marcog72


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 2400
Non fatevi ingannare dalla webcam di Pont: dopo la pista di fondo la mulattiera ha lunghi tratti puliti e quelli innevati sono tali perchè la neve è stata pestata ed è portante anche a piedi. In alto, se si tiene la dorsale dove ci sono le scorciatoie del sentiero, si arriva fino a 2500 m circa prima di trovare manto continuo. In salita, al buio ho tenuto caparbiamente le racchette anche sulle pietre, ma a scendere le ho tolte.
In quota le condizioni sono desolanti e da inizio estate: il caldo degli ultimi giorni ha dato una bella botta alla poca neve caduta nei mesi invernali. Se non ne fa ancora un po' e se fa un'estate torrida i ghiacciai saranno messi a dura prova (un esempio su tutti, la calotta del ciarforon è in ghiaccio vivo!).
La Tresenta ovviamente non sta meglio degli altri e la dorsale di salita è praticamente pelata oltre i 3200/3300 m. Pensavo che con le condizioni attuali non avrei incontrato nessuno invece supero due gruppi di skialp partiti del rifugio e diretti proprio sulla Tresenta. Per evitare la pietraia decido di provare a salire il versante NO, decisamente più innevato, quello che si vede dalla normale del Grampa e che d'estate conserva ancora placche di ghiaccio e nevai. La neve ha un ottimo grip e nonostante le pendenze salgo con le racchette fino a quasi 3500 m, poi metto i ramponi. Il tratto finale su roccia pulita è facile ma un po' rognoso. In vetta alle 9,40 in 4h20.
Sosta di 20 minuti per attendere i primi skialp (che hanno lasciato le sci alla base della dorsale) per farmi fare una foto di vetta e poi scendo della normale meno spoglia di quanto sembrava dal basso ma comunque percorribile solo con i ramponi. All'auto alle 13,00 dopo mezz'ora di sosta al rifugio. Tutto un po' di corsa, ma se avessi tardato anche non di molto avrei già rischiato di sfondare nei piani prima del rifugio, dove d'estate ci sono immense pietraie.

in verde la normale, in rosso la variante per il versante NO

Il versante NO visto dalla normale del Grampa (foto Renato63 - giugno 2009)

il versante visto salendo

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 2000
Dopo il couloir orientale del Roc Noir e la discesa dal couloir intime, vista l'ora, visto che il versante era ancora tutto in ombra, perchè non mettere in naso anche qui?
E quando mai capita l'occasione di salire due canali in un giorno e scenderne un terzo per due volte? I polpacci ringraziano... Comunque bel canale in un bell'ambiente.

a sx couloir intime, a dx couloir/goulotte intimitè
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: attenzione ai numerosi ungulati lungo la strada durante la notte
quota neve m :: 1700
Hanno detto tutto i due soci (Renato e Emma) che ringrazio per aver accettato questa controproposta di gita, come ripiego rispetto al progetto iniziale.
Gita lunga e faticosa (19 km AR). Contate 5h per salire al colle sud.
La salita alla "cadrega" più alta è breve e veloce ma dipende da quanti siete, dalle condizioni della roccia e se usate una corda o meno. L'arrampicata non è difficile ma parecchio esposta e può essere delicata se si affronta con i ramponi ai piedi. Noi avevamo una corda e visto che l'avevamo portata fin lì...

sullo spigolo a pochi metri dalla cima

salto verso la val po e l'inizio del canale coolidge

visolotto dalla vetta
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: molto bagnata
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1800
Nel Brianconnais l'innevamento è decisamente inferiore per quantità e il limite inferiore della neve è più elevato rispetto all'Italia.
Nei primi 100 m di dislivello la copertura è molto modesta e discontinua e c'è solo un po' di ghiaccio sulla strada, poi, giunti in vista dell'alpe de Lauzet la copertura aumenta.
Fortunatamente il vallone che si risale ha espo SO e quindi rimane in ombra abbastanza a lungo, ma il pendio/canale finale è invece rivolto a SE e quindi prende sole subito (maledetti SE!).
La neve è primaverile trasformata portante in salita fino a quando siamo rimasti in ombra, poi via via si fa più umida e sfondosa causa il forte irraggiamento e il gran caldo (e per questo metto una stella in meno rispetto ai miei soci).
Cresta finale non difficile con innevamento polveroso inconistente (costeggiare la cresta sul lato settentrionale poi traversare a sx poco sotto la vetta - ometti).
In discesa, nonostante tutto, condizioni migliori del previsto.
Anche oggi in ottima compagnia di Renato e Emma, brava a proporci una serie di possibilità in questa zona da lei molto conosciuta.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: osservato fratture nel manto
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: ok fino a villanova
quota neve m :: 1200
Quanta neve, e già a partire da Villanova!
Sentiero di accesso al rifugio tracciato da sci e racchette, oltre solo una traccia di racchette fino alle grange di Partia d'amunt. Da qui abbiamo dovuto battere traccia fino a Pian Sineive (meta programmata) in farina pesante. Fino al Jervis al mattino si sale anche senza racchette (ma diventano indispensabili per la discesa), crosta portante nella conca, dove l'assestamento del manto ha creato delle fratture della crosta superficiale in stile "era glaciale". Tutto bene fin tanto che non è arrivato il sole poi c'era da fondere! Peccato che nevicherà perchè la neve stava trasformando alla grande...
Oggi con Mattia e Pietro.
A chi sale ai rifugio Jervis nei prossimi giorni:
1) siamo ormai in primavera, l'escursione termica è alta e il sole quando arriva è caldo. Anche se la neve al mattino è dura e portante sulla traccia, al pomeriggio si sfonda e anche parecchio. Procuratevi un paio di racchette, perchè se volete tribolare e spaccarvi le gambe siete liberi di farlo, ma pensate anche agli altri escursionisti prima di trasformare la traccia in un campo minato con buchi anche profondi mezzo metro!
2) non salite al rifugio subito dopo le prossime previste abbondanti nevicate. Lungo la strada ci sono diversi punti dove possono cadere valanghe, in questa stagione anche a tutte le ore del giorno.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada chiusa 1,5 km dopo Saint Rhemy
quota neve m :: 1600
Finalmente una neve che ti permette di muoverti senza l'obbligo di usare la traccia altrui o procedere faticosamente sfondando! Il caldo del we e il freddo dei giorni scorsi, insieme alla poca neve caduta la scorsa settimana in questo angolo di VdA, hanno consentito una rapida trasformazione sui versanti più ripidi ed esposti a sud.
Così stamattina bella neve portante fino al conoide. Il canale è svalangato (e qui ce l'aspettavamo visto il caldo del we) e in neve portante (qui oltre ogni aspettativa), molto dura nella larga rigola centrale. Dal conoide alla cima sono poco più di 200 m. Non avevo l'inclinometro ma a mio avviso le pendenze sono sempre prossime ai 40 gradi con qualche decina di metri più ripidi nella parte centrale e verso l'uscita. Sulla cresta c'è attualmente una grossa cornice che incombe sulle teste di chi sale, che non si tocca perchè all'ultimo il canale piega a sx verso la cima. Sul versante sud della costiera Fourchon-Pan de Sucre c'è anche un altro interessante pendio/canale che porta ad un colletto q. 2800 m circa posto fra le due cime (più prossimo al Pan de Sucre): questo possibile itinerario meriterebbe più considerazione perchè permetterebbe di abbreviare molto la salita a queste punte rispetto all'itinerario classico.
Dopo il Fourchon, inevitabile anche la salita del Pan de Sucre (MRA) (utili - ma non indispensabili se tracciato - ramponi e piccozza per la cresta finale). Discesa lungo l'itinerario classico cercando il percorso più breve, che ci ha condotti a passare a dx scendendo (sud) della Tour des Fous (il caratteristico torrione roccioso in mezzo alla conca del Gr. S. Bernardo); in questo caso c'è da discendere un breve ma molto ripido pendio (30-40 m expo S), meglio passare a sx (nord) puntando verso le case di Montagna Baus. Dalla Casa Cantoniera abbiamo seguito il canale che porta diretto alla conca sottostante.
Anche oggi in ottima compagnia di Renato ed Emma in una bellissima giornata fredda e ventilata.

la parte finale del percorso vista dalla crevacol (foto Sapetti 11-3-2011)
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: perfetto
quota neve m :: 800
L'Aquila: se non ci fosse, bisognerebbe inventarla.
Quando le condizioni sono critiche questa gita è sempre una garanzia: pistone tracciato, pendii sicuri anche con abbondante innevamento, esposizione favorevole.
Per il resto niente da aggiungere a quanto riportato ieri: sole caldo, tanta neve, difficile muoversi fuori dalla pista battuta. E poi.....nei we di bel tempo, solitudine assicurata!
Oggi finalmente con Anna. Un saluto a Gianni e ai suoi soci incrociati al parcheggio, con cui abbiamo condiviso un tratto di salita e che poi abbiamo visto proseguire sulla cresta verso l'Uja.

Anna in vetta all'Aquila

L'Aquila dalla cappelletta della Madonna della Pace

parking dell'Alpe Colombino
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1300
Gita tracciata e "ripassata", poco prima di noi, da un gruppo di forti racchettari e da uno di skialp che hanno proseguito fino a Pian Radice. Giornata velata, ma non fredda. Il sole l'abbiamo visto per pochi minuti solo al ritorno: peccato per le foto in tonalità di grigi (terza volta con la neve ma con meteo sempre sfigato...). Oggi in compagnia di Anna.

noi sulla rocca nera

anna in discesa
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1600
Ha già detto tutto il socio Renato. Aggiungo solo di prevedere l'impossibilità di raggiungere esattamente la cima escursionista, poichè la minuscola e aerea vetta è posta sull'ultimo di una serie di blocchi rocciosi accatastati che, se ricoperti da neve inconsistente, possono essere molto insidiosi e pericolosi (per l'esposizione e il rischio di finire in vuoto fra i blocchi). La si manca comunque per pochissimi metri. Il pendio finale è decisamente ripido solo nei 100 metri finali (piccozza e ramponi al seguito possono comunque tornare utili in caso di neve dura).

la cima vista dalla cresta poco oltre il colle di nel

vento

Renato quasi in cima

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: termiche consigliate da perrero
quota neve m :: 1200
Oggi solo CON un cane! Il solito simpatico Paco che accompagna tutti gli scialpinisti in partenza da Giordano. Stamattina, essendo stato il primo a partire, si è aggregato a me.
Traccia autostradale fino al bivio Giulian-Chiarlea, quindi bella traccia fino a 100 metri sotto il colletto dove il vento ha pasticciato un po', ma ormai si è arrivati. Traversata come da descrizione: si fa, ma non so se consigliarla, pensavo si potesse tenere la cresta, invece l'aggiramento del salto roccioso sotto la Chiarlea obbliga a perdere quota sul lato Germanasca attraversando un pendio un po' delicato decisamente ripido oggi in crosta da vento dura ricoperta da mezzo metro di farina. Il filo penso si possa fare integramente senza racchette ma con roccia pulita o con più neve dura e ramponi (c'è comunque da salire e poi ridiscendere). La risalita con tracciatura al colletto successivo su un pendio gemello a quello dove passa la traccia classica è stato invece di grande soddisfazione. Alle 12,55 all'auto.

la cresta Giulian-Chiarlea vista dal M.Giulian

la cresta Giulian-Chiarlea vista dalla P.ta Chiarlea

l'aggiramento del salto di roccia visto durante la discesa dalla chiarlea

[visualizza gita completa]

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • mostra tutte
  • Tresenta (la) da Pont Valsavarenche per il versante NO e la cresta N (11/04/11)
    Combeynot (Roc Noir de), spalla ovest 2990 m Goulotte Intimitè (07/04/11)
    Cadreghe di Viso da Castello per il vallone di Vallanta (02/04/11)
    Moulinière (Pic de la) da Le Pont de l'Alpe per il canale SE (24/03/11)
    Granero (Rifugio) da Villanova e la Conca del Prà (11/03/11)
    Fourchon (Mont) da Saint Rhemy per il Canale Sud (09/03/11)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (06/03/11)
    Nera (Rocca) da Crissolo (26/02/11)
    Fasce (Cima delle) da Chiapili di Sotto (25/02/11)
    Chiarlea (Punta) e Monte Giulian da Giordano, traversata in cresta (23/02/11)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (19/02/11)
    Ventasuso (Monte) dal Colle della Maddalena (13/02/11)
    Nona (Becca di) da Pila (09/02/11)
    Aquiletta (Punta) o Oilletta da Vens (06/02/11)
    Vitello (Corno) da Estoul (03/02/11)
    Casset (Brèche du) Petit Davin (30/01/11)
    Giobert (Monte) da Preit (23/01/11)
    Breithorn dal Passo del Sempione (18/01/11)
    Bianca (Rocca) da Indiritti (16/01/11)
    Gran Cima e Monte Perrin da Champoluc, giro valloni Mascognaz - Cuneaz (15/01/11)
    Costabella del Piz (Testa della) da Pietraporzio (12/01/11)
    Briccas o Trucchet da Serre per la Punta Dal Razil o Rumelletta (09/01/11)
    Tibert (Monte) da Santuario di San Magno (02/01/11)
    Leretta (Punta) e quota 2051 m da Pian Coumarial, anello (31/12/10)
    Boscasso (Bric) da Chialvetta (30/12/10)
    Gran Costa (Monte), Testa di Mottas, Testa dell'Assietta da Grand Puy, anello (29/12/10)
    Garitta Nuova (Testa di) da Becetto (28/12/10)
    Paglietta (Monte) da Prailles (27/12/10)
    Bianca (Rocca) da Pralapia per il versante Ovest (20/12/10)
    Bianca (Monte la) da Preit per la Parete SO (14/12/10)
    Trousciera (Monte) da Didiero per il vallone di Salza (10/12/10)
    Cugulet (Monte) da Sodani (03/12/10)
    Chiamossero (Monte del) o Ciamoussè da Limonetto (27/11/10)
    Bal (Cima del) da Villaggio Primavera per il versante NE e discesa canale SE (25/11/10)
    Sagneres (Pic delle) da Ponte Pelvo per il Vallone Camoscere (23/11/10)
    Vantacul (Monte) da Prà del Torno per la Piatta di Biasì (19/11/10)
    Doubia (Monte) da Ala di Stura (05/11/10)
    Arnas (Punta d') da Avèrole (25/05/10)
    Bianca (Rocca) da Saretto e la Forcellina per il versante ovest (18/05/10)
    Peigrò (monte) da Giordano per il canale N (17/05/10)
    Nera (Rocca) dal Rifugio Barbara per versante N canale dell'Inchiun (14/05/10)
    Barbis (Rocca) da Terme di Valdieri per il vallone di Lourousa e il Colle Chiapous (09/05/10)
    Orsiera (Monte, Punta Nord) da Pra Catinat per il canalino Ovest (30/04/10)
    Rabuigne (Punta di) da Bonne (21/04/10)
    Chalanche Ronde (Punta di) da Pra Claud per il versante E e la cresta S (19/04/10)
    Autour (Cima) da Cornetti (09/04/10)
    Bruta (Punta) da Indiritti per il vallone d'Envie (02/04/10)
    Sebolet (Cima) da Lausetto (31/03/10)
    Grande (Becco) cima Ovest per il Colletto della Meja, Colle Ancoccia e canalino SSO (27/03/10)
    Chaberton (Monte) da Monginevro per canali OSO della dorsale NO (23/03/10)
    Terra Nera (Monte) da Thures (17/03/10)
    Rousset (Col) da Giordano (14/03/10)
    Tsa (Mont de la) e Punta Chaligne da Buthier (13/03/10)
    Chiarlea (Punta) da Giordano (12/03/10)
    Mongioie (Monte) da Viozene per la Gola delle Scaglie (02/03/10)
    Genevris (Monte) da Grand Puy, anello versanti SO-NE (01/03/10)
    Pertegà (Cima di) da Upega per il Colle Selle Vecchie (27/02/10)
    Cars (Cima) dal Villaggio d'Ardua per il vallone di Serpentera (25/02/10)
    Moncrons (Punta di) da Grand Puy (24/02/10)
    Jervis Guglielmo (Rifugio) da Chiapili di sotto (21/02/10)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indiritti (18/02/10)
    Sapei (Monte) da Celle (14/02/10)
    Entrelor (Cima di) da Bruil (13/02/10)
    Viridio (Monte) e Cima Viribianc da Chiappi per il Vallone Inciastar (07/02/10)
    Fascia (Cima della) da Limone Piemonte (03/02/10)
    Sarsassi (Punta) e Monte Ciarmetta da Pellegrino (31/01/10)
    Verde (Rocca) da Villaggio Primavera, anello Colle di Stau, Comba del Fanjet (28/01/10)
    Aigle (Pitre de l') da Villardamond (24/01/10)
    Crou de Bleintse (Mont) da Chatelair, versante SE (21/01/10)
    Finestre (Colle delle) da Balboutet (17/01/10)
    Frà (Testa dei) da Morge per il Colle Fetita (16/01/10)
    Grossiere (Costa) da Bardonecchia per la Punta Melmise (12/01/10)
    Negra (Rocca) dal Santuario di San Magno per la cresta Ovest (06/01/10)
    Ciardonet (Roc) da Pra Catinat per il versante SO (05/01/10)
    Grum (Monte) da San Giacomo, giro per Testa Gardon, Monti Bram, Omo, Borel (02/01/10)
    Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina (01/01/10)
    Faure (Colletta delle) da Villanova (28/12/09)
    Crosa (Cima di) da Meire Bigorie (02/12/09)
    Envie (Cappello di) da Prali (12/11/09)
    Tre Chiosis (Punta) da Genzana per la Costa Ciarinosa e la Costa Tre Chiosis (24/10/09)
    Vergia (Punta) da Rodoretto (12/06/09)
    Manzol (Monte) da Villanova per il versante NO canale centrale (03/06/09)
    Lamet (Pointe du) da Plan des Fontainettes (28/05/09)
    Rognosa del Sestriere (Punta) da Sestriere per il Canalone NO (20/05/09)
    Marchisa (Rocca la) da Sant'Anna (16/05/09)
    Piatta Soglia (Bric) e Bric Piatta Stana da Pralapia (11/05/09)
    Alta Luce o Hochlicht da Staffal per il Vallone di Salza (05/05/09)
    Banchetta (Monte) da Sestriere Borgata (02/05/09)
    Gran Truc da Crò per il versante Nord (30/04/09)
    Trois Evechés (Pic des), spalla 3092 m da Col du Lautaret (22/04/09)
    Pertiche (Clot delle) da Chasteiran per la cresta ENE (17/04/09)
    Feluma (Punta) da Valgrisenche (14/04/09)
    Sea Bessa da Pralapia (08/04/09)
    Battaglie (Truc) da Pian della Regina per il versante SO (22/03/09)
    Frioland (Monte) da Borgo Crissolo per il colle Frioland (21/03/09)
    Meano (Rocce) Canale SO (19/03/09)
    Cornour (Punta) da Giordano per cresta NE (13/03/09)
    Raccias (Punta) da Porte per il versante Sud-Ovest (11/03/09)
    Piata o Plata (Bric la) da San Bernardo (08/03/09)
    Nera (Rocca) da Villardamont e il Monte Triplex (07/03/09)
    Tempesta (Punta) e Punta la Piovosa da Tolosano, anello (28/02/09)
    Sueur (Cima della) Canalone Sud (Rravin de la Casse) (27/02/09)
    Merla (punta della) da Serre Marchetto e cresta SE (24/02/09)
    Borel (Monte) da San Giacomo (22/02/09)
    Garitta Nuova (Testa di) da Pian Munè (15/02/09)
    Reisasso (Monte) e Roccio Russo da Castello, anello (14/02/09)
    Selassa (Punta) da Ferrere per la cresta SE (08/02/09)
    Vergia (Punta) o Monte Gountin da da Prà del Torno (04/02/09)
    Nebin (Monte) da Goria Superiore (31/01/09)
    Muanda (Costa) da Pian Colombaro (29/01/09)
    Vecchio (Monte) da Limone Piemonte per il Colle Arpiola, possibile anello (25/01/09)
    Vandalino (Monte) da Ponte Barfè per il versante N (22/01/09)
    Jervis Willy (Rifugio) alla Conca del Prà da Villanova (21/01/09)
    Cialancia (Cima) da Desertetto per il Colle Arpione (17/01/09)
    Zerbion (Monte) da Promiod per la cresta Ovest (16/01/09)
    Vaccarezza (Monte) e Cima dell'Angiolino da Branco, anello (13/01/09)
    Servin (Monte) dal Colle Vaccera (11/01/09)
    Quinzeina o Quinzeina (Punta Sud) da Chiapinetto (05/01/09)
    Conce (le) da Maddalena (04/01/09)
    Pierre (Pointe de la) da Ozein (02/01/09)
    Alpe (l') o Alpe di Rittana da Gorrè (01/01/09)
    Sourela (Punta) da Col San Giovanni (28/12/08)
    San Bernardo (Monte) da Lemma (27/12/08)
    Cervetto (Testa di) da Meire Bigorie (24/12/08)
    Vallone (Cima del) da strada Quincinetto - Scalaro (22/12/08)
    Lausa (Truc) da Ruata (19/12/08)
    Laus (Bivacco) da Prà Catinat (09/12/08)
    Aigle (Pitre de l') da Traverses per la costa Zalet (03/12/08)
    Gimont (Mont) da Claviere per il Colletto Verde (27/11/08)
    Ostanetta (Punta) e Punta dal Razil o Rumelletta da Ostana, anello per Punta Selassa (25/11/08)
    Marchisa (Rocca la) da Sant'Anna (21/11/08)
    Viso Mozzo da Pian della Regina (18/11/08)
    Nera (Punta) da Grange della Rho (14/11/08)
    Gran Costa (Monte) da Grand Puy (10/11/08)
    Lauson (Bergerie) da Balziglia per la Cascata del Pis (07/11/08)
    Basei (Punta) dal Colle del Nivolet (19/06/08)
    Ghilié (Cima) da Pian della Casa del Re per il Vallone di Balma Ghilié (14/06/08)
    Lesache (Aiguille de) o des Sasses da Saint Remy (13/06/08)
    Furggen (Cima del) o Tète de la Forclaz da Cervinia (23/05/08)
    Chateau des Dames da Place Moulin (09/05/08)
    Scindarella (Monte) da S. Egidio per il Monte S. Gregorio di Paganica (01/05/08)
    Capraro (Monte) dalla Val di Rose (26/04/08)
    Almiane (Punta d') dal Ponte d'Almiane (16/04/08)
    Oserot (Monte) da Chialvetta per versante NO (04/04/08)
    Grand Etret (Testa del) da Pont Valsavarenche (29/03/08)
    Gardetta (Passo della) da Preit per il Colle del Preit (24/03/08)
    Autaret (Téte de l') da Sant'Anna per il versante SSO (22/03/08)
    Albergian (Monte) da Ruà per il versante NO e cresta OSO (18/03/08)
    Fallere (Mont) da Thouraz per il versante SE (08/03/08)
    Pienasea (Cima di) da Genzana per il vallone di Fiutrusa (01/03/08)
    Peigrò (Monte) da Villanova, versante SSO (26/02/08)
    Genevris (Monte) da Grand Puy, anello versanti SO-NE (09/02/08)
    Rasciassa (Punta) da Meire Bigoire per la cresta NE (08/02/08)
    Garitta Nuova (Testa di) da Pian Munè (05/02/08)
    Vallonetto (Punta) da Pragelato per la Cresta NO (31/01/08)
    Moncrons (Punta di) da Grand Puy (27/01/08)
    Ormea (Pizzo d') da Quarzina (26/01/08)
    Giulian (Monte) da Villanova e il Col Giulian (23/01/08)
    Briccas o Trucchet da Brich (21/01/08)
    Grané (Monte) da Pian della Regina (20/01/08)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (19/01/08)
    Blegier (Monte) da Grand Puy per il Col Lauson (10/01/08)
    Varin (Combe) da Pont Serrand (02/01/08)
    Pelato (Monte) da Pattemoucche per la cresta NO (27/12/07)
    Troncea (Rifugio) da Pattemouche, sentiero delle ciaspole (24/12/07)
    Bianca (Rocca) da Indiritti (19/12/07)
    Granero (Rifugio) da Villanova e la Conca del Prà (14/12/07)
    Founs (Rocce) quota 2762 m da Pian della Regina per il Vallone Cumbal del Rio (11/12/07)
    Bianca (Rocca) da Pralapia per il versante Ovest (05/12/07)
    Pierre Muret (Tète) dalle Grange Mouchecuite (16/04/07)
    Briccas o Trucchet da Brich (08/04/07)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indiritti (06/04/07)
    Rochers Charniers (Pointe des) da Montgenèvre (15/03/07)
    Malamot (Monte) o Pointe Droset da Piano San Nicolao (09/03/07)
    Faraut (Monte) da Sant'Anna (23/02/07)
    Vanclava (Monte) o Tète de Vauclave da le Pontet (17/02/07)
    Lose (Cima delle) da Argentera per il canalone NE (30/01/07)
    Fournier (Cima) da Thures per il Col Chabaud (28/01/07)
    Ghincia Pastour (Monte) da Pian della Regina (31/12/06)
    Cialma (la) o Punta Cia da Carello (26/12/06)
    Rossette (Cima delle) da Chianale (24/12/06)
    Armoine (Col d') o Dar Moine da Pian della Regina (20/12/06)
    Selliere (Col) e Schina d'Asu da Villanova (17/05/06)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (13/04/06)
    Selletta (Monte) da Rodoretto per il Colle della Fontana (04/04/06)
    Maurel (Monte) da Sant'Anna (30/03/06)
    Rutund (Bric) da Chiazale (25/03/06)
    Losas (Rocce Alte del) da Pian della Regina, anello (23/03/06)
    Rossette (Cima delle) da Chianale (18/03/06)
    Mondolè (Monte) da Artesina (14/03/06)
    Madonna del Cotolivier (Cappella) da Beaulard (12/03/06)
    Midi o Muret (Punta) da Peyrone (09/03/06)
    Arpiol (Bric) o Monte Tivoli da Porcili (05/03/06)
    Ostanetta (Punta) e Punta dal Razil o Rumelletta da Ostana, anello per Punta Selassa (02/03/06)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (28/02/06)
    Estelletta (Monte) da Ponte Maira (22/01/06)
    Orel (Rocca d') da Palanfrè (19/01/06)
    Chiggia (Costa) da Parrocchia di Marmora (15/01/06)
    Alpetto (Rifugio) da Meire Bigoire (14/01/06)
    Croce (Colle della) da Villanova per la Conca del Prà (29/12/05)
    Chiaretto, Fiorenza (Laghi) da Pian della Regina (27/12/05)
    Briccas o Trucchet da Brich (22/04/05)
    Birrone (Monte) da Palù per il Colle Birrone (13/03/05)
    Barant (Punta) da Villanova (11/03/05)
    Migliorero Guglielmo (Rifugio) da Besmorello (06/03/05)
    Dormillouse (Cima) da Thures (04/03/05)
    Ciantiplagna (Cima) da Balboutet per il Versante SO (24/02/05)
    Cassorso (Monte), cima ovest da Preit per il Canalone SE (15/02/05)
    Frioland (Monte) da Borgo Crissolo per il Colle delle Porte (27/01/05)
    Murel (Punta) da Meire Bigorie (11/01/05)
    Bosco (Cima del) da Thures (04/01/05)
    Bianca (Rocca) da Indiritti (01/01/05)
    Fraiteve (Monte) da Sestriere (16/05/04)
    Nera (Rocca) da Oncino (26/04/04)
    Français Pelouxe (Monte) da Balboutet (23/12/03)
    Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina (12/12/03)