monte) diretta Parete Sud (16/03/13)
    Chersogno (Cima) Per Parete S (16/03/13)
    Tre Chiosis (Punta) dal rif. Savigliano (10/03/13)
    Bresses (Testa Nord di) Parete Est - Alpamayo (04/03/13)
    Pergo (Rocca) volo da Figliere verso Frise (02/03/13)
    Nigro (Rocca del) canale ENE (27/01/13)
    Rocciamelone Parete SE (17/11/12)
    Zumstein, Gnifetti, Parrot, Ludwigshohe, Corno Nero, Vincent Traversata da Indren (19/08/12)
    Dufour (Punta) Via Normale Italiana per la Cresta SE (18/08/12)
    Zumstein (Punta) da Indren (29/07/12)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita da Indren (15/07/12)
    Bionnassay (Aiguille de) Cresta/Parete SE e Ghiacciaio di Bionassay (17/06/12)
    Droites (Col des) Face Sud (09/04/12)
    Rocca la Paur (Cascatone) (24/03/12)
    Bianca (Monte la) da Tolosano, parete NE (10/03/12)
    Tacul (Mont Blanc du) Goulotte Gabarrou - Albinoni (27/02/12)
    Chaberton (Monte) Parete S/SO - Combinazione Vincente (18/02/12)
    Ferra (Monte) Goulotte Grassi-Tessera (15/01/12)
    Cobre, cima Sud Canale Nord (06/01/12)
    Barbis (Rocca), forcella cresta Sud Couloir Est (31/12/11)
    Bianca (Rocca) Macro Couloir (11/12/11)
    Real (Tour) canale Nord di Sx (26/11/11)
    Oronaye (Monte) Canale Sud di Destra (12/11/11)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (29/10/11)
    Stella (Corno) Spigolo Superiore (16/10/11)
    Verte (Aiguille) Arete du Jardin (29/09/11)
    Weisshorn Cresta Est (21/08/11)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (02/08/11)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (26/06/11)
    Monviso Parete O del Colletto Pensa, diretta del triangolo (29/05/11)
    Monviso canale Coolidge (07/05/11)
    Argentera, cima sud parete O (17/04/11)
    Argentera (Serra dell') - Colletto Gunther Canale e parete O (02/04/11)
    Malinvern (Monte), cima NO Couloir NO, Dufranc (27/03/11)
    Matto (Monte, Cima Est) Canalino Sandra (26/03/11)
    Tour Ronde Couloir Gervasutti (05/03/11)
    Oronaye (Monte) Canale Nord (26/02/11)
    Granero (Monte) Canale Nord (22/01/11)
    Frioland (Monte) Parete Est (15/01/11)
    Mongioia (Monte) o Bric de Rubren Parete SO (14/11/10)
    Salza (Monte) Parete SE (14/11/10)
    Salza (Monte) da Sant'Anna (13/11/10)
    Ferra (Monte) parete N (06/11/10)
    Marguareis (Punta) Canale dei Genovesi (30/10/10)
    Dent Blanche Cresta Sud (01/08/10)
    Brocan (Cima di) da Pian della Casa del Re (18/07/10)
    Bianco (Monte) per i 3 monti (Tacul, Maudit, M. Blanc) (10/07/10)
    Asta (Forcella dell') Canale Nord (29/05/10)
    Monviso, parete N quota 3530 m Canale Coolidge inf. + Canale Perotti (08/05/10)
    Caprera (Colletto) Canale NO, Via Bano-Riva (25/04/10)
    Chambeyron (Aiguille de) Couloir Gastaldi e cengia Izoard (via sud alla breche Nerot-Vernet) (18/04/10)
    Nible' (Monte) versante SO (10/04/10)
    Asta Soprana (Cima dell') parete E, canale E (03/04/10)
    Argentera (Cima Nord) Canale della Forcella (17/03/10)
    Chambeyron (Brec de) Couloir Boujon (14/03/10)
    Bianca (Rocca) da Chianale, canale NE (06/03/10)
    Barracco (Colletto) Canale NE (24/01/10)
    Vallonasso (Monte) Parete Canale E (02/01/10)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (05/12/09)
    Madre di Dio (Colletto della) Canale Nord (28/11/09)
    Due Dita (Passo) Canale NE (21/11/09)
    Bianco (Monte) Sperone della Tournette (26/07/09)
    Pisco (Nevado) parete sud (10/07/09)
    Copa Cordillera Blanca cresta ovest e parete sud (09/07/09)
    Huascaran Sur - Cordillera Blanca - Peru pendio nord sotto il seracco 6280 m. (05/07/09)
    Ishinca – Cordillera Blanca – Perù per pendio SO e discesa parete NO (27/06/09)
    Fond d'Orset (Pointe du) parete O (07/06/09)
    Bresses (Testa Nord di) Canale N (02/06/09)
    Argentera (Cima Nord) parete NE (17/05/09)
    Pensa (Colletto) Monviso, Parete S (09/05/09)
    Chambeyron (Aiguille de) dalla vetta (04/05/09)
    Chambeyron (Brec de) Couloir Nord Bonacossa (02/05/09)
    Cibiroles (Tete des) rampa e couloir NO (01/05/09)
    Victor Chaud (breche) couloir Pélas-Verney (25/04/09)
    Agneaux (Montagne des) Couloir Piaget (14/04/09)
    Cordier (Brèche) canale E (14/04/09)
    Combeynot (Roc Noir du) Couloir NO, Orient Express (13/04/09)
    Matto (Monte, Cima Est) Parete SE, Terme Royal Express (09/03/09)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (08/03/09)
    Pelvo d'Elva parete E (22/02/09)
    Bianco (Monte) Cresta di Peuterey dal Col Eccles (25/08/08)
    Obergabelhorn parete Nord (20/07/08)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (05/07/08)
    Ciamberline (Punta) canale Nord per vallone Valletta (16/02/08)
    Pienasea (Cima di) Parete E (10/02/08)
    Salza (Monte, contrafforte est) parete SE (10/02/08)
    Venezia (Punta) Canale N (26/01/08)
    Grand Fond (Pointe Est du) Couloir Sud (31/12/07)
    Aiguillette (Monte ) - L'Asti Parete NO (17/06/07)
    Aiguillette (Monte ) - L'Asti Parete NO (17/06/07)
    Nadelhorn parete nord (10/06/07)
    Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa (27/05/07)
    Fletschhorn Parete Nord (20/05/07)
    Ciamarella (Uja di) Parete Nord (13/05/07)
    Coup de sabre (06/05/07)
    Giusalet o Ciusalet (Monte) o Signal du Clery parete ovest - La riscossa del feudatario (15/04/07)
    Zumstein o Gnifetti (Colle) Canalone Marinelli (26/04/06)
    Monviso Parete Sud e Canale Barracco (22/04/06)
    Jean Coste (Breche) Couloir NE (15/04/05)
    Nubiera (Buc de) Parete NE (05/04/03)
    Sautron (Monte) Canale E (25/01/03)
    Nebius (Monte) Parete e canalone O (12/01/03)
    Lausetto (Cima del) parete SE (22/04/02)