Gulliver outdoor - arrampicata, escursionismo, scialpinismo, sci alpinismo, alpinismo, canyoning, trekking, MTB, Cicloturismo

lucianeve


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Partiti da Sampeyre alle 8. Gita bella impegnativa per dislivello e sviluppo, ma i primi 1300 mt di si fanno su asfalto e questo facilita. Non c'é acqua fino a Chiesa, quindi meglio provvedere. Le due discese sono in ottime condizioni, senza passaggi di mucche. Quella su Chiesa molto scorrevole (flow) con alcuni brevi passaggi più tecnici, mentre quella su Pontechianale, in molti tratti é difficile, per rapidità e per la presenza di radici. La bella scoperta per noi é stata quella del fatto che dalla fontana di Castello, seguendo la pista forestale, si arriva a Sampeyre senza toccare la statale, se non per 500 mt a Casteldelfino. A Torrette la si prende prima del ponte uscendo dal paese a dx, quella col cartello di divieto di transito alle auto. A Chiesa, per prendere la strada per la Battagliola, occorre risalire verso monte.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Per la descrizione dell'itinerario leggere la relazione di Luca Belloni, molto dettagliata. Anto é salito anche sul Cassin ed ha trovato il sentiero migliorato, quindi praticamente tutto ciclabile in discesa.
Il sentiero da Chialvetta a Frere é stato tutto sfalciato.
Giro come sempre consigliabilissimo (il nostro preferito ;-).
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Bell'anello, con il tratto di spintage dall'asfalto al Passo d'Orgials di un'oretta scarsa e mai duro. Dal colle al Rifugio Malinvern paesaggi spettacolari. La discesa per me ciclabile al 70%, ma come sa chi legge le mie relazioni, nel dubbio scendo e questo abbassa la percentuale. Dalla diga volendo si può risalire al Forte Piroat (dovrebbero essere una ventina di minuti o poco più) e da lì prendere il sentiero tecnico che scende direttamente (molto) su Pratolungo.
Sono andata a leggere le relazioni di Pierriccardo ed ogni volta è come riscoprire un pezzetto di storia di quegli anni. Ci mancano.. Prova a mandarle da lassù, così vediamo se Internet è già arrivato..
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Partiti come sempre dalla Certosa. Il sentiero è franato in due punti, che occorre superare a piedi, ,ma si passa bene. Eravamo armati di Autan, invece le mosche e i tafani che popolano queste zone ad inizio stagione sono spariti :-). In salita non ho visto l'ultimo tornante della strada ed ho dovuto spingere la bici su per il "nuovo" pezzo di sentiero (anziché tracciare la vecchia strada, il Parco ha fatto questa deviazione ed è un peccato, perché così di fatto resta abbondonato il tracciato originale). In discesa conviene, arrivati al primo bivio subito dopo la prima parte ciottolosa sotto il Passo, prendere la traccia di sx ( la vecchia strada militare tutta ciclabile) anziché il sentiero segnato gta di dx che non è ciclabile (da me) . Le due vie cmq si ricongiungono poco sotto. Dislivello 1300 mt.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Giro come sempre spettacolare. Mi piace un casino. Il tratto critico, quello in basso al canalone, per raggiungere il vallone di Servagno, si passa bene, siamo riusciti a tenere la bici di fianco, senza doverla caricare sulle spalle. Arrivati all'auto alle 14,30, giusto prima che cominciasse a piovere.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Anche le gite fatte e rifatte a volte riservano delle sorprese ed oggi è stato proprio così: lasciato l'auto ad Acceglio, salita solita e discesa idem fino a Chiappera. Da qui, ascoltando il consiglio degli amici savonesi incontrati in cima, abbiamo attraversato il paese e poi abbiamo seguito il sentiero P.O. contrassegnato da tacche gialle, fino a Lausetto. Non è tutto in piano, a volte sale per brevi tratti, ma è di un bello spettacolo. Permette di vedere dall'alto Saretto e Ponte Maira. Poi da Lausetto bellissimo sentiero che porta ad Acceglio, per chiudere l'anello con 1750 mt. di dislivello.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Traversata Saretto - Saint Paul sur Ubaye con rientro dal Col Maurin, seguendo l'itinerario proposto sul libro MOUNTAIN BIKE di Sara e Mariano Icardi.
1° GIORNO: Saretto, Grange Pausa, Passo della Cavalla, Colle delle Munie, da qui si segue il sentiero che scende verso sx, palinato con tacche giallo-rosse, stupendo. Anziché scendere fino a quota 1970, noi abbiamo preso un sentiero a dx, indicato come sentiero della memoria e che con uno stupendo mezzacosta, in mezzo a prati ben erbosi, ma sempre pedalabile, ci ha portati al Fort de Mallemort, dove poco dopo abbiamo incominciato a risalire sulla strada sterrata per il Fort de Viraysse, che abbiamo abbandonato al bivio per il Col du Vallonet. Discesa come sempre spettacolare su Fouillouse, tappa al bar e poi ritornati qualche metro indietro, alla chiesetta, per riprendere il sentiero per Saint Paul. Arrivati al fiume in basso, conviene attraversare subito il ponte di legno e con la sterrata si raggiunge il paesino. Anziché all'hotel (un po' caro) ho prenotato a la Gite d'etape "LA SOUSTE": uno dei posti più carini che ci sia mai capitato in Francia: gentilissimo il giovane proprietario, ottimo cuoco, tutto pulitissimo ed economico (36 euro la m/p in dormitorio da otto, più 3 euro per lenzuola ed asciugamano), colazione abbondantissima con pane fresco, miele e marmellata fatta da loro). 1800 mt. di dislivello per 40 km. circa
2° GIORNO: saliti su asfalto per una decina di km fino a Maljasset, poi alla chiesetta abbiamo preso il sentiero per il Col Maurin (Col Mary) e da lì in poi io l'ho quasi sempre spinta. Dal colle a Chiappera invece tutto ciclabile. Dalla chiesetta preso ancora la strada sterrata sulla sx orografica della valle, che sale abbastanza, ma che permette di arrivare a Saretto senza toccare l'asfalto. 1360 mt. di dislivello per 33 km. circa.
Bellissimo giro, stra-consigliato.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Seguito itinerario proposto da "Mountain Bike a 360°", con partenza da Ponte Marmora, salita fin oltre al Preit di Canosio su asfalto e poi sterrato come da descrizione riportata qui su Gulliver. Dal colle siamo saliti alla cima a sx (Piutas sciistico). Per la discesa siamo ritornati al colle e poi giù verso Pratorotondo, su sentiero inizialmente tecnico (traverso un pò scivoloso) e poi quasi sempre ciclabile (per me che non sono un granchè 97 % , per i miei compagni di gita 100 % dalla cima). Sentiero verso Chialvetta con erba rasata, mentre da Chialvetta a Frere erba alta. Da qui abbiamo seguito la pista da fondo fino all'auto, tranne i 2/3 km di asfalto nel tratto di Maddalene, dove la pista è inagibile da anni. Il giro è di 1500 mt di dislivello.

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Tutto come l'anno scorso.. Però oggi ho perso il mio ciclocomputer, nero, sul percorso. Siamo saliti al colletto Campanin su asfalto e l'ho perso tra lì e il colletto Carbone. Lo so che sarà difficilissimo che qualcuno lo trovi, ma se succedesse il mio numero è 3388961358. Grazie
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Lasciato l'auto sulla piazza di Acceglio e saliti alle sorgenti di Maira su asfalto. Fatto tutto l'itinerario descritto, che in discesa dal Bonelli in giù ho trovato migliore di quello che pensassi. Siamo scesi dalle Munie, ma la prossima volta ritornerò al Passo della Cavalla, perché quel sentiero che scende all'Apzoi mi piace un casino e lo trovo più ciclabile. Arrivati alle sorgenti del Maira abbiamo preso il sentiero che parte subito finito il lago, a destra, e che fa atterrare sull'asfalto poco prima di Ponte Maira. Tappa obbligata da Matteo al Ciarbonet e poi giù per il sentiero che si prende a metà del centro abitato, a destra, subito prima del ponticello, dopo il Mistral e che permette di raggiungere Acceglio senza toccare asfalto. Così il giro diventa di 1600 mt circa.
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • mostra tutte
  • Battagliola (Colle della) e Punta del Cavallo da Sampeyre, giro per i Colli Sampeyre e Bicocca (04/09/16)
    Gardetta (Passo della) e Bric Cassin da Ponte Marmora giro per il Colle del Preit e Vallone di Unerzio (03/07/16)
    Orgials (Passo d’) da Vinadio, giro per Colle della Lombarda, Laghi della Valletta e Vallone Rio Freddo (05/09/15)
    Duca (Passo del) dalla Certosa di Pesio (09/08/15)
    Vallonetto (Colle del) da Pietraporzio, giro (08/08/15)
    Bellino (Monte) da Acceglio, giro per il Vallone Maurin (02/08/15)
    Sautron, Portiolette, Vallonet, Maurin (Colli) giro da Saretto (2 gg) (05/07/15)
    Soleglio Bue (Colle) o Soleil Boeuf da Canosio (07/06/15)
    Fascia (Cima della) da Limone Piemonte, giro (04/10/14)
    Soubeyran (Monte) da Saretto, giro per i Passi della Cavalla e Munie e Lago Visaisa (21/09/14)
    Jafferau (Monte) da Bardonecchia per il Forte Foens, discese: Valfredda; Bacini; Foens (13/09/14)
    Seccia (Colle di) da Callieri, giro della Rocca di San Bernolfo per i Laghi di Collalunga (30/08/14)
    Durand (Fenetre) da Etroubles, giro del Gran Combin per Col de Mille e Colle del Gran San Bernardo (3 gg) (23/08/14)
    Chambrettes (Crete des) da Pont de Bramousse, giro dei colli Bramousse e Fromage (17/08/14)
    Lenlon (Fort du) e Col du Granon da la Vachette, giro per il Fort de l'Olive e la Croix de Toulouse (16/08/14)
    Péas (Col de) da Chateau Queyras, giro del Vallon du Péas per il Col de la Crèche (15/08/14)
    Valletta Sottano (Lago della) da Aisone (03/08/14)
    Neirassa o Varirosa (Colle di) da Vinadio, discesa per Sambuco (02/08/14)
    Ferro (Testa del) da Pontebernardo, giro per i Colli di Panieris e del Ferro (19/07/14)
    Grammondo (Monte) da Menton, giro (30/09/13)
    Fascia (Cima della) da Limone Piemonte, giro (21/09/13)
    Ciotto Mieu (Colle) da Vernante (14/09/13)
    Citrin (Col) da Vetan, giro del Mont Fallére (31/08/13)
    Pelvo (Il) o Pic de Caramantran da Chianale, giro per i Colli Agnello, Chamoussière, Saint Veran, Biancetta (25/08/13)
    Neirassa o Varirosa (Colle di) da Vinadio, discesa per Sambuco (17/08/13)
    Bellino (Monte) da Acceglio, giro per il Vallone Maurin (21/07/13)
    Citrin (Col) da Vetan, giro del Mont Fallére (08/09/12)
    Tour del Monte Bianco (CCW) Tappa 1: Entreves - Champex (18/08/12)
    Agnello, Vieux, Echalp, Vallanta, Losetta (Colli) da Chianale, giro (15/07/12)
    Chambrettes (Crete des) da Pont de Bramousse, giro dei colli Bramousse e Fromage (08/07/12)
    Seccia (Colle di) da Callieri, giro della Rocca di San Bernolfo per i Laghi di Collalunga (30/09/11)
    Enchiausa (Colle d') da Chialvetta, giro dell'Auto Vallonasso e Mont Freid per il Colle Ciarbonet (21/08/11)