jdomenico


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: sentito assestamenti
note su accesso stradale :: ok, asfaltata, OCCHIO AI 2 DOSSI FEROCI (frazione prima di Les Fonds)
quota neve m :: 2100
Tratto iniziale ravanoso (sentiero in parte coperto da nevai scomodi) forse evitabile passando più in alto (traversi ripidi però...).
Poi neve continua sul lungo falsopiano nel vallone, portante al mattino, a tratti sfondosa al ritorno.
Da quando si piega a sinistra fino in cima condizioni super: neve portante con ottimo grip anche in discesa, max 10 cm di fresca solo nella parte più alta.
Salita in 3h30', discesa... quasi lo stesso tempo! Sia per la ricerca di un guanto perduto dal compare, sia per il falsopiano sfondoso ed il ravanage finale (una stella in meno).
Ambiente stupendo, meteo gran bleu con arietta fresca, nuvoloni verso sud e di meno verso nord.
Occhio ai due dossi sulla strada alla frazione prima di Les Fonds: altro che 30 all'ora! occorre andare a passo d'uomo.

Con il fratellino Angelo, che ha perso un guanto (di quelli che si soffia dentro...) se qualcuno l'avesse trovato...
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: ok
Giro effettuato salendo per il Gravio al colle Aciano, puntatina al monte Cormetto, discesa all'Amprimo e chiusura anello.
Sentiero dal rif.Gravio al colle Aciano ottimamente segnalato (tacche bianco-rosse) fino a sotto il colle, bello diretto soprattutto nel bosco, pulito dalla neve tranne un piccolo nevaio nel tratto finale che non da' problemi (scarpe basse).
Nel ripido tratto finale, dopo aver attraversato per l'ultima volta il canale sul nevaietto, di segni bianco-rossi io non ne ho visti: invece di seguire un segno blu che portava a traversare una fascia rocciosa, ho piegato a sinistra per tracce marcate tra zolle erbose (dopo un po' c'è un altro segno blu!): direi meglio, anche se si arriva poco più alti del colle. Dal rifugio 1h30'.
Per la cima ci si tiene sulla dorsale e ogni tanto a destra (lato Gravio) per tracce. Meno breve di quel che sembra, un po' di rododendring. Raggiunto sia il rilevo più alto che il più a nord, più roccioso e con segnale di vetta.
Tornato al colle, ho traversato per nevai al casotto, poi per neve ancora 50-100 m sotto, no problem con scarpe basse, solo un po' di bagnarola. Bel giro!
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: ok fino ai rifugi.
Le racchette si possono calzare a metà della diagonale che, tagliando fuori il pian della fonderia, raggiunge un tornante della strada prima della Maison de Chamois (oppure da P.dellaFonderia se si fa il percorso solito). All'andata sono passato sopra la Maison, è c'è un breve tratto senza neve, al ritorno (non vi ero mai transitato) seguendo le numerose traccie per la Maison (percorso quasi completamente coperto di neve). Dal pianoro prima del ponte in poi neve perfetta, strato variabile di fresca su fondo duro (il fondo manca solo a tratti sul pendio a destra subito dopo il ponte). DIscesa veramente adatta alle racchette, molto rapida e divertente.
Consigliata!
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok fino al tornante del vallone di Soustra (dopo divieto).
quota neve m :: 2200
FIno al pianoro dove sorgono le Grange Bernard sentiero pulito (sul lato opposto del vallone c'è ancora neve, ma scomodissimo per le racchette). Al fondo del pianoro decidiamo, stufi del portage, di attraversare il torrente e calzare le racchette. Il fondo del vallone è coperto solo in pochi punti, quindi traversi scomodi, soprattutto all'inizio. Dopo un po' di ravanage (infatti al ritorno siamo scesi per il sentiero, quasi del tutto libero dalla neve) finalmente poco prima del secondo pianoro la copertura diventa completa. Dopo.... bellissimo, fondo duro con straticello morbido della nevicatina di mercoledì. Accesso alla cresta un po' a sinistra del colle, a destra del risalto roccioso: in questo modo non si traversa e bastano le racchette. Dorsale con un solo punto di restringimento, subito dopo il suddetto spuntone. Discesa iniziata alle 12:00 con neve che ha tenuto benissimo, io in ramponi per comodità, mio fratello con le racchette.
Gita molto bella. Sarà perchè è stata la prima volta, ma anche il lungo vallone non mi ha per niente annoiato! Una stella in meno solo per il consistente portage e perchè il torrente dopo il pianoro non è ben coperto.
Panorama veramente interessante, non solo sul Monviso, ma su Salza/Mongioia, trittico Chersono/Pelvo/Marchisa, Merciantaira, Ramiere con tutta la cresta thuras-argentera, etc etc..., e si vedono sia il rifugio Vallanta che il Mont-Viso (ex Bailif).
In compagnia del fratellino, visto solo uno sky-alp che è arrivato prima di noi, poi... solitudine!
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Fino al tornante del vallone di Sustra.
quota neve m :: 2100
Fatto giro in senso inverso: sella d'Asti, Pic Brusalana, Breche della Ruine, Colle Vecchio.
Rocca Rossa "saltata" per mancanza di tempo.
Partiti alle 6:30 dal tornante di Sustra, strada con neve discontinua, portage 20-30'.
Neve trasformata su buona parte dell'itinerario, tranne sotto le roccette del Pic Brusalana.
A sorpresa portante e scorrevole anche alle 14:00 sotto il colle vecchio(noi siamo scesi da leggermente più in alto di tale colle).
Breche della Ruine in ottime condizioni, usati i ramponi più che altro per comodità (come pure nel traverso fino al colle vecchio).
Un po' più utili nel primo tratto di discesa dal Pic (non abbiamo fatto tutta la cresta, ma ad un certo punto ci siamo spostati a sinistra su tracce preesistenti traversando sotto la punta).
Anche se necessario un po' di portage, messo 5 stelle per la bellezza dell'ambiente, per il meteo immacolato e non esageratamente caldo e per la neve di buona tenuta, anche in discesa. Una delle più belle gite di sempre, fatta con Angelo.
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
note su accesso stradale :: OK
quota neve m :: 1600
Primi 100 m di salita con poca neve, che non copre pietre ed erba, poi gradualmente la neve aumenta. Ribattuta traccia subito dopo uno skialp molto veloce, dietro di me parecchia gente ma senza esagerare (circa 20 persone). Ora c'è un bel traccione. Parte finale con neve già portante. Nevischio appena percettibile in salita, vento fresco in cima, dopo le 11:00 ha cominciato a schiarire. Discesa bella (a parte il tratto basso) su strato consistente di neve fresca, anche se un po' pesantina, e con un bel sole. Il Monviso però non si è mostrato, ed ogni tanto qualche nuvola vagante portava ancora un po' di nevischio. Dalla cima ho provato a continuare verso Riba del Gias ma... anche se non ho sentito assestamenti, non mi sono fidato (la neve sulla dorsale era parecchia e la temperatura, a parte il vento, altina).
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: ok fino al posteggio precedente Ville HAute, poi divieto e strada innevata (il minimo)
Bellissima gita, poco relazionata come racchette.
Pensavo di diver ravanare per raggiungere la parte alta, causa assenza neve, invece il sentiero ha mantenuto una "scia" continua di neve, basta seguirlo senza tagliare.
All'andata non ho piegato abbastanza a sinistra e ho salito pendii a tratti piuttosto ripidi, sbucando quasi all'altezza del colle sulla dorsale che scende dalla crete de Mome a dividere i 2 valloni. Con un traverso un po' scomodo, da evitare con neve non sicurissima, mi sono portato al colle e da lì per dorsale a tratti sostenuta sull'anticima e poi comodamente sulle 2 cimette appena affioranti (ognuna un ometto corposo, ma nessuna altra indicazione).
Al ritorno ho rinunciato alla bella discesa per il Vallon, avendo notato la scarsità di neve nella parte bassa, che prometteva ghiaccio sul sentiero, e sono sceso per il Ravin de la Raoute,. Dopo un primo tratto di discesa goduriosa (i pochi cm di fresca scesi si sono accumulati nel Ravin) ho piegato gradualmente a sinistra per riportarmi al di sopra degli Chalets de Biaune. Questo percorso è il migliore anche in salita, almeno per le racchette, in quanto il traverso è molto più graduale e le pendenze meno sostenute (anche se divertenti).
La poca neve fresca ha però coperto le tracce, altrimenti in salita probabilmente avrei faticato di meno.
Un saluto alla coppia francese che è pervenuta solo fino al colle, seguendo le mie tracce di salita anche in discesa!
In cima da solo, panorama superbo, molto particolare su Re Magi e sulla splendida parte alta del Vallon, che mi riprometto di percorrere magari per raggiungere il Pic du Lac Blanc.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: fino a prima del ponte di Almiane con gomme da neve (ma con auto normale non è proprio il massimo)
Una stella in meno per la neve in discesa, che alternava tesoretti di farina su fondo duro a tratti con pochi centrimetri, micidiali se si scende su pendenze sostenute fuori traccia, come piace fare a me.
Buona traccia di sci quasi sempre portante e non troppo stretta.
Consigliata anche ai racchettari!
Un saluto al Griso (e agli altri skialp incontrati).
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
quota neve m :: 1400
Bella gita con meteo super, solo un po' lunga.
Una stella in meno per la pessima "neve" sopra al rifugio per andare ad imboccare il canale: cubettoni ghiacciati di slavine parzialmente coperti da neve più recente, il tutto piuttosto scivoloso e infido.
Non ci siamo immessi nel canale seguendo il traverso del sentiero (stretto) estivo, ma scendendo nel canale, attraversandolo e superando il salto critico a sinistra. Dopo non ci sono più asperità, ma la neve non è ancora portante (il canale non credo che in questo periodo veda il sole). I pendii laterali destri nella seconda parte del canale sono ancora carichi, ci siamo fidati visto il basso pericolo e le temperature in diminuzione... occhio se aumentano!). Usciti dal canale l'attraversamento del piano verso destra presenta neve non sempre portante, ma ora ci sono le nostre tracce. Gli ampi pendii superiori presentano neve di tutti i tipi (tranne che trasformata) un po' faticosa da salire (anche le tracce sono discontinue), meglio in discesa. Ci siamo fermati ad un'anticima leggermente più alta di quella "scialpinistica" (2797 su Fraternali) causa orario tardo (erano già le 13:10)
Col fratellino Angelo, sempre più in forma.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: OK, catena con ordinanza di chiusura poco dopo Bonne.
Neve continua sulla strada per l'alpeggio, tranne brevi interruzioni iniziali (primi 10').
Neve quasi sempre portante e con buon grip, dura anche in discesa fino all'alpeggio, salvo qualche zona.
Tratto finale percorso seguendo la cresta non difficile ma scoperta in alcuni punti. Altri 2 ciaspolatori
hanno invece seguito la traccia di traverso a destra (in salita) ma sono poi scesi dalla cresta.
Molti skialp francesi. Una stella in meno per somma di: elicottero che ronzava in zona e
discesa non proprio scorrevole nella parte medio-alta (io sono sceso per comodità coi ramponi),
comunque gran bella gita in bell'ambiente: consigliata.
Meteo super, temperatura gradevole, arietta in cima. Effettuata col fratellino Angelo.
Classificherei la gita BR, dato che è classificata BR la Dormillouse, che è senz'altro più facile (solo più lunga).
Poi... sputatemi pure addosso.
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Bezin Nord (Pointe de) per la Combe de la Jave e possibile anello (15/06/19)
    Sommeiller (Punta) dal Rifugio Scarfiotti per la Cima dei Fourneaux (08/06/19)
    Thabor (Monte) dalla Valle Stretta (19/04/19)
    Coin (Testa del) dal Ponte di Almiane (13/04/19)
    Dormillouse (Cima) da Thures (23/03/19)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (16/03/19)
    Malamot (Monte) o Pointe Droset da Piano San Nicolao (23/02/19)
    Bertrand (Monte) da Upega, per la Colla Rossa e cresta SE (09/02/19)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (02/02/19)
    Riba del Gias (Monte) da Meire Bigoire (27/01/19)
    Arzola (Monte) da Posio (12/01/19)
    Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina (29/12/18)
    Bocon Damon o Punta Giasset da Mont Blanc, anello (15/12/18)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indiritti (01/12/18)
    Carabinieri (Poggio dei) da Bousson (25/11/18)
    Tre Chiosis (Punta) da Genzana per la Costa Savaresch (13/10/18)
    Rechasse (Pointe de la) da Bellecombe (29/09/18)
    Rochers Charniers (Pointe des) e Pointe de Chalance Ronde da Montgenèvre per il Passo dell'Asino (02/07/18)
    Bezin (Pointe Nord e Sud de) Pointe de la Met, Ouille de Tretetes da Pont de la Neige (26/06/18)
    Lombard (Pic) da les Fonds (18/06/18)
    Piatou (Pointes de la) da l'Ecot per il Refuge des Evettes (09/06/18)
    Almiane (Punta d') dal Ponte d'Almiane (26/05/18)
    Coin (Testa del) dal Ponte di Almiane (19/05/18)
    Giornalet (Monte) dalla Valle Argentera (12/05/18)
    Reou d'Arsine (Pointe de) da Le Casset (05/05/18)
    Galibier (Pic Blanc du) dal Col du Lautaret (28/04/18)
    Terra Nera (Monte) da Thures, traversata per la cime Dormillouse e Viradantour e Colletto Clausis (04/02/18)
    Fournier (Cima) da Bousson (13/01/18)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indiritti (23/12/17)
    Lusignetto (Punta) da Ala di Stura (16/12/17)
    Mondolè (Monte) da Artesina (11/11/17)
    Sommeiller (Punta) dal Rifugio Scarfiotti per la Cima dei Fourneaux (27/05/17)
    Civrari (Monte, Punta Imperatoria) da Niquidetto (23/05/17)
    Merciantaira (Punta) o Grand Glaiza da les Fonts (20/05/17)
    Aciano (Colle) da Travers a Mont, anello dei Rifugi Amprimo, Toesca, Val Gravio (16/05/17)
    Thabor (Monte) dalla Valle Stretta (29/04/17)
    Losetta (Monte) da Chianale per il Vallone di Soustra (22/04/17)
    Rossa (Rocca) - Pic Brusalana giro del Pic d'Asti per Breche Ruine e Sella d'Asti (14/04/17)
    Cervetto (Testa di) da Meire Bigorie (26/03/17)
    Challange (Montagne de) o Charoumu da Nevache per il versante Sud-Ovest (29/01/17)
    Becco (Costa del) da Rochemolles (21/01/17)
    Rossa di Sea (Punta) da Balme (03/01/17)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (29/12/16)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (24/12/16)
    Lera (Monte) e Monte Rosselli da Valdellatorre per la Bassa delle Sette (13/12/16)
    Gran Costa (Monte) da Grand Puy (10/12/16)
    Dormillouse (Cima) da Thures (03/12/16)
    Barbeston (Monte) da Veulla per il Colle di Valmeriana (22/10/16)
    Chenaillet (le) da Montgenevre (15/10/16)
    Echaillon (Crete de l') da Nevache (07/04/16)
    Faraut (Monte) da Sant'Anna (24/03/16)
    Mulattiera (Punta della) da Melezet (19/03/16)
    Giassetto (Punta) da Fondo per il Piano di Candelle (10/12/15)
    Pers (Aiguille e Pointe) dal Col de l'Iseran (08/11/15)
    Ponton (Tour) dalla strada per Dondena (31/10/15)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indiritti (31/01/15)
    Thabor (Monte) dalla Valle Stretta (10/05/14)
    Sebolet (Cima) da Sant'Anna (26/04/14)
    Malacosta (Testa di) da Sant'Anna per il Vallone Baiso del Colle (18/04/14)
    Ciantiplagna (Cima) da Frais per il Colle delle Vallette (15/03/14)
    Sagnes Longues (Pointe des) dal Refuge d'Agnel per il Col de Chamoussiere (07/06/13)
    Gran Serin (Punta del) da Frais (24/05/13)
    Thabor (Monte) dalla Valle Stretta (11/05/13)
    Morefreddo (Monte) da Pattemouche (02/11/12)
    Glacier (Monte) e Tour Ponton giro dei Colli Fenetre, Pontonnet, Fenis, Foussi da Dondena (2/3 gg) (20/10/12)
    Merlo (Roc del) da Lanzo per la cresta di Monte Basso (06/05/12)
    Mirauda (Punta) da Pian delle Gorre per il Gias Fontana (05/05/12)
    Gardiole (la) da le Villard-Laté (01/05/12)
    Freidour (Monte) e Tre Denti di Cumiana da Bastianoni (17/04/12)
    Vallette (Cima delle) da Frais (10/03/12)
    Bellavarda (Uja di) e Punta Marsè da Lities (03/03/12)
    Pintas (Monte) dalla Fontana della Batteria (18/02/12)
    Ghilié (Cima) da Pian della Casa del Re per il Vallone di Balma Ghilié (21/05/11)
    Coin (Testa del) dal Ponte di Almiane (16/04/11)
    Lusignetto (Punta) da Ala di Stura (11/12/10)
    Frontera (Roccia) da Chiandusseglio (04/12/10)
    Sbaron (Punta) da Prato del Rio (27/11/10)
    Bataillères (Crête des) dalla Valle Stretta (06/11/10)
    Pierre Muret (Tète) dalle Grange Mouchecuite (18/04/10)
    Quinzeina o Quinseina (Punta Sud) da Santa Elisabetta (06/03/10)
    Birrone (Monte) da Giusiani (27/02/10)
    Aigle (Pitre de l') da Villardamond (23/01/10)
    Allégra (Ouille) da Bessans (28/11/09)
    Lausarot o Lausaret (Punta) da Cro di Sap (22/11/09)
    Envie (Cappello di) da Prali (14/11/09)
    Pelouse (Tete de) dal Pont Rouge per il Vallon de Lauzanier (25/07/09)
    Escreins (Pointe des) dal Refuge de Bassa Rua per il Col des Houerts (23/07/09)
    Mortice (la) dal Col de Vars per la Tete de Paneyron e il Col de Sarenne (20/07/09)
    Pelvo di Fenestrelle (Monte) dal Forte Serre Marie per il versante Sud (05/07/09)
    Mezzodì (Guglia del) e Cima della Sueur dal Colle della Scala (28/06/09)
    Gran Truc dal Colle Lazzarà (07/06/09)
    Carro (Cima del) da Chiapili di Sopra per il Vallone del Carro (02/06/09)
    Ferra (Monte) dal Rifugio Melezè (22/03/09)
    Rastcias (Monte) da Fracchie (14/03/09)
    Briccas o Trucchet da Brich (23/02/09)
    Crosiasse (Colle) da Chialamberto (06/12/08)
    Golai (Punta) dall'Alpe d'Ovarda (12/10/08)
    Rossa di Sea (Punta) da Grange della Mussa (05/10/08)
    Rossa (Guglia) o Aiguille Rouge dal Colle della Scala (14/06/08)
    Pian Paris (Punta) dal Rifugio Selleries (08/06/08)
    Collalunga (Cima di) da San Bernolfo per il Vallone di Collalunga (24/03/08)
    Dormillouse (Cima) da Thures (24/02/08)
    Maciarone (Monte) o Maceirun da Parco Montano (26/11/07)
    Doubia (Monte) da Ala di Stura (13/11/07)
    Bagnà (Punta) o Cime du Grand Vallon dal Vallone del Frejus per Punta del Frejus e Cote Traversiere (13/10/07)
    Almiane (Punta d') dal Ponte d'Almiane (22/04/07)
    Chalance Ronde (Pointe de) da Montgenèvre per il Passo dell'Asino (28/11/06)
    Clotesse (Punta) da Vazon o Pourachet per il Passo Desertes (11/06/06)
    San Chiaffedo (Passo di) da Meire Bigoire (19/04/06)
    Monti (I) dal vallone dei Duc (30/03/06)
    Cialma (la) o Punta Cia da Carello (04/02/06)
    Ciarm del Prete da Tornetti (12/12/05)
    Petit Rochebrune da les Fonds (21/05/05)
    Fiutrusa (Punta di) da Sant'Anna per il Vallone di Rui (07/02/05)
    Sommeiller (Punta) da Grange della Valle (05/06/04)
    Rossa (Rocca) - Pic Brusalana giro del Pic d'Asti per Breche Ruine e Sella d'Asti (08/05/04)
    Ostanetta (Punta) e Punta dal Razil o Rumelletta da Ostana, anello per Punta Selassa (02/05/04)
    Thabor (Monte) dalla Valle Stretta (04/04/04)
    Soglio (Monte) da Pian Audi (28/02/04)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indiritti (16/02/04)
    Garitta Nuova (Testa di) da Pian Munè (01/02/04)
    Tumolera (Monte) da Fontana (24/01/04)
    Valletta (Punta della) da Malciaussia per la Punta delle Lose Nere o Pointe des Loses Noires (20/09/03)
    Nera (Punta) da Grange della Rho (15/05/03)
    Rochers Charniers (Pointe des) da Montgenèvre (13/04/03)
    Barrouard (Monte) da Rivotti (19/03/03)
    Terra Nera (Monte) da Thures, traversata per la cime Dormillouse e Viradantour e Colletto Clausis (05/03/03)
    Tre Croci (Poggio) da Bardonecchia (18/02/03)
    Sourela (Punta) da Col San Giovanni (15/01/03)
    Bianca (Rocca) da Indiritti (04/01/03)
    Malamot (Monte) o Pointe Droset da Piano San Nicolao (19/12/02)