maigol


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
condizioni ghiaccio :: ottimo
tipo ghiaccio :: morbido
quota neve m :: 2600
Abbiamo approfittato anche noi della formazione ottima della cascata quest'anno, anche se con temperature calde un po' al limite. Saliti in scarpe da ginnastica fin quasi al colle. Sul traverso si affonda un po' in brevi tratti, ma temevo peggio. Via molto segnata dai passaggi, difficoltà tecniche modeste. Arrivati fino alla croce di vetta, panorama eccezionale a 360 gradi. Altre tre cordate oltre a noi, non ci siamo disturbati. Ritorno a Celle per l'altro versante luuuungo, ma si scivola giù sulla neve per un lungo tratto. Bella giornata con Diego.

primo tiro spettacolare

vista eccezionale sul Monviso
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Tra le 22 persone che hanno intasato questa cascata sabato 21, c'eravamo anche io e Antonio (partiti in terza posizione).
Ringraziamo la cordata che a un certo punto ci ha convinti a scambiarci momentaneamente una vite da ghiaccio, e che poi è sparita (la mia era nuova). Similmente ringrazio la cordata a cui ho prestato un moschettone a ghiera, visto che loro sono arrivati in sosta senza, e che poi si sono dileguati. Da notare che scendendo avevamo concordato di restituirci il materiale vario al rifugio. Noi, arrivati al rifugio a non più di 15 minuti di distanza, non abbiamo trovato più nessuno...la cosa ha dell'incredibile. Se qualcuno di queste altre cordate legge queste righe, diciamo che farebbe bene a farsi sentire, qui o per email [email protected]
In merito alla cascata, penso che sia bella e meritevole, ma dopo questa esperienza assolutamente da evitare nel week end, e soprattutto in presenza di troppe cordate: il problema è che tutti scendono in doppia, e tra chi scende e chi sale scoppia l'inferno.

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
condizioni ghiaccio :: da discreto a mediocre
tipo ghiaccio :: morbido, dove c'e', ma qualche punto crostoso
note su accesso stradale :: tutto ok fino a glacier
Bella e varia, ancora in discrete condizioni, grazie all'esposizione. Varie possibilità di uscita al terzo tiro, su cui però bisogna andare alla ricerca del poco ghiaccio buono rimasto...almemo 6 cordate oggi, fortunatamente tutte "di buon umore", anche se ci siamo tirati addosso un bel po' di roba.
Con Antonio
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
condizioni ghiaccio :: molto variabili
tipo ghiaccio :: azzurro, a tratti crostoso
Ambiente isolato e suggestivo, in mezzo al bellissimo
parco del monte Avic. Volendo si può risalire la cascata
fin dal torrente, lungo una serie di salti via via più difficili. In alternativa occorre salire un po' a muzzo per rododentri, e poi traversare verso la base principale della cascata. Attualmente sono fattibili le linee di salita più a destra, e quella più a sinistra (fata turchina). La via centrale (fata morgana) è troppo magra in partenza.
Nei tratti meno ripidi è facile trovare crostoni da rigelo.
Molto bella la via più a sinistra (fata turchina) incassata dentro una gola, con varie possibilità di salita. Basta una sola doppia da 60 m da albero, ma attenzione a calarsi andando verso valle, altrimenti si finisce incastrati in dei buchi con stalattiti.
Con Antonio

saltino che precede la partenza vera e propria

condizioni del 3/3/2013

la bella via a sx nella gola: fata turchina
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
condizioni ghiaccio :: buone
tipo ghiaccio :: qualche tratto spaccoso/con cavolfieri presso sosta primo tiro
note su accesso stradale :: parcheggiare davanti eco-center, treversare ponte di ferro
Facile cascata di valore storico (sembra che sia tra le prime aperte da Grassi in val Susa) e di grande soddisfazione. Accesso agevolissimo in cinque minuti dalla macchina, e nonostante questo di sabato mattina eravamo soli! La cascata è ben formata, anche se sotto la media, a giudicare dalla posizione della prima sosta su roccia: ora risulta parecchio spostata sulla destra, e dunque un po' scomoda da raggiungere. Ben attrezzata anche la sosta del secondo tiro, che permette di calarsi con un'unica doppia da 60 metri fino alla base: ottimo per poi riprovarla tutta in moulinette nella parte un po' più difficile a sinistra, che ha dei brevi tratti belli verticali. Il nome attuale su gulliver è sbagliato: quello corretto è Bramafam (con la m finale)
Con Antonio

come si intravede dalla pista di fondo

stato della cascata il 16/2/13

particolare della prima sosta un po' spostata sulla destra
Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
condizioni ghiaccio :: variabile, da buono a mediocre
tipo ghiaccio :: a tratti spaccoso
Ottima sosta con spit e catena sulla destra, un po' oltre a metà. La discesa si può fare a piedi fino alla base, per recuperare eventuali zaini. Si può anche evitare di calarsi per la goulotte di accesso tramite sentiero, che consiglio di fare pure per l'avvicinamneto nel caso la goulotte di accesso fosse intasata di cordate. Le altre cascate della parte destra, più difficili, sembrano in buone condizioni, come da foto
Con Antonio

condizioni della parte destra di pineta nord, il 26 gennaio 2013
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
condizioni ghiaccio :: buone sulla centrale, discrete su quella di destra
Abbiamo salito la cascata centrale e quella di destra. In entrambi i casi abbiamo fatto un unico tiro (con mezze corde da 60m), saltando le soste intermedie su roccia. Comoda discesa in doppia, da albero (cascata centrale) e da sosta a spit con catena (cascata di destra). Il ghiaccio è buono sulla centrale, un po' meno su quella di destra, dove bisogna scegliere con un po' di attenzione il percorso per evitare tratti sottili e acqua. Attenzione che che il cartello per la frazione Cornetti è quasi invisibile: comunque, il bivio è prima di entrare a Balme: evitare di andare verso il rifugio Città di Ciriè come abbiamo fatto noi stolti all'inizio.
Con Antonio

vista di insieme